il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

DIRITTI DEI LAVORATORI

INIZIA IL PROCESSO PER PIAZZA INDIPENDENZA

(15 Gennaio 2018)

manifestazione di solidarietà con sgomberati di piazza indipendenza

L'11 gennaio 2018 si sarebbe dovuta tenere alle 12:00 una conferenza stampa indetta dal Si Cobas in Piazza Indipendenza a Roma. Luogo ormai noto dal 24 Agosto 2017 per il violentissimo sgombero eseguito dalle forze dell'ordine nei confronti dell'occupazione abitativa di via Curtatone, che ospitava centinaia di famiglie tra rifugiati e richiedenti d'asilo di origine etiope ed eritrea. La conferenza auspicava a sensibilizzare sulle tematiche del processo penale in corso che vede imputate tre persone, incensurate e da lungo tempo residenti in Italia, fra i quali un lavoratore della logistica iscritto al Si Cobas.

L'occupazione di Piazza Indipendenza rappresentava per noi un luogo dove centinaia di lavoratori e lavoratrici vittime dello sfruttamento dell’economia romana, trovavano un alloggio a fronte di salari indignitosi (pagati dalle cooperative di pulizia, degli alberghi o dai magazzini della logistica) i quali sono insufficenti per accedere dignitosamente al mercato degli affitti privati.

La conferenza si proponeva di esplicare il timore che, per i fatti di questa estate, possano arrivare sentenze esemplari, mentre ci teniamo a precisare che I problemi generati dagli sgomberi e rimasti tutt'ora aperti non si possono e non si devono risolvere nella condanna di tre persone a cui viene scaricata la responsabilità di tutto ciò che è successo.

Ma alla presenza di giornalisti e di un gruppo di attivisti -fra i quali, i compagni del Movimento romano di lotta per la casa, Baobab ed ex-OPG oltre agli operatori sindacali del Si Cobas stesso- l'11Gennaio 2018, si presenta una situazione surreale.
Sette camionette e unatrenitina tra Digos e funzionari dellaquestura, da subito, alzano la tensione immotivatamente, provocando i presenti e intimandogli di sgomberare la piazza (nonostante la presenza dei giornalisti e dei promotori occupasse solo una piccola parte di marciapiede e non intralciasse alcunché). Dopo qualche decina di minuti di insistenza e minacce, il gruppo si sposta in una via limitrofa per raggiungere un luogo più calmo dove tenere le interviste, alcuni giornalisti decidono di fare qualche domanda ai promotori durante la camminata e a quel punto avviene l'incredibile, i funzionari in borghese piombano nuovamente sul gruppo e minacciano giornalisti e attivisti di identificazione e di denuncia, scatenando così le ire dei giornalisti stessi. Dopo una breve ma concitata discussione la conferenza stampa si sposta dentro un cortile chiuso dove finalmente per i giornalisti è possibile fare le interviste e svolgere il proprio lavoro.

Il clima politico a Piazza Indipendenza non sembra, insomma, essersi calmato, sembra ancora di stare in agosto sotto il mirino della repressione e della violenza dello Stato. Di Piazza Indipendenza non si deve parlare, non si può. Non si può puntare il dito sulle scarse o inesistenti misure prese dal Comune per le cosiddette "fragilità", non si può parlare delle violenze poliziesche di quei giorni, non si può chiedere un processo equo per i fermati, nonostante non abbiano causato danni né a cose né a persone, a differenza delle forze di sicurezza che diedero sfoggio ad una brutalità, che non si vedeva da tempo, contro una comunità assolutamente pacifica di centinaia di uomini, donne e bambini.

Quella piazza e quei fatti sono ancora una ferita aperta per la città e per il paese, l'incapacità delle amministrazioni di dare soluzioni brucia ancora e l'ordine pubblico reagisce in maniera sproporzionata e isterica contro chiunque provi a fare luce su i fatti che portarono in piazza migliaia di persone dopo il violento sgombero.

Vogliamo giustizia per i tanti lavoratori e lavoratrici che si trovano oggi in gravi difficoltà perchè non solo gli è stata tolta la casa ma di conseguenza, a tale imposizione, sono aumentati i disagi: lo smebramento dei nuclei famigliari, le difficoltà economiche e la criminalizzazione di una intera comunità, responsabile solo di aver alzato la testa e aver lottato per quelli che sono i loro diritti ma che, esattamente come nei luoghi di lavoro, non sono mai garantiti, ma vanno conquistati e mantenuti con la lotta.
Infine constatiamo e riteniamo di una gravità inaccettabile l'atteggiamento di chiusura da parte di amministrazioni e polizia, responsabili di un imponente restringimento degli spazi democratici dato che, sembra evidente, può essere messa sotto accusa e impedita anche una semplice conferenza stampa.

Coordinamento provinciale Si Cobas Roma

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

2750