il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Thatcher

Thatcher

(9 Aprile 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Contro i salariati pubblici e in attesa di altri 10 miliardi di privatizzazioni

Ecco il contenuto della manovra... «del popolo»

(7 Ottobre 2018)

conf. stampa gov conte

Il celebre Def "del popolo" non ha stanziato un euro a bilancio per il rinnovo contrattuale dei lavoratori della scuola. Il rinnovo contrattuale investe il triennio 2019/2021, dunque il Documento di Economia e Finanza dovrebbe indicare le risorse ad esso destinate in questa legge di stabilità. Invece nulla. Non solo: nel Def sta scritto chiaramente che i redditi da lavoro dipendente della Pubblica Amministrazione si ridurranno mediamente dello 0,4% nel biennio 2020-2021. Non basta dunque la riduzione pesante del potere d'acquisto dei lavoratori del settore pubblico nell'ultimo decennio, per nulla colmata dall'ultimo contratto farsa. Ora si scrive nero su bianco che il loro salario continuerà a scendere. E a scriverlo è quella stessa manovra che Di Maio e Salvini presentano urbi et orbi come la fine dell'austerità e l'inizio di una nuova epoca.

Non va diversamente in fatto di privatizzazioni. Ricordate l'apparente furore statalista del nuovo esecutivo contro i “prenditori” di beni pubblici, la sceneggiata contro i Benetton e Autostrade per l'Italia, l'annuncio di un controllo dello Stato sui beni della comunità e via cantando? Contrordine. La manovra del popolo dichiara nero su bianco che nel biennio 2019-2020 lo stato mira a incassare qualcosa come 10 miliardi dalla cessione di beni pubblici. Dunque dalle (ennesime) privatizzazioni. La ragione della misura è candidamente dichiarata: «diminuire il rapporto debito/Pil». In altri termini, ripagare il debito pubblico alle banche. Come sempre: le privatizzazioni servono non solo a beneficiare i “prenditori”, ma a ingrassare i possessori dei titoli pubblici, banche e assicurazioni in primis.

Siamo solo all'inizio del disvelamento progressivo dell'imminente legge di stabilità. Ma già la manovra che vuole l'applauso del “popolo” continua a servire il capitale finanziario, la cui sovranità ha solo cambiato spalla al fucile.

Partito Comunista dei Lavoratori

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «No alle privatizzazioni»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista dei Lavoratori»

1363