il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

23 settembre

23 settembre

(20 Settembre 2011) Enzo Apicella
Venerdì 23 settembre Abu Mazen presenterà alle Nazioni Unite la richiesta di adesione della Palestina come Stato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Israele approva la costruzione di 1285 unità coloniali in Cisgiordania

(11 Gennaio 2018)

unità coloniali

PIC. Mercoledì, il ministro della guerra israeliano, Avigdor Lieberman, ha presentato al Consiglio supremo di pianificazione dei progetti per la costruzione immediata di 1285 unità coloniali in Cisgiordania.

Lieberman cercherà, inoltre, di portare avanti dei progetti per 2.500 unità abitative aggiuntive in 20 colonie.

Il ministro israeliano ha affermato in una dichiarazione questo martedì: “Ogni anno ci siamo impegnati a proporre piani di nuovi lotti di unità abitative e manterremo la nostra promessa”.

Secondo le informazioni disponibili, i nuovi piani non si limiteranno alla costruzione di nuove unità abitative nelle colonie esistenti, ma potrebbero anche comportare l’approvazione di unità abitative già costruite in alcune colonie ritenute illegali anche ai sensi della legge israeliana.

Il riconoscimento del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di Gerusalemme come capitale d’Israele, a dicembre del 2017, ha dato ad Israele il via libera per intensificare le sue attività coloniali, che non si sono mai fermate.

L’organizzazione israeliana Peace Now ha affermato che questi progetti di costruzione mineranno il processo di pace.

L’Organizzazione ha aggiunto che i tentativi di approvare retroattivamente 11 unità nella colonia illegale di Netiv Ha’avot, che avevano ricevuto l’ordine per essere evacuate, sono solo un altro “passo vergognoso” che viola una decisione giudiziaria finale ed esplicita. Peace Now ha invitato il Procuratore Generale d’Israele ad agire contro questa “offesa alla corte”.

Traduzione di F.H.L.

Agenzia stampa Infopal

1947