il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il multibilionario

Il multibilionario

(5 Agosto 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Capitale e lavoro:: Altre notizie

PUBBLICO IMPIEGO: dal 13 gennaio ulteriore stretta sulle visite fiscali

(10 Gennaio 2018)

cubpubblicoimpiego

Pubblicato il 29 dicembre in Gazzetta Ufficiale il decreto n.206/2017. Ecco cosa cambia:
La visita fiscale può essere disposta anche più volte per lo stesso evento morboso e ripetuta fino a due volte nella stessa giornata:
nella previgente normativa (art 2 DM 206/2009) erano esclusi –tra gli altri- i dipendenti cui era già stata effettuata una visita fiscale nel periodo di prognosi del certificato medico. Rimangono invariati gli orari giornalieri di reperibilità (9-13 e 15-18).
Sono ristrette ulteriormente le clausole che prevedono l’esclusione dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità: chi è in infortunio sul lavoro deve rispettare le fasce di reperibilità; lo stesso vale per chi ha patologie connesse ad una invalidità inferiore al 67%.
Sono esclusi quindi dalla reperibilità soltanto i lavoratori con:
- patologie gravi che richiedano terapie salvavita;
- causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della Tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella Tabella E del medesimo decreto;
- stati patologici sottesi o connessi a invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.
Questo decreto rappresenta un ulteriore accanimento nei confronti dei lavoratori pubblici, utile soltanto alla campagna di disinformazione condotta in questi anni da governi e organi di stampa.
Perché chi è in infortunio sul lavoro e, quindi, è già monitorato costantemente dall’Inail, deve essere soggetto anche a verifiche Inps?
Perché chi ha patologie connesse ad una invalidità già certificata da apposita commissione medica deve essere ulteriormente controllato?
Nelle linee guida della Funzione pubblica per la misurazione del rendimento dei dipendenti statali, da tradursi in un decreto ad hoc, verrà inserito come ulteriore parametro per elargire premi o, viceversa, negarli proprio il numero di ore lavorate.
Penalizzati saranno quindi non solo dipendenti in malattia, ma anche i tanti che, per esigenze di cura (figli, genitori anziani ecc.), si dovranno assentare o non potranno lavorare oltre il loro ordinario orario di lavoro!
La CUB denuncia il disegno discriminatorio delineato dalla Funzione Pubblica, già in buona parte recepito nell’intesa sottoscritta per il rinnovo del primo contratto pubblico delle Funzioni Centrali.
I lavoratori del Pubblico Impiego hanno un’età media che supera i 55 anni, l’età della pensione viene allontanata sempre più fino ad arrivare, nei prossimi anni, a 70 anni di età! Gli organici sono ridotti all’osso in tante amministrazioni, centrali e locali, negli ospedali e nelle scuole!
Basta campagne elettorali sulla pelle di lavoratori !
Basta con i sindacati complici che, comodamente seduti ai tavoli nazionali di trattativa, svendono ogni diritto!

Organizzati con la CUB.
Per lo sblocco totale delle assunzioni e contro i tagli dei servizi!

Anche alle RSU

Milano, 8 gennaio 2018

CUB Pubblico Impiego - Confederazione Unitaria di Base

1735