il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Auguri

Auguri

(24 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

DIRITTI DEI LAVORATORI

NO al diktat della borghesia imperialista europea

(442 notizie dal 18 Agosto 2011 al 1 Agosto 2016 - pagina 1 di 23)

La Gran Bretagna se ne va

di Daniela Trollio(*) Dopo l’esito del Brexit, la maggior parte degli analisti a livello internazionale si sono chiesti quali saranno le conseguenze sui mercati, sulle monete, sulle economie. Ma a noi pare molto più importante capire cosa significa in termini politici la decisione dell’elettorato britannico. Un dato fondamentale del referendum è la sua polarizzazione “di...

(1 Agosto 2016)

Da “nuova unità”

La battaglia contro l’‘Unione Europea” dei monopoli e del neoliberismo dev’essere intensificata lottando soprattutto
contro la “propria” borghesia

Risoluzione sul Brexit

Il risultato del referendum britannico per rimanere nell'Unione Europea, oppure per uscirne, ha sancito il voto per il “Brexit”, che non era stato previsto dall'élite europea e globale, dai governi capitalisti e dai media, da presidenti e speculatori finanziari. Nonostante una grande campagna di intimidazione, la maggioranza ha votato per rifiutare l'Unione Europea e lo schema di...

(8 Luglio 2016)

Comitato di Coordinamento della Conferenza Internazionale di Partiti e Organizzazioni Marxisti-Leninisti (CIPOML)

I comunisti e l'Europa

Il risultato della Brexit sta stimolando un grande dibattito sul tema dell'Europa e pone importanti quesiti alla sinistra e ai rivoluzionari. È di stringente importanza affrontare questi nodi che, come vedremo, sono molto spesso posti al dibattito come domande a trabocchetto. Saper riconoscere una domanda sbagliata è importante almeno quanto saper dare una risposta ad un interrogativo...

(30 Giugno 2016)

Nicola Sighinolfi - pclavoratori.it

Il M5S … la rivolta in Francia … la Brexit … e il Presidente Abete …

Sulla vittoria, in tutti i ballottaggi o quasi a cui ha partecipato, del M5S, ma il discorso vale pure per De Magistris a Napoli e per i successi qua e là di liste civiche assolutamente fuori dai partiti tradizionali e in qualche caso locale, ma ben vicino e ben legato a grossi centri nevralgici, anche vetero-comuniste, non crediamo ci sia molto da dire, i fatti parlano da soli. Semplicemente...

(28 Giugno 2016)

InfoAut Bnl – Redazione

UE o Brexit: una falsa alternativa per i lavoratori

L'esito del referendum britannico e la lotta anticapitalista contro l'UE

L'uscita della Gran Bretagna dalla UE apre un nuovo capitolo della crisi dell'Unione degli stati capitalisti del vecchio continente. Da tempo a cavallo tra integrazione e dissoluzione, la UE ha visto moltiplicarsi nell'ultima fase le spinte disgregatrici. Il combinato della crisi capitalista, della prolungata stagnazione, della profonda crisi di consenso delle politiche di austerità ha sospinto...

(25 Giugno 2016)

Partito Comunista dei Lavoratori

Brexit: non poteva andare diversamente!

Anni e anni di crisi finanziaria, la peggiore mai conosciuta nell’era moderna per durata e profondità, milioni di disoccupati, tagli furiosi ai bilanci statali che hanno ridotto al lumicino alcuni dei migliori Welfare nazionali, attacchi altrettanto furiosi ai diritti dei lavoratori, privatizzazioni a gogò, riduzione della democrazia a simulacro a favore di una governance che...

(24 Giugno 2016)

USB

Il Brexit indebolisce l’oligarchia e apre spazi
alla lotta della classe operaia e dei popoli

Nonostante lo scandaloso negoziato fra Cameron e i vertici dell’UE; nonostante il terrorismo finanziario, pilotato dalle istituzioni del capitale monopolistico internazionale; nonostante un omicidio politico reazionario che serviva per spostare l’ago della bilancia a favore del “remain”; nonostante le ingerenze e le intimidazioni politiche, le menzogne dei media…la maggioranza...

(24 Giugno 2016)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Il burattinaio Giorgio

Dopo ben nove anni passati al Quirinale a seguito di una rielezione inattesa, speravamo di esserci liberati di Giorgio Napolitano. Invece no. L’ex Presidente della Repubblica non si gode la pensione facendo il nonno a tempo pieno, ma esercita ancora un ruolo di peso nei rapporti fra Italia e Ue. La settimana scorsa il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, è venuto...

(29 Febbraio 2016)

Antonio Rei - altrenotizie

Napoli, 9 gennaio: tavola rotonda su Unione Europea e lotta di classe

Sabato 9 gennaio si terrà nella Mensa occupata una tavola rotonda sulla natura imperialista dell'Unione Europea e le forme di lotta di classe in una prospettiva di rottura della catena imperialista europea. L'intento è quello di fare chiarezza sulla natura imperialista dell'Unione Europea e sui rapporti inter-imperialistici tra le potenze del blocco Nato, e tra queste e le potenze emergenti,...

(25 Dicembre 2015)

Mensa Occupata Laboratorio Politico Iskra Rete dei Comunisti

IL POPOLO SOVRANO

Sono molte le forze politiche a Destra e a Sinistra che vogliono rompere con l'Unione Europea e con l'Euro, ma le prospettive non sono le medesime. Da una parte chi, come il Front National e la Lega Nord, puntano alla mera sovranità nazionale: ovvero la subordinazione dei loro lavoratori alle diverse borghesie nazionali. Dall'altra la prospettiva della sovranità popolare e quella internazionalista...

(20 Dicembre 2015)

Stefano Paterna - La Città futura

UE: un nuovo sonoro NO dal popolo danese

Pubblichiamo volentieri questo comunicato, inviatoci da Piattaforma Comunista E’ stata una vittoria del popolo contro la classe dominante e l’establishment dell’Unione Europea, dal momento che i danesi hanno manifestato il 3 dicembre 2015 un sonoro all’integrazione sovranazionale. Questo significa che la Danimarca non farà automaticamente parte dell’Europol sovranazionale...

(5 Dicembre 2015)

Partito Comunista degli Operai di Danimarca - APK

Tsipras succede a Tsipras, ma tutto è cambiato

Tsipras sarà per la seconda volta primo ministro greco, ma di un paese sempre più socialmente avvilito e politicamente disorientato. Un milione di elettori che pure erano andati a votare il 25 gennaio scorso sono rimasti a casa. Anche rispetto al referendum del 5 luglio i voti validi sono stati 700.000 in meno. Neanche la estrema polarizzazione tra il partito di Syriza e la destra di...

(21 Settembre 2015)

Esecutivo nazionale di Sinistra Anticapitalista

Grecia (ed Europa): la tragedia non finisce qui

Dalla rivista “nuova unità” Il dramma del popolo greco si sta consumando, e siamo lontani dal vederne la fine. Ma, prima di parlare dell’indubbio “tradimento” di Syriza, o di una sua parte, mi sembra importante inquadrare quanto è successo in questi ultimi mesi partendo da un dato molto semplice: l’economia greca vale, in quella dell’Unione Europea,...

(16 Settembre 2015)

Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”, Via Magenta 88, Sesto San Giovanni

LA CRISI DEI DOGMI EUROPEISTI DELLA CLASSE POLITICA ITALIANA

La vicenda greca ha rappresentato un passaggio importantissimo nel quadro della crescente crisi della popolarità di cui hanno goduto le istituzioni europee. Dai trattati di Maastricht alla creazione dell’euro, la grande borghesia italiana ha impegnato il grosso delle sue energie in una campagna ideologica martellante finalizzata a presentare l'Unione europea e la sua moneta come “progressive”....

(16 Agosto 2015)

Francesco Cori - La Città futura

Grecia, verso la costituzione politica del fronte del NO

presentazione di Stathis Kouvelakis, da Europe Solidaire Sans Frontières, traduzione di Gigi Viglino Gli sviluppi ad Atene sono drammatici e il loro ritmo si accelera. Il Parlamento ha votato il terzo Memorandum concordato tra il governo Syriza e le “istituzioni” europee, con la nuova procedura rapida di un «dibattito» di un solo giorno (e notte…). I parlamentari...

(15 Agosto 2015)

anticapitalista.org

Che cos’è la Troika

Di “Alas Republicanas” (*) I mezzi di comunicazione e quelli di Podemos ( Possiamo: partito politico spagnolo fondato nel 2014, n.d.t.) ci raccontano che gli uomini neri della Troika sono le persone che comandano ma che nessuno ha votato. Dicono che, se vogliono così tanto comandare, si presentino alle elezioni. Queste affermazioni mi hanno portato a chiedermi che cos’è...

(11 Agosto 2015)

Traduzione di Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”, Sesto S.Giovanni

FIRENZE, 29 LUGLIO: A MENTE FREDDA SULLA GRECIA

Dopo i clamori e gli entusiasmi determinati dal referendum in Grecia con la vittoria dei no pensiamo sia importante lasciare da parte i sentimenti di pancia e rimettere al centro dell'attenzione la riflessione, la conoscenza dei fatti e delle varie posizioni politiche. Guidati dalle suggestioni dei mass-media come già successo dopo l'attacco a Parigi con Je suis Charlie, oggi sono tutti OXI...

(25 Luglio 2015)

Comitato comunista Fosco Dinucci, Firenze

GRECIA: MISERIA, UMILIAZIONE E SCHIAVITÙ
IMPOSTE DALL’IMPERIALISMO
LA SOCIALDEMOCRAZIA NON E’ UN’ALTERNATIVA

Miseria, umiliazione, schiavitù economica e politica: questo è ciò che il popolo greco deve attendersi dal nuovo accordo di «salvataggio» imposto dall'abusivo Eurogruppo dominato dalla Germania e firmato da Tsipras. E' un accordo-capestro, peggiore di quello bocciato dal referendum popolare, scaturito da ricatti, minacce e asfissia finanziaria. Contiene pesantissime...

(16 Luglio 2015)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Il Red Network (sinistra di Syriza) contro il nuovo Memorandum

Pubblichiamo il volantino del Red Network, componente della Piattaforma di sinistra di Syriza le cui due parlamentari avevano già votato no al piano di negoziazione proposto da Tsipras lo scorso 11 luglio, che chiama alla mobilitazione contro il nuovo Memorandum imposto alla Grecia. (trad. di F. Locantore dalla versione inglese pubblicata su SocialistWorker.org) Solo una settimana dopo il NO...

(15 Luglio 2015)

anticapitalista.org

OXI significa OXI!

Con il popolo greco, contro la gabbia dell'Unione Europea

Presidio in Piazza Antenore a Padova mercoledì 15 luglio ore 19 Nonostante il No ai diktat dell'Unione Europea espresso dal popolo greco a larghissima maggioranza nel referendum del 5 luglio, la UE è riuscita ad imporre alla Grecia le politiche di austerità che servono solo ad arricchire chi è già ricco, riducendo alla fame lavoratori e pensionati. Le istituzioni...

(14 Luglio 2015)

Rete dei Comunisti - Padova

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

329609