il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Re ferendum

Re ferendum

(13 Gennaio 2012) Enzo Apicella
La Corte Costituzionale respinge i due referendum per l'abrogazione della legge elettorale Calderoli (il "porcellum")

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Stato e istituzioni:: Altre notizie

mele marce in un cesto marcio
CE VOREBBE 'NA RIVOLUZIONE!

(13 Febbraio 2018)

Dal P.C.I. delle “mani pulite” al nuovismo Craxiano alla “rivoluzione giustizialista” dei magistrati, dalla lega contro “Roma ladrona” al Renzismo “rottamatore fino al “M.5 mele marce”, le cicliche ventate di onestà appassiscono in una stagione politico-meteorologica venendo puntualmente, al di là di possibili umane buone intenzioni, recuperate da un sistema basato su potere e soldi.
Le “rivoluzioni senza rivoluzione” basate sull'effetto annuncio o sull'impegno del singolo si infrangono con una volontà collettiva di classe che trova nella differenza sociale e nello sfruttamento la propria natura sociale.
La rogna contagiosa della corruzione infetta tutti, prima o poi, perché è endemica alle cose, al loro movimento profondo, al loro perpetuarsi nel tempo storico-politico.
Così come la “lotta alla corruzione” è una ideologia tanto inefficace quanto truffaldina ai danni di chi ci crede, e di chi crede che una rimbiancata di palazzo, o un cambio di personale politico (magari giovanilistico!), o una promessa di “pulizia e onestà” possa bastare a cambiare il mondo.
Non solo non basta, ma non serve!
Oggi, chi continua a parlare di “mele marce”, difende oggettivamente, e spesso anche soggettivamente, il sistema, perché diffonde l'illusione che gli episodi di corruttela siano appunto incidenti di percorso, “mele marce” da “cacciare” in un cesto buono da salvare, magari votando per quelli che di mele marce ne hanno di meno!
Ed infatti, abbandonata solo momentaneamente la canea xenofoba contro i proletari migranti, si è già scatenata la battaglia contro i “falsi onesti” da parte dei veri papponi di ogni colore.


In realtà, il problema vero è quello che ogni tentativo di rendere più umana questa società ingiusta è destinato al fallimento,
se rimane obiettivo delle predicazioni elettorali o della volontà individuale, così come rimane un'illusione la possibilità di migliorarla con il voto.

Il potere del denaro fa girare un mondo all'incontrario.
Occorre rimetterlo coi piedi per terra!

Ma questo è un programma assente da ogni lista.

Pino ferroviere

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Pino Ferroviere»

922