il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Come il gatto col topo

Come il gatto col topo

(24 Marzo 2010) Enzo Apicella
Le dichiarazioni Usa non cambiano la politica di Israele sugli insediamenti a Gerusalemme est

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Palestina. Dahlan: smanie di potere

(2 Novembre 2016)

israeli puppets

Spietato interprete d’una forza di sicurezza usata come arma di pressione per il suo personale potere Muhammad Dahlan, sostenuto dal terzetto guidato dalla monarchia saudita, quella hashemita di Amman e dall’emiro Khalifa bin Zayed più il presidente-generale Al Sisi, pensa a un rientro nella politica palestinese. Prospetta il passo dal buen retiro dorato di Abu Dhabi, concedendo interviste al New York Times così da assicurarsi copertura mediatica a un’idea osteggiata dallo stesso anziano, malandato e accentratore presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese. Proprio l’Abu Mazen che incarna antichi vizi di quella struttura, scaturita dagli accordi di Oslo (1994) e gestita con fare personalistico da Arafat, è additato da Dahlan come un uomo impaurito. Da cosa? “Da quanto ha fatto negli ultimi dieci anni e perché lui conosce ciò che io so”. Un messaggio mafiosetto neanche tanto velato, rivolto a un sodale dei tempi passati (Dahlan è stato ministro dell’Interno di Mazen) che non smentisce la linea da sempre seguita da un personaggio abile e senza scrupoli che avversari politici accusavano d’essere una pedina in mano a Israele. Di Israele imparò la lingua durante i molteplici arresti avvenuti fra il 1981 e l’86 nella nativa Striscia di Gaza, dove dirigeva l’ala giovanile di Fatah.

Uscito di prigione studiò amministrazione d’affari presso l’Università di Gaza e aver spostato la saudita Jaleela, gli ha aperto contatti con uno stato arabo particolarmente potente e all’occorrenza utile per sé. Negli anni l’intera famiglia Dahlan (con moglie e quattro figli) ha guadagnato altre cittadinanze: nel 2012 la montenegrina, nel 2013 quella serba. Un cittadino del mondo? Forse molto più prosaicamente un elemento che cerca ripari e vie di fuga rispetto a progetti ben poco idealisti. La scalata al potere di Dahlan iniziò proprio col processo di pace degli accordi di Oslo, a seguito dei quali assunse l’incarico di responsabile della forza di sicurezza, organismo che aveva rapporti e collaborazioni col Gotha delle Intelligence: Cia e Mossad. Ben addestrato e istruito, anche sul fronte della tortura, il rampante Abu Fadi (suo giovanile nome di battaglia) ha usato “certe conoscenze” contro combattenti palestinesi ritenuti avversari, soprattutto del movimento Hamas. Un’accusa da lui respinta, ma rilanciata con evidenza da chi portava sul corpo quelle ferite. Non è l’unica infamia attribuita a Dahlan, l’altra riguarda la corruzione con cui sin dalla fine degli anni Novanta accaparrava finanziamenti internazionali per la sua gente, dirottandoli su un conto personale. Questo fiume di denaro l’ha reso ricco e, differentemente da altri vizi, lui la ricchezza non l’ha mai nascosta.

Ora che ha in mente di riaffacciarsi nella politica di casa riaperta dall’annoso tema delle elezioni presidenziali attese già da due anni, è lui ad accusare il vecchio Mazen di tutti i mali che circolano nei Territori Occupati e nella stessa Gaza: corruzione fra i politici, dittatura individuale nello staff della dirigenza. Nell’intervista in questione fa esempi noti: “Sono i segnali di un regime come quelli di Saddam e Asad”. Per passato e odi trascorsi, alcuni analisti sostengono che difficilmente Dahlan può proporsi come candidato, più facile che metta la sua personalissima fazione a servizio di nomi papabili. Oltre al sempre ipotizzato Marwan Barghouti, che Israele tiene sepolto nelle proprie galere condannato per cinque omicidi sempre rigettati dal condannato, c’è il nipote di Arafat, Nasser Kidwa, a cui Dahlan presterebbe sostegno. Si dichiara pronto di poter vestire ogni ruolo di supporto, amministrativo o militare, pur di tornare sulla scena. Invece una disillusione, se non addirittura un rigetto, ai suoi piani giunge dal diretto interessato. Kidwa dice che il passato non ritorna. Ma non tutti gli osservatori sono d’accordo e l’uomo della forza incute apprensione. Per ora ci pensa ancora una volta Abu Mazen ad allontanare ogni volontà di consultazioni: come nel biennio precedente, tutto è congelato. In futuro si vedrà. Un futuro né democratico né costruttivo per le sofferenze del proprio popolo.
2 novembre 2016

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Palestina occupata»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

2505