il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

DIRITTI DEI LAVORATORI

IL VENTO REAZIONARIO SOFFIA FORTE E GONFIA LE VELE DELLE NUOVE E VECCHIE DESTRE ITALIANE (2)

(16 Luglio 2017)

renzi dorian gray

Le tre Destre sono: la Destra Leghista/Neofascista, la Destra Liberista di PD e PDL, la Destra qualunquista del Movimento 5 stelle.
Oggi parliamo dei liberisti del PARTITO DEMOCRATICO.
IL DECRETO “SICUREZZA” FA IL VERSO ALLE MISURE FASCISTE DEL VENTENNIO. Il provvedimento repressivo si associa al decreto Minniti-Orlando sull’immigrazione. L’idea di fondo che collega tutti i provvedimenti è la criminalizzazione dell’immigrazione e della povertà, che secondo il governo vanno affrontate come problemi di ordine pubblico, dunque con la repressione, invece che come questioni sociali da risolvere con misure di sostegno e inclusione.
Il Ministro dell’Interno Minnitti, il Governo Gentiloni, hanno decretato poteri di polizia per i Sindaci e fogli di via contro i poveri, gli emarginati, contro tutti coloro che lottano veramente, nel nome di: “sicurezza, ordine, pulizia”. La natura del decreto è razzista e classista, figlio di una cultura autoritaria che copia gli strumenti già in uso col fascismo.
Sugli immigrati e gli stranieri, la posizione politica è di totale ipocrisia. Jus soli e accoglienza a parole , CIE, cioè campi di reclusione, sfruttamento e “aiutiamoli a casa loro” per stare nel coro dei razzisti e seguire il vento reazionario che imperversa.
Sui diritti dei lavoratori, sul diritto di sciopero siamo col PD alle prove di regime. Ammanettare il diritto di sciopero ( già oggi fortemente limitato) è una misura di stampo fascista. Dopo il jobs act, la cancellazione dell’art. 18 e dei residui diritti dei lavoratori, oggi il PD vuole impedire per legge la possibilità di opporsi con la lotta alla dittatura neoliberista dei mercati e dei loro governi.
CONTRO LE FORZE REAZIONARIE NON CI SONO SCORCIATOIE MA UNA SOLA STRADA. FORGIARE NELLA LOTTA, CON L’AGITAZIONE E LA PROPAGANDA, LA COSCIENZA DELLA CLASSE PROLETARIA.
TUTTI I REAZIONARI SONO NEMICI!
O DI QUA O DI LA'!
Internazionalisti o Nazionalisti!
Con gli Antifascisti o con i fascisti!
Con i lavoratori o con padroni e padroncini!
Con gli esseri umani o con i razzisti!

CASA ROSSA SPOLETO

989