il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Psicocomunista

Psicocomunista

(14 Novembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Memoria e progetto)

SITI WEB
(Memoria e progetto)

DIRITTI DEI LAVORATORI

NON POSSIAMO FARCI PRENDERE IN GIRO

(1 Settembre 2018)

marchionne

Non possiamo farci prendere in giro (per usare un blando eufemismo).
Scrive uno “scienziato della politica” come Piero Ignazi.
Repubblica (l’ebdomadario che sotto la guida di Scalfari più ha lavorato, a suo tempo, per demolire il PCI e insieme la sinistra italiana per farne un informe soggetto “liberal” senza confini e identità), 1 settembre 2018: ..”. Quando tra Marchionne e il sindacato si sta con Marchionne vuol dire che si è perso il legame con il popolo, si è reciso il cordone ombelicale con la propria storia, vuol dire che è stata assorbita in toto la logica neo capitalista fino all’ultima stilla..
omississ..
La sinistra ha perso la bussola non solo negli ultimi anni, sotto la guida di Matteo Renzi. Ha incominciato a smarrirsi ben prima dai tempi del PDS – DS, quando cercava di togliersi di dosso lo stigma di uno statalismo senza logica economica e di un’ostilità sorda all’impresa privata.
La differenza è che per quasi tutta l’ultima legislatura il PD ha governato praticamente da solo.
Non era mai successo nella storia repubblicana che la sinistra avesse un controllo così esclusivo dell’arena parlamentare e di quella governativa.
E quindi cadeva sulle sue spalle tutta la responsabilità politica.
Come l’ha gestita si è visto nella parabola degli 11 milioni di consensi del 2014 ai 6 del 2018”.”
Nel corso dell’articolo Ignazi scrive un’altra cosa che grida vendetta definendo “di sinistra” il reddito di cittadinanza.
Ma tiriamo oltre.
Contestato ferocemente l’uso del termine “sinistra” accennando al governo gestito dal PD (un vizio che deve essere tolto di circolazione drasticamente) c’è da chiedersi dove siano vissuti questi signori che adesso scoprono l’acqua calda e cercano di prenderci in giro parlando di ..”Serve indicare una speranza, prefigurare la giustizia e la libertà del secondo millennio. Utopia? Forse, ma senza speranza non c’è sinistra”.
Con quale coraggio questi signori scrivono dalle colonne di un giornale tra i principali responsabili di questo disastro; come del resto tra i principali autori di questo disastro si trova l’autore dell’intervento da cui Ignazi prende spunto per il suo articolo: un ex-segretario del PD e vice – presidente del Consiglio.
Per capire che cosa è successo bisognerebbe essere stati dalla parte di chi è stato irriso e marginalizzato nel corso di questi anni denunciando ciò che stava accadendo: denuncie con analisi e cognizioni di causa.
Un disastro che sia ben chiaro ha coinvolto ben oltre i confini del PD e che, appunto, nella sua genesi risale all’indietro nel tempo, nelle scelte sciagurate riguardanti il sistema elettorale, i tentativi di modifica della Costituzione, l’acquiescenza al formarsi dell’Unione Europea nei termini che conosciamo, la subalternità al decisionismo e alla personalizzazione in modo da portare in pochi mesi Berlusconi alla maggioranza, l’uso della presidenza della Repubblica border – linea rispetto alla Costituzione, ecc, ecc.
L’elenco potrebbe continuare non riducendosi al solo, pur gravissimo, “stare con Marchionne” logica conseguenza di un cedimento che viene da lontano.
Si dirà: sfoghi inutili, in assenza di una prospettiva politica diversa.
Adesso con Annibale alle porte è l’ora dell’union sacrée, dei taxi che viaggiano verso la Marna, del fronte del Piave, dell’unità tra tutti per respingere il pericolo neo – fascista, populista, anti democratico rappresentato da questo governo.
Attenzione a non cadere in questa ulteriore trappola: l’unità e necessaria ma, come scriveva Togliatti, nella “diversità” della propria autonomia culturale e politica. Ed è questa autonomia, prima di tutto di pensiero, che è venuta a mancare e rimane tutta da conquistare, lasciando così l’unità a tema di strumentalizzazioni gattopardesche.
Il problema non è davvero, come scrive Ignazi, recuperare gli elettori del PD che hanno votato 5 stelle, e per farlo magari adeguandosi alle pulsioni che li hanno fatti cambiare fronte (torno all’errore del considerare di sinistra il “reddito di cittadinanza”. Errore sintomatico di ciò che si intende per recuperare”.)
Il tema è ricostruire la sinistra in soggettività politica, ben consci che l’opposizione sarà di non breve durata e che è necessario sia impostata sulla rappresentanza delle fratture sociali maggiormente esposte e colpite: partendo però, prima di tutto, da una ricostruzione culturale, ideale, di valori.
Non è semplicemente questione di speranza legata all’Utopia: c’è una storia, quella della sinistra italiana nelle sue diverse componenti, che va riletta, recuperata, fatta oggetto di strumento utile alla innovazione necessaria.
Attenzione: il PD è stato elemento di rottura di questa storia e non fattore di continuità; egualmente un movimentismo senza progetto e senza organizzazione, falsamente imitatorio del tutto contro tutti, rimarrebbe comunque un fattore estraneo.
Come e quando si comincia?

Franco Astengo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Dopo il fallimento della sinistra governista. Quali prospettive per i comunisti?»

Ultime notizie dell'autore «Franco Astengo»

2882