il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ventiquattro ore senza di noi

Ventiquattro ore senza di noi

(1 Marzo 2010) Enzo Apicella
Sciopero generale dei lavoratori migranti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

DIRITTI DEI LAVORATORI

ELIMINATO CON UNA FUCILATA IL BRACCIANTE D'AVANGUARDIA SOUMAYLA SACKO.

È un assassinio banditesco e razzista che grida vendetta. Onore operaio e comunista al combattente ucciso!

(11 Giugno 2018)

Promuovere l’autodifesa contro imprenditori caporali e razzisti. Formare ed estendere i comitati di lotta bracciantili. Abbruniamo la nostra bandiera rossa per rendere onore a questo combattivo attivista
operaio.

Sabato 2 giugno nel tardo pomeriggio è stato freddato con un colpo alla tempia presso la “Fornace Tranquilla” in territorio di San Calogero (Vibo Valentia), Soumayla Sacko di 29 anni. Lo sparatore, appostato a circa 70 metri, ha esploso altri tre colpi per stendere i due compagni della
vittima: Drame Madiheri di 30 anni colpito di striscio e Madoufoune Fofana rimasto illeso. I tre bersagliati sono braccianti del Mali che da anni si rompono la schiena per pochi soldi nella raccolta di pomodori e fragole o nella raccolta di agrumi nella piana di Gioia Tauro. Erano partiti alle 15, due a piedi uno in bici, dalla tendopoli di San Ferdinando, comune reggino attaccato a Rosarno, (quest’ultimo famoso per l’impetuosa rivolta dei braccanti africani del 7 gennaio 2010 e per la contro-rivolta paesana del giorno successivo; episodi da non dimenticare perché insegnano che allo sfruttamento bestiale si accompagna ogni forma di violenza, sessuale e di annientamento), per
recarsi alla “Fornace” (stabilimento di laterizi abbandonato sito a circa 15 Km di distanza con l’intento
di raccattare alcune lamiere, che servivano ai due compagni dell’ucciso per coprire i loro rifugi siti nella bidonville di fronte alla tendopoli. Verso e 18 Drame e Soumayla, mentre si trovavano ancora sul tetto, vedono arrivare una Panda bianca da cui scende un uomo di media statura che imbraccia un fucile. Scendono entrambi. Lo sparatore che indossa pantaloni grigi e una maglietta
nera, senza profferire parola, prende la mira e spara in successione per colpire tutti. Soumayla non si aspettava un gesto così spietato e banditesco ed è stramazzato al suolo al primo colpo ... leggi tutto il volantino fronte-retro in PDF link: https://www.rivoluzionecomunista.org/images/archivio/documenti/pdf-generici/ELIMINATO_CON_UNA_FUCILATA_IL_BRACCIANTE_DAVANGUARDIA_SOUMAYLA_SACKO.pdf

CIRCOLO DI INIZIATIVA PROLETARIA GIANCARLO LANDONIO - BUSTO ARSIZIO

1181