il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

L'ombra nera

L'ombra nera

(20 Agosto 2012) Enzo Apicella
E' morto ieri il disoccupato Angelo di Carlo, che si era dato fuoco per protesta 8 giorni fa davanti a Montecitorio

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 64 di "Alternativa di Classe"
    (18 Aprile 2018)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    DIRITTI DEI LAVORATORI

    Referendum Lear Corporation di Caivano. Votiamo "NO"

    (27 Settembre 2011)

    LA MULTINAZIONALE LEAR INCASSA IL “SI DETERMINANTE” DELLA FIOM E SCENDE IN CAMPO COME “TESTA D’ARIETE” PER FAR PASSARE IL MODELLO-MARCHIONNE NELLE FABBRICHE NELL’INDOTTO DELL’AUTO

    DOMANI REFERENDUM A CAIVANO

    LO SLAI COBAS (COI PROPRI SCRUTINATORI AI SEGGI) IN FABBRICA A RAPPRESENTARE LE RAGIONI DEL “NO” DEI LAVORATORI MENTRE FIOM-FIM-UILM E FISMIC SONO SCHIERATI PER IL “SI” ALL’ACCORDO

    INTANTO, COME GIA’ PER LA FIAT, SLAI COBAS HA DIA’ DICHIARATO SCIOPERI FINO AL 2014 PER LE COMANDATE AL LAVORO STRAORDINARIO IN FABBRICA

    La Lear Corporation rappresenta una delle più grandi multinazionali dell’indotto dell’auto (leader delle forniture di sedili, impianti elettrici e componentistica interna) con 92.000 dipendenti occupati negli stabilimenti presenti in 35 nazioni, di cui 6 in Italia: Caivano, Cassino, Grugliasco, Melfi, Pozzo d’Adda e Termini Imerese.

    Considerato che nel rinnovo elettorale delle RSU dello scorso aprile solo Slai cobas e Fiom hanno ottenuto seggi (mentre vi è stata una vera e propria debacle per tutti gli altri sindacati confederali) ai fini delle nuove strategie aziendali è stata determinante la sottoscrizione della Fiom dell’accordo Lear dello scorso 21 settembre: un accordo richiesto esplicitamente dalla Fiat di Marchionne in cambio delle nuove commesse alla Lear per la produzione dei sedili della Nuova Panda.

    A partire dal referendum di domani si profila uno scontro sindacale molto duro tra lo Slai cobas (schierato come per Pomigliano prima e Mirafiori dopo con le ragioni del “NO”) e la Fiom (“riposizionata” dalla parte della Fiat) e schierata per il “SI” dei lavoratori all’accordo insieme a Fim-Uilm e Fismic: uno scontro di valenza generale che travalica i cancelli dello stabilimento di Caivano in quanto l’accordo “quadro” della Lear è destinato a diffondersi a cascata alle altre fabbriche dell’ indotto Fiat e nell’intero settore metalmeccanico.

    Lo Slai cobas

    che già aveva posto all’azienda la pregiudiziale di indisponibilità a sottoscrivere accordi peggiorativi delle vigenti normative legali e contrattuali, nel prendere atto che con questo accordo-capestro - dettato dalla Fiat - la Lear sta prospettando la trasformazione autoritaria del modello di relazioni sindacali per derogare le normative a tutela dei lavoratori in materia di organizzazione del lavoro, turni, festività, retribuzione, permessi, malattia, permessi e riposi giornalieri e settimanali, permessi per l’assistenza familiare a persona invalida (l. 104/92), pause, lavoro straordinario, orario di lavoro, mensa aziendale, scioperi ecc.

    invita tutti i lavoratori - indipendentemente dalla loro iscrizione o meno a qualsiasi sindacato - a votare “NO” al referendum di martedì 27 settembre 2011 per dare “forza e voce” alle ragioni dei lavoratori perché senza ciò non può esistere alcuna seria prospettiva né vera difesa occupazionale, della democrazia in fabbrica, del diritto del lavoro e di quello sindacale.

    Caivano, 26/9/2011

    Slai cobas Lear Corporation

    10001