il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Archivio notizie (da Medio oriente e Asia)

Capitale e lavoro

(270 notizie - pagina 1 di 14)

I minatori turchi di Soma uccisi per il profitto

Non è ancora chiaro quanti lavoratori siano stati uccisi nel disastro minerario di Soma - Manisa nella Turchia occidentale . Nel momento in cui scriviamo il bilancio ufficiale delle vittime si attesta a 304, ma gli operai in città affermano che le autorità mentono sui numeri e i morti sarebbero molti di più. Ciò che è chiaro è che non è vero,...

(25 Maggio 2014)

GK - Partito Comunista Internazionalista


in: «Di lavoro si muore»

Kemal, sotto terra a quindici anni

Fra le 274 vittime accertate della miniera di Soma nella provincia di Manisa, col rischio che il doloroso conteggio salga ancora per il centinaio e passa di uomini tuttora intrappolati, c’è anche il mistero d’un morto minorenne. E’ - anzi purtroppo era - Kemal Yldiz di quindici anni. Suo zio portato davanti ai microfoni televisivi nella penombra della sera ha laconicamente...

(15 Maggio 2014)

Enrico Campofreda


in: «Di lavoro si muore»

La causa del massacro di Soma: il maledetto sfruttamento capitalistico

Il massacro avvenuto nella miniera di carbone di Soma in Turchia, in cui sono morti centinaia di minatori, mentre altrettanti sono ancora intrappolati sottoterra, non può qualificarsi in nessun caso come un “incidente sul lavoro”, frutto della “fatalità”. Al contrario, è stata una vera e propria strage dalle cause evidentissime. In Turchia, durante dodici...

(14 Maggio 2014)

Piattaforma Comunista


in: «Di lavoro si muore»

Diverse prospettive dopo la lotta alla MARUTI in India

A seguito dei violenti episodi del 18 luglio 2012, un'analisi delle diverse prospettive operaie indiane

A seguire, il terzo articolo tradotto del numero di gennaio del periodico Operaio indiano Gurgaon Workers News. In questa parte si tratta il tema dell'imponente ed importante rivolta alla MARUTI SUZUKI di Manesar, vero spartiacque nella lotta operaia nel gigante asiatico, patria di alcuni fra i più ricchi uomini del mondo e contemporaneamente colma di bidonville estese a perdita d'occhio. La...

(12 Febbraio 2014)

Mattia Laconca

Lotte di classe nel cuore delle tigri

Asia ruggente. Le battaglie dei lavoratori scuotono le economie asiatiche, inserite in un contesto neoliberista, ma percorse da conflitti in grado di mutarne per sempre le condizioni sociali Viet­nam, Cam­bo­gia, Indo­ne­sia, Corea del Sud, Hong Kong, Bir­ma­nia, Ban­gla­desh, India e natu­ral­mente Cina: cosa uni­sce in que­sto recente squar­cio...

(4 Febbraio 2014)

Simone Pieranni, il manifesto


in: «Lotte operaie nella crisi»

CINA. ROGO IN UN CALZATURIFICIO, PRIMA STRAGE SUL LAVORO DEL 2014

gennaio 15, 2014 - 11:33 L’ennesima sciagura sul posto di lavoro è costata ieri la vita 16 lavoratori, con altri cinque rimasti feriti. L’incendio scoppiato in una fabbrica di calzature nella città di Wenling è l’ultimo registrato di una casistica impressionante, ma al momento il primo di questa entità portato a conoscenza dai mass media cinesi quest’anno. ...

(15 Gennaio 2014)

Misna


in: «Di lavoro si muore»

[Vietnam] Scontri tra operai e guardie in un sito di costruzione della Samsung. Fonti parlano di 8 lavoratori uccisi

Alcune fonti (Libcom, DNDF e Shangai Daily tra le altre) hanno riportato la notizia secondo cui ci sarebbero vittime negli scontri che si sono verificati ieri, giovedì 9 gennaio, presso il sito di costruzione di un nuovo impianto della Samsung, nella provincia di Thai Nguyen, nel Nord del Vietnam. I morti sarebbero addirittura otto. Il conflitto tra i lavoratori da una parte e le guardie private...

(10 Gennaio 2014)

Clash City Workers

[Cambogia] Sciopero nell’industria tessile per un aumento del salario minimo

Venerdì 27 dicembre lo sciopero delle operaie e degli operai delle industrie tessili e calzaturiere in Cambogia ha fatto segnare una giornata di dure proteste di piazza che in almeno un caso hanno visto scontrarsi manifestanti e forze di polizia. I lavoratori e le lavoratrici cambogiane sono scesi in sciopero per rivendicare l’aumento del salario minimo dagli attuali 80$ ai 160$ mensili,...

(30 Dicembre 2013)

Clash City Workers

CAMBOGIA, LAVORATORI ANCORA IN PIAZZA PER IL SALARIO, DISORDINI A PHNOM PENH

Almeno sette i feriti e altrettanto gli arrestati questa mattina nella capitale cambogiana Phnom Penh per nuovi scontri tra lavoratori del settore dell’abbigliamento e polizia antisommossa. Le stesse organizzazioni per i diritti umani che sul terreno cercano di verificare la situazione, confermano la difficoltà di una soluzione e, insieme, le gravi conseguenze per il paese. Uso di manganelli,...

(27 Dicembre 2013)

Misna

Il Qatar si prepara ai mondiali di calcio 2022, tra profitti e sfruttamento

Il gioco del calcio ha programmato per il 2022 lo sbarco in pieno deserto nella penisola arabica e precisamente nel munifico e ricco (guarda caso…) stato del Qatar che vanta uno dei maggiori reddito pro capite al mondo grazie alle rendite garantite (per i borghesi…) dai giacimenti di gas e petrolio. Che cosa attrae l'interesse di noi comunisti verso quei deserti con più di 50...

(30 Novembre 2013)

GK - Partito Comunista Internazionalista (Battaglia Comunista)

MORIRE DI LAVORO

Redazione di Operai Contro, la scorsa settimana la Corte Suprema del Giappone se ne è uscita con un’altra, inquietante quanto bizzarra, sentenza la Corte è riuscita a stravolgere, ribaltandolo, uno dei principi fondamentali dell’ordinamento giuridico: la pubblicità delle sentenze. Rispondendo (dopo tre anni ) al ricorso di una organizzazione non governativa che...

(9 Ottobre 2013)

operaicontro.it


in: «Di lavoro si muore»

BANGLADESH, ANCORA FUOCO E ALTRE VITTIME IN UNA FABBRICA TESSILE

ottobre 9, 2013 - 9:06 Un nuovo grave incidente ha provocato la notte scorsa la morte di almeno nove lavoratori in una fabbrica di abbigliamento nel sobborgo industriale di Gazipur, presso la capitale Dhaka. Incendiate anche due manifatture limitrofe. L’incendio ha devastato la Aswad al di fuori dell’orario ufficiale, ma il numero dei morti e dei feriti o ustionati (una cinquantina)...

(9 Ottobre 2013)

Misna


in: «Di lavoro si muore»

Qatar: quando i migranti muoiono nei cantieri.

La faccia del capitalismo odierno è indubbiamente quella delle opere faraoniche e degli eventi intergalattici che attraggono sponsor multimiliardari da tutto il mondo. Del resto, della dimensione pubblica importa poco e di quella ambientale ancor di meno, per cui può esserci una centrale nucleare gravemente danneggiata che sversa in mare a pochi chilometri di distanza dal punto in cui...

(4 Ottobre 2013)

Alex Marsaglia


in: «L'unico straniero è il capitalismo»

Qatar, il mondiale della schiavitù

La FIFA discute le terribili condizioni di lavoro degli immigrati nel Paese, impegnati a preparare il Qatar per la Coppa del Mondo. Morti bianche quasi quotidiane. di Giorgia Grifoni Roma, 4 ottobre 2013, Nena News - Giorni di fuoco per il Qatar. Dopo il reportage diffuso la settimana scorsa dal quotidiano britannico The Guardian sulla morte e lo sfruttamento dei lavoratori immigrati per la preparazione...

(4 Ottobre 2013)

Nena News


in: «Difendere il potere d'acquisto dei salari»

Bangladesh. Protestano gli operai del tessile, fra i meno pagati al mondo

Continuano le proteste delle migliaia di lavoratori tessili in Bangladesh per l’aumento del salario, che è tra i più bassi al mondo. Gli operai chiedono che lo stipendio minimo mensile sia aumentato a 8 mila taka (circa 75 euro) dalle attuali 3 mila (28 euro). Ieri a causa dei disordini che hanno interessato la periferia di Dacca, dove si concentra la produzione di abbigliamento...

(24 Settembre 2013)

Valentina Valentini - DirittiDistorti

La protesta dei produttori di caucciù in Tailandia

Quasi da un mese in Tailandia i produttori di caucciù sono scesi in piazza per protestare contro l’inerzia del governo in materia di vendita ed esporto del materiale. Nel sud più di 10 mila agricoltori sono scesi per le strade, bloccando aeroporti, traffico e le ferrovie. La Tailandia è il primo produttore ed esportatore mondiale di caucciù. Ormai dal 2011 il prezzo...

(18 Settembre 2013)

Infoaut

India: crollo in una miniera, 10 morti e 8 dispersi

11/08/2013 10:18 E' di 10 morti e 8 dispersi il bilancio provvisorio del crollo di una miniera nello Stati indiano di Odisha. Solo due operai sembrano essere finora sopravvissuti al crollo ma si scava senza sosta per salvare coloro che ono sotto le macerie nella miniera di Basundhara, nel quartiere di Sundergah. Le vittime sono in maggioranza donne, che lavoravano illegalmente per estrarre carbone.

(11 Agosto 2013)

controlacrisi.org


in: «Di lavoro si muore»

Bangladesh, dopo il crollo del Rana Plaza nuova legge sul lavoro. Human rights la critica

Dopo la tragedia del Rana Plaza il Bangladesh ha approvato una nuova legge sul lavoro, ma per Human Rights Watch (Hrw) "non e' ancora sufficiente" per proteggere i diritti dei lavoratori. Il Parlamento dunque ieri ha varato una serie di emendamenti alla legislazione esistente per adeguarla agli standard internazionali. Tra le novità c'e' il diritto a creare un sindacato anche senza il permesso...

(16 Luglio 2013)

controlacrisi.org


in: «Di lavoro si muore»

L'economia cinese rallenta ancora

Il Purchasing Manager Index (Pmi) della Cina, ritenuto un indicatore affidabile dell'andamento della produzione industriale, e' rallentato in giugno scendendo al 50,1% rispetto al 50,8 di maggio. Lo afferma l'agenzia Nuova Cina. Un livello superiore al 50% del Pmi indica una crescita positiva della produzione. In pratica, siamo al punto di stallo (50 punti). Anche se la crescita della Cina viaggia...

(1 Luglio 2013)

Redazione Contropiano


in: «Il capitalismo è crisi»

BANGLADESH. LAVORATORI TESSILI: SINDACATI, INADEGUATE LE NUOVE TUTELE

Le modifiche alla legge che regolamenta l’impiego nelle fabbriche di abbigliamento sono state bocciate dei sindacati, perché considerate inadeguate a migliorare condizioni di lavoro e benefici economici. Gli emendamenti in discussione sono stati sollecitati dal disastro di aprile a Dhaka, in cui, per il crollo di un edificio in parte occupato da aziende del settore, sono morti 1129 lavoratori....

(14 Giugno 2013)

Misna

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

1234413