il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Emergency sotto il mirino della Nato

Emergency sotto il mirino della Nato

(11 Aprile 2010) Enzo Apicella
Il governo fantoccio dell'Afghanistan arresta 9 dipendenti di Emergency, tra cui tre medici italiani

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Afganistan. Nessuno ha chiesto i loro nomi

Il massacro di Kandahar

(25 Marzo 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in ciptagarelli.jimdo.com

Afganistan

foto: ciptagarelli.jimdo.com

Nei giorni successivi al raid assassino del soldato (o dei soldati) statunitensi a Kandahar, la maggioranza dei mezzi di comunicazione si è soffermata sulle “violente reazioni” e su come il fatto potrebbe rendere ancora più difficili le relazioni tra Afganistan e USA.

Molte delle catene di stampa dominanti hanno dedicato un’enorme quantità di energia per scoprire anche il più piccolo dettaglio sul soldato accusato, identificato nel sergente Robert Bales. Sappiamo persino dove voleva andare in vancanza sua moglie o i commenti che scriveva sul suo blog.

Ma le vittime hanno meritato solo una nota a piè di pagina, un’anonima nota. E un numero: sedici.

Nessuno si è preso la briga di chiedere la loro età, i loro gusti, le loro aspirazioni. E, peggio ancora, nessuno ha chiesto neppure i loro nomi.

Per fare onore alla loro memoria, scrivo qui sotto i loro nomi e il poco che sappiamo di loro: che nove erano bambini, che tre erano donne.

I morti:
Mohamed Dawud, figlio di Abdullah
Judaidad, figlio di Mohamed Yuma
Nasar Mohamed
Payendo
Robina
Shatarina, figlia di Sultan Mohamed
Zahra, figlia di Abdul Hamid
Nazia, figlia di Dost Mohamed
Masuma, figlia di Mohamed Wazi
Farida, figlia di Mohamed Wazi
Palwasha, figlia di Mohamed Wazi
Nabia, figlia di Mohamed Wazi
I feriti:
Hayi Mohamed Naim, hijo de Hayi Sajawat
Mohamed Sadiq, hijo de Mohamed Naim
Paruin
Rafiullah
Zardana
Zulhiya

Che riposino in pace e che ottengano giustizia!

da: Al Jazeera.net; 23.3.2012
(traduzione di Daniela Trollio
Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”
Via Magenta 88, Sesto San Giovanni)

Qais Azimy

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Afghanistan occupato»

Ultime notizie dell'autore «Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano»

1787