il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Egitto. Per quanto ancora?

Egitto. Per quanto ancora?

(29 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

DIRITTI DEI LAVORATORI

DAVIDE COLLEGA DISPERATO

(28 Luglio 2017)

Disperato vuol dire senza speranza.
Esattamente la condizione in cui lavora, e vive forse, Davide.
Non solo, e non basta!
E' la condizione di lavoro, e di vita forse, di milioni di lavoratrici e lavoratori.
E della quasi totalità di ferrovieri.

A questa condizione fa da contraltare il cosiddetto AUTOLESIONISMO OPERAIO, cioè una “forma di lotta” che non rivolge la propria incazzatura e la propria azione contro le cause che la determinano, ma contro se stessi.
Li abbiamo visti tutti gli operai che, per protesta contro licenziamenti o ristrutturazioni, si arrampicavano su tetti e ciminiere rischiando di cadere sfracellandosi, o quelli delle miniere auto-seppelliti a minacciare di farsi esplodere, o più direttamente, quelli che si sono suicidati perché in bolletta, o disoccupati, o precari a vita......
…..O Davide che, stanco delle aggressioni quotidiane alla sua dignità ed alla sua incolumità di ferroviere, si è accoltellato da solo accusando di questo un uomo innocente.
Per denunciare la sua condizione di insicurezza ha denunciato falsamente chi non c'entrava, mettendo in serio pericolo la sua sicurezza giudiziaria e lavorativa.
Insomma, l'autolesionismo come “forma di lotta”, collettiva o individuale, non produce danni ad aggressori, non ristabilisce sicurezza, e non fa un buon servizio alla denuncia delle condizioni lavorative, oggi sempre più sotto attacco.
Come sotto attacco è e sarà Davide, prima difeso da qualche razzista perché era stato aggredito da un “negro”, poi, quando l'accusa è caduta, passerà lui sul banco degli imputati come falso, egocentrico, fissato, calunniatore.
Di sicurezza non si parlerà, anzi, si cercherà di buttar fango su un'intera categoria di urlatori alla luna.

Sarebbe bene imparare la lezione.
La lotta, facciamola contro chi ci riduce a lavorare subendo aggressioni fisiche e verbali quotidiane, non contro noi stessi, ed il nostro corpo.
Insomma, vogliamoci un po' più bene a noi, un po' meno al padrone!

Pino ferroviere

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Per un trasporto senza classi»

Ultime notizie dell'autore «Pino Ferroviere»

1069