il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Intifada anniversary

Intifada anniversary

(9 Dicembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Gerusalemme incatenata

(14 Dicembre 2017)

vertice istanbul

Tutti uniti per Al-Quds capitale della Palestina, o almeno per la conservazione della parte orientale della città, contro l’azzeramento israelo-statunitense d’ogni longitudine, d’ogni identità politica e simbolica. Ma quando il presidente turco Erdogan, che ha riunito a Istanbul 57 membri dell’Organizzazione della cooperazione islamica, ha invitato “Tutti i Paesi che sostengono la legge internazionale a riconoscere Gerusalemme come capitale occupata della Palestina, non possiamo più trovarci in ritardo” nella testa di più di qualcuno dei presenti sarà balenata qualche perplessità, oltre che difficoltà. Lo stesso sultano, che come ai tempi della Mavi Marmara, rilancia un deciso attacco verbale a Israele, sembra usare nuovamente la questione palestinese per quegli interessi da Risiko geopolitico, gli stessi che l’hanno coinvolto sul panorama siriano, con tanto di giri di valzer e di fronti. Come lui i più decisi difensori di Al-Quds presenti all’assise: l’iraniano Rohani, l’emiro qatariota Al-Thani, il re di Giordania Abdullah II, mostrano un’indignazione teorica cui non fa seguito alcuna iniziativa diplomatica concreta. Almeno nei confronti dell’Unione Europea, che con la rappresentante Mogherini ha rigettato l’idea di assentire alla mossa di una Gerusalemme israeliana.


Al di là di abbracciare un mesto e inamovibile Abu Mazen, l’assenza al vertice di figure di spicco del mondo arabo di alcuni nazioni chiave come Egitto e Arabia Saudita, rappresentati da figure minori della gerarchia interna, indica la china che prende l’iniziativa: un rituale ben poco incisivo, già piegato alle opportunità della politica interna ed estera direttamente correlate al mercato globale. Su questo fronte Israele incide relativamente, ma la branca della lobby ebraica di economia e finanza, contano eccome. E poi il peso ricattatorio statunitense attraverso l’arma dell’embargo per colpire altrui scelte politiche, contro cui convoglia la rete delle alleanze su ogni terreno, militare ed economico. Quindi la scarsa incisività ideologica del blocco islamico deve rapportarsi al realismo politico di altri giganti del mondo (Cina, Russia, India) refrattari a qualsiasi richiamo religioso islamico, che ciascuno vede come fumo negli occhi, o dei diritti dei popoli, ancor più inviso alle attuali leadership delle tre potenze per ragioni di opportunità interne e anche per radicate convinzioni autocratiche. Ecco, dunque, che l’imponente parata turca rischia di essere un pronunciamento d’intenti, una scadenza che non poteva mancare per continuare a non ostacolare nulla. E a incatenare sempre più Gerusalemme ai voleri del sionismo israeliano.
14 dicembre 2017

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Palestina occupata»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

2286