il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Buone nuove

Buone nuove

(9 Febbraio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Erdogan, i buchi neri del trono più grande

(18 Aprile 2017)

erdogan

Fra il successo storico proclamato dal mentore della Turchia del Terzo Millennio, i festeggiamenti e le prime esuberanze dei propri fan, i complimenti che sanno di promozione dei grandi che contano (Trump e Putin), compaiono i buchi neri d’una vittoria dimezzata. In testa le accuse diirregolarità su cui ha detto la sua la stessa Osce, che per bocca di osservatori locali afferma “talune procedure del voto sono risultate irregolari“. Il riferimento riguarda la conta avvenuta in parecchi seggi di schede non timbrate dagli addetti alle operazioni di voto, schede dunque che potrebbero essere contraffatte. I rappresentanti del fronte del no denunciano brogli e hanno presentato ricorso. La Commissione elettorale s’è presa una decina di giorni per esaminare dette schede e sancire il risultato definitivo. Per ora il successo del sì - che mostra un margine dell’1,4% pari a circa un milione e trecentomila voti su 58 milioni di votanti, oltre l’86% degli aventi diritto - è ufficioso ma gode già dell’ufficialità del governo, felice di un avvìo “democratico” del regime. Agli sconfitti che hanno ripreso il concerto di pentole e padelle, come all’epoca delle contestazioni di Gazi park, non resta che sperare nel miracolo di una decisione straniante della Commissione: l’annullamento del voto. Sembra fantascienza perché un passo simile potrebbe davvero condurre il Paese a uno scontro aperto, da quello delle risse per via, che già in qualche caso si sono verificate, a operazioni repressive dettate dalla difesa della “sicurezza nazionale”. Il referendum stesso, fortemente voluto dal presidente e dal suo staff ristretto (qualche nome noto dell’establishment dissentiva), si è svolto in pieno clima di emergenza, la cui legge speciale è stata di recente prorogata ancora una volta di tre mesi.

Dal fallito golpe del luglio 2016, grazie a tali normative decine di migliaia di dipendenti statali (impiegati, insegnati di scuole primarie, secondarie e università, militari, poliziotti, magistrati) sono stati licenziati o messi a riposo. Migliaia di attivisti kurdi e di sinistra arrestati, finanche parlamentari dell’opposizione (Hdp) accusati di terrorismo e prossimità al Pkk. E ancora, molte testate e tv sono state chiuse o riconvertite a posizioni filogovernative, centocinquanta giornalisti sono tuttora in galera. In una Turchia crudamente divisa, dove una metà accusa l’altra di sovversione e terrorismo mentre essa è detestata per servilismo verso un megalomane del potere che odia avversari e vede (o dice di vedere) complotti in ogni angolo, il rischio d’una caduta verso lo scontro aperto non è affatto escluso. Certo la stessa classe dirigente politica ed economica turca non dovrebbe spingere verso la conflittualità delle piazza. I nemici interni armati, che esistono e agiscono, e sono solo parzialmente colpiti dalla repressione che punta soprattutto ad azzerare voci e coscienze critiche dei cittadini, non possono che avvantaggiarsi da un’aperta conflittualità. Ma è egualmente vero che la repressione erdoganiana, avviata con la coercizione dei contestatori di strada, giovani e studenti, ecologisti e femministe, antagonisti dell’Istanbul laica e cosmopolita, tuttora vivi e urticanti tramite il voto, ha raggiunto punte elevatissime nei mesi seguenti il tentativo di colpo di mano.


Dunque, per il potere il presidente assoluto, sembra disposto a tutto. Prendendo anche più delle cento e uno posizioni mostrate in politica estera sul versante mediorientale. Così in queste ore, come suo solito, ha alzato i toni. Ha smentito le insinuazioni dell’Osce, messe sullo stesso piano delle esternazioni di quei Paesi europei con cui si contrasta da settimane proprio sul tema referendum. Una battaglia che fra l’altro paga, visto come ha risposto l’elettorato tedesco in Olanda e in Germania: 70% e 60% a sostegno del sì. Perciò, nelle infuocate ore del dopo voto, Erdogan da quel fine animale politico, da quel giocatore d’azzardo che è ha pensato: perché non accelerare? E sta già spiazzando tutti, dirigendo lo sguardo dalle schede non timbrate e irregolari, e dal tintinnìo delle padelle, altrove. Ora parla di pena di morte. Rivolta a chi? Certamente ai terroristi, che al suo sentire sono tutti gli oppositori. Ovviamente ne seguono sdegno interno e internazionale. Dall’opposizione di Chp e Hdp alle molte voci anche illustri dell’intellighenzia interna, fino ai membri Ue che già esprimono condanne: ”in questo modo il presidente esclude a priori ogni possibilità di dialogo e di entrata in Europa”. Ma lui francamente se ne infischia. La partita con l’Europa sembra averla già chiusa, per tenere saldo il potere sembra voler sacrificare ogni cosa. Oppure pratica il doppio-gioco di cui è maestro, sia perché non vuol perdere il tanto business che il vecchio continente procura (sebbene abbia in cantiere ulteriori piani con altri partner), sia perché sa che i tre milioni di profughi siriani costituiscono comunque un deterrente per il Parlamento di Bruxelles. Il braccio di ferro prosegue, a tutto campo con tutti.
18 aprile 2017

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

3073