il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

ITALIAni BRUCIAno

ITALIAni BRUCIAno

(21 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Lavoratori di troppo)

DIRITTI DEI LAVORATORI

SCUOLA. PERSONALE ATA EX-LSU DI NUOVO IN PIAZZA CONTRO I LICENZIAMENTI E PER VERE STABILIZZAZIONI.

3 dicembre presìdi nelle principali città del sud

(2 Dicembre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in confederazione.usb.it

SCUOLA. PERSONALE ATA EX-LSU DI NUOVO IN PIAZZA CONTRO I LICENZIAMENTI E PER VERE STABILIZZAZIONI. 3 dicembre presìdi nelle principali città del sud

foto: confederazione.usb.it

NAPOLI - ore 09.30, di fronte redazione de “Il Mattino”via Chiatamone 165;

BARI - ore 10.30, presso la redazione de “La Gazzetta del mezzogiorno”, via Campione/ Piazza Giulio Cesare;

POTENZA - ore 11.00, di fronte redazione de “La Gazzetta del mezzogiorno”, pz Pagano 18;

CAGLIARI - ore 09.00, di fronte alla sede RAI Sardegna, Viale Bonaria 124;

PALERMO, ore 9.30, davanti alla Prefettura, Via Cavour 6.


L’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato ed i lavoratori ATA ex Lsu, che prestano servizio nelle scuole di tutta Italia nei servizi di pulizia e segreteria, scendono nuovamente in piazza nelle principali città del sud, mentre nel Lazio sono state convocate assemblee provinciali.

“ Le risorse stanziate nella legge di stabilità in via di approvazione al Senato per i servizi di pulizia e segreteria nelle scuole per il 2010 e 2011 sono assolutamente insufficienti - spiega Carmela Bonvino dell’USB - ciò prelude a licenziamenti, parificabili a circa 4.000 unità, oppure a riduzioni drastiche dei salari per gli ex-lsu, che assommano a 13.000 lavoratori”.

“La politica governativa di tagli alla Scuola – prosegue Bonvino - insieme alla linea di Cgil Cisl e Uil, le quali difendono a spada tratta gli interessi delle aziende per proseguire in appalto la gestione di un affare da circa 400 milioni di Euro, rischiano di diventare una formidabile pressa che schiaccerà i lavoratori anziché eliminare gli sprechi e dare stabilità al lavoro e qualità al servizio”.

“Contro questo scandalo domani torneremo in piazza davanti alle sedi dei principali organi di informazione del sud – conclude la rappresentante USB - per impedire che siano i lavoratori a pagare i costi della crisi e della mala gestione, per chiedere la revoca dei licenziamenti in atto, lo stanziamento di risorse adeguate, per una migliore gestione dei servizi eliminando lo spreco degli appalti e la vergogna dei contratti precari, per programmare la reinternalizzazione dei servizi con l’assunzione diretta nelle fila del personale Ata anche degli ex-lsu ed il ricorso a forme di prepensionamento per il personale più anziano”.

Unione Sindacale di Base (USB)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lavoratori di troppo»

Ultime notizie dell'autore «USB Unione Sindacale di Base»

3350