il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Prima le donne e i bambini

Prima le donne e i bambini

(22 Febbraio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

DIRITTI DEI LAVORATORI

W gli operai di genova!

(25 Maggio 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.sicobas.org

Il Sindacato Intercategoriale Cobas esprime pieno appoggio e solidarietà agli operai di Genova della Fincantieri che sono in lotta per difendere la loro condizione come lavoratori e il rischio di licenziamento e che per questo sono usciti dal cantiere, hanno occupato le strade, assaltato la Prefettura e scontrati con la polizia.

Quello che è successo a Genova è un atto della guerra di classe tra borghesia e proletariato . La borghesia, a causa della crisi, accentua e sviluppa la guerra contro il proletariato. Questa è una guerra non dichiarata. Essa fatta da un attacco progressivo, quotidiano e capillare contro i lavoratori, alle loro condizioni economiche, sociali, politiche e culturali. Questa “guerra” ogni giorno fa le vittime: nei paesi oppressi e dipendenti come in Palestina, in Afganistan, in Iraq e in Libia, è guerra aperta per mantenere l’oppressione imperialista; da noi nelle metropoli imperialiste è fatta dagli oltre mille morti negli incidenti sul lavoro, dalle decine di migliaia che muoiono per le malattie contratte sul lavoro, dal precariato diffuso, dai licenziamenti, dagli affitti impossibili da pagare, da tutti gli atti che determinano a peggiorare le condizioni di vita e di lavoro.

A tutto questo una parte della classe comincia ad opporre una resistenza, un esempio in tal senso è questa lotta e quella contro il moderno schiavismo che è rappresentato dalle cooperative.

Ora l’importanza e l’insegnamento della lotta che hanno espresso gli operai della Fincantieri a Genova, è quello di voler superare la rassegnazione, la confusione, e la disorganizzazione rifiutando con la lotta il tentativo di farsi legare le mani dalle regole imposte dai padroni e dai sindacati compiacenti.

Come S.I.Cobas riteniamo che esista la necessità di unificare le lotte in corso per la difesa del posto di lavoro e del salario, contro la chiusura delle aziende, affinchè nessun licenziamento possa essere fatto e comunque un salario medio garantito per gli operai , i proletari espulsi dalla produzione e i disoccupati.

S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

2385