il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

I cento volti della Turchia

(203 notizie dal 13 Settembre 2010 al 13 Marzo 2017 - pagina 1 di 11)

Turchia-Ue, se i nazisti siamo noi

Sull’ennesimo ostracismo rivolto a politici del governo turco (l’ultimo ha riguardato della ministra della famiglia Fatma Betul Sayan Kaya, cui è stato impedito un incontro coi concittadini immigrati da temersi presso il Consolato turco di Rotterdam) torna a tuonare il presidente Erdogan. Non solo ha ripreso il refrain sul mai morto germe nazista usato nei giorni scorsi contro l’esecutivo...

(13 Marzo 2017)

Enrico Campofreda

Erdogan: i divieti tedeschi odorano di nazismo

Il battibecco a distanza fra Angela Merkel e Recep Tayyip Erdogan sta allargando l’orizzonte e rischia un attrito diplomatico di più ampie proporzioni. Ieri il presidente turco ha agitato lo spettro del nazismo, lanciando pesanti accuse all’intero establishment tedesco, a suo dire responsabile del divieto (seguito a quelli già espressi da Olanda e Austria) rivolto a membri...

(6 Marzo 2017)

Enrico Campofreda

Caso Yucel, le vendette del sultano

La vicenda che ha condotto da due settimane in carcere il giornalista tedesco di origine turca Deniz Yucel è di quelle che, coinvolgendo gli affari loschi di famiglia del presidente Erdogan, ha ricadute pesantissime. Il sultano da oltre un triennio è impegnato su due terreni di scontro politico-giudiziario. Il principale coinvolge l’accentramento autoritario del suo modello di...

(28 Febbraio 2017)

Enrico Campofreda

Turchia, le acrobazie erdoganiane fra Putin e Trump

In attesa della conferma referendaria di aprile, che può renderlo padrone assoluto delle Istituzioni turche, il presidente Erdogan tiene viva l’attività diplomatica con l’occhio sempre rivolto alla geopolitica. In questi giorni è volato in Africa (Tanzania, Mozambico, Madagascar) per scucire più che per tessere tele relazionali. L’intento è rivolto...

(26 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Turchia, ad aprile il referendum pro Erdogan

Le mani dei deputati dell’Akp, strette a pugno o aperte, stavolta sono levate al cielo in segno di vittoria perché il pacchetto di emendamenti che trasforma il sistema parlamentare della Repubblica turca in sistema presidenziale è stato approvato con una maggioranza di 339 voti. E loro festeggiano e pregustano il consenso che il voto popolare potrà offrire attraverso il...

(23 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Istanbul, catturato il jihadista-papà

Volto tumefatto da sicura punizione più che da ipotetica colluttazione Abdulgadir Masharipov, lo stragista uzbeko di Capodanno che aveva falciato 39 clienti del club Reina di Istanbul, è stato catturato stanotte nella parte europea della metropoli. Il quartiere dove si celava si chiama Esenyurt, in linea d’area una dozzina di chilometri più a ovest di Zeytinbyunu, l’area...

(17 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Turchia, il Parlamento inizia ad avallare il Partito-Stato

Primi ritocchi costituzionali votati dal Parlamento di Ankara. S’è iniziato con due riforme: la prima soft che aggiunge 50 deputati ai precedenti 550, ed è giustificata dall’aumento del numero degli elettori. L’altra risulta già più invasiva, entrando nel merito del lavoro dei magistrati. Così l’articolo 9 della Carta perde l’aggettivo...

(12 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Islam e turcofoni contro la Turchia

In molti guardano, pochissimi riescono a vedere. La metafora s’adatta a una Turchia colpita, impaurita, confusa che vive da mesi come in trance. Dell’ultimo incubo materializzatosi nella Ortaköy dello svago - dove gli occhi telematici hanno filmato il volto sospetto del killer stragista che da giorni occhi polizieschi studiano - non c’è ancora nulla di tangibile. Tracce,...

(4 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Turchia, strage di Capodanno e prezzo dell’avventura

Cronaca e storia insanguinate - Potrebbe essere un asiatico - afghano, uiguro, uzbeko - l’attentatore del Reina di Istanbul che ha massacrato 39 avventori, ventotto stranieri e undici turchi, nella notte di Capodanno. Un lupo solitario del jihadismo, camuffato non da Santa Klaus ma con una cuffia bianca col pon-pon (ora il dubbio è stato chiarito), oppure il killer d’un commando...

(2 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Istanbul, il sangue di Capodanno

Sembra non esserci tregua al terrore. La morte arriva anche nella notte di Capodanno, ancora a Istanbul, stavolta vestita da Babbo Natale. Portata da un killer nel night club Reina del quartiere di Besiktas, dov’erano stipate almeno 500 persone. L’attentatore uccide un poliziotto e un addetto alla vigilanza all’ingresso del locale, penetra all’interno e inizia a sparare come...

(1 Gennaio 2017)

Enrico Campofreda

Ankara, timori e interessi sul confine siriano

Ricomposto un rapporto che poteva incrinarsi per l’omicidio eccellente dell’ambasciatore russo ad Ankara (rimasto comunque tuttora oscuro) l’establishment turco guarda al futuro prossimo della sua politica interna e di quella che si sviluppa appena oltre confine nel turbolento scenario siriano. In questi giorni si parla con insistenza d’un tavolo di colloqui da tenere ad Astana...

(29 Dicembre 2016)

Enrico Campofreda

I misteri del delitto Karlov

Dopo le prime sessanta ore d’indagine trapelano diverse cose sulla vita e la morte di Mevlut Mert Altintas, il poliziotto che ha freddato ad Ankara l’ambasciatore russo Andrey Karlov. Dei circa due minuti che precedono la scarica assassina nella Galleria d’arte contemporanea gira un filmato dove il giovane è appostato alle spalle del diplomatico. Appare nervoso, si tocca sotto...

(22 Dicembre 2016)

Enrico Campofreda

Assassinio Karlov: Erdogan-Putin nessuna rottura

Le pallottole restano sul cadavere dell’ambasciatore Karlov, un professionista navigato che Putin perde in una fase internazionale intricata, ma non intaccano il vertice sulla Siria che si sta tenendo a Mosca. Coinvolti Lavrov, Çavusoglu, Zarif, responsabili dei dicasteri esteri di tre Paesi interessati a quella crisi che costituiscono un triunvirato dialogante, diversamente dagli sponsor...

(20 Dicembre 2016)

Enrico Campofreda

Ankara, l’occhio che uccide. Assassinato l’ambasciatore russo

Cinque colpi secchi di pistola alle spalle e Andrey Karlov, l’ambasciatore russo ad Ankara, cade a terra stecchito. Ad assassinarlo un ventiduenne in abito scuro e cravattino, una mise da guardia del corpo. Invece il killer è un jihadista che grida come un ossesso per un minuto mentre le telecamere di varie tv, che riprendevano in diretta dalla Galleria d’arte Moderna dove s’è...

(20 Dicembre 2016)

Enrico Campofreda

Attentato Istanbul: arresti preconfezionati

E’ nel gesto del capitano del Galatasaray Inan, che si porta al centro del campo un giovane poliziotto e l’abbraccia, l’anticorpo che il governo turco cerca di iniettare fra i concittadini. Usa il collante del popolarissimo sport, una squadra simbolo dell’élite della città da cui partì il sogno di potere erdoganiano, utilizza certamente l’ambiente...

(12 Dicembre 2016)

Enrico Campofreda

Turchia, nuove bombe mentre incede il presidenzialismo

Tornano i corpi lacerati dall’esplosivo nella Turchia che Erdogan fa definitivamente sua con la riforma costituzionale votata a breve dal Parlamento. Nella serata post calcistica, che aveva visto il successo della locale formazione del Besiktas sul Bursaspor, in un’area esterna al Vodafone Arena che dista poco più di mezzo chilometro dal Gezi park, ci sono state due terribili esplosioni....

(11 Dicembre 2016)

Enrico Campofreda

Presidenzialismo turco, la via nazionalista all’islamismo

Dopo le strette di mano si muovono le carte fra il presidente che rincorre il presidenzialismo e il lupo grigio che accetta di sostenerlo per non sparire. Sono le bozze della riforma costituzionale che i giuristi di Erdogan anticipano al leader nazionalista Bahçeli, prima di presentarle in Parlamento per l’approvazione. Lì dovranno incamerare i voti dei deputati dell’Mhp...

(16 Novembre 2016)

Enrico Campofreda

Turchia erdoganiana, nel nostro passato un grande futuro

Presidente kemal-islamista - Mentre il mondo s’interroga su quale sarà l’impatto geopolitico dell’elezione del più improponibile dei presidenti statunitensi, scenari di crisi e situazioni delicatissime come quella della Turchia erdoganiana tengono banco sul doppio binario interno e internazionale. Elementi di forza, di debolezza e obiettivi futuri dell’uomo del...

(10 Novembre 2016)

Enrico Campofreda

Turchia, finché la speranza non apparirà

Dichiarazione di Yeniyol, sezione turca della Quarta Internazionale, sulla repressione operata da Erdogan

Da Sinistra Anticapitalista Veneto, riceviamo e volentieri pubblichiamo questo contributo apparso due giorni fa su anticapitalista.org Il tentativo di colpo di stato militare orchestrato dall'ex alleato del regime, la confraternita Gülen, nella notte tra il 15 e il 16 luglio 2016 ha offerto l’occasione a Erdogan di intraprendere un tentativo di colpo di stato civile per annullare ogni possibilità...

(7 Novembre 2016)

anticapitalista.org

Erdogan arresta il Partito Democratico dei Popoli

Democrazia rappresentativa in galera - Dopo mesi Erdogan ha messo le mani sul nemico più temuto: il Partito Democratico dei Popoli. Ha posto agli arresti domiciliari i suoi segretari, Selahattin Demirtas e Figen Yüksekdag, più nove deputati di questo partito. Un attacco diretto alla rappresentanza popolare, alla libertà di pensiero, alla democrazia stessa. Per gli amanti...

(4 Novembre 2016)

Enrico Campofreda

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

266821