il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Omaggio al principe

Omaggio al principe

(11 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Londra. Una manifestazione di studenti contro l'aumento delle tasse universitarie assalta il Ministero del tesoro, la Corte suprema e... la Rolls di Carlo e Camilla

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

E lo chiamano welfare...

(11 Ottobre 2007)

Il protocollo d'intesa del 23 luglio è stato definito "Accordo sul Welfare". Dove con welfare (lett. benessere) si sottintende lo Stato sociale, ovvero un insieme di politiche di sostegno all'occupazione, ai redditi e ai consumi. Potrebbe sembrare divertente visti i risultati, ma non fa per niente ridere.

Gli accordi di luglio si sono infatti rivelati un ennesimo attacco alle condizioni di vita di lavoratori, giovani, precari e pensionati. Aumento dell'età pensionabile (anche rispetto alla famigerata proposta Maroni), diminuzione dei rendimenti per il calcolo della pensione, quasi nessun riconoscimento dei lavori nocivi e usuranti, perpetuazione del precariato e via discorrendo.

Nemmeno una delle (timide e insufficienti) promesse elettorali del governo Prodi è stata mantenuta: anzi, si procede sulla strada del peggioramento delle nostre condizioni. Dopo la finanziaria del 2007 che ha "risanato" prendendo i soldi dalle nostre tasche (vedi ticket sanitari), dopo il tentato scippo dei fondi pensione (respinto nei fatti dalla grande maggioranza dei lavoratori) e con l'attuale finanziaria, continua a svilupparsi la politica di attacco a lavoratori, giovani e ceti popolari. Il governo, acquiescente alle esigenze degli industriali, ha trovato in ciò ottima sponda nei sindacati "amici" CGIL-CISL-UIL, la cui complicità interessata è stata e sarà ricompensata.

Il referendum truffa sull'accordo c'è stato. La farsa della consultazione democratica tra i lavoratori non poteva che finire così, ma i risultati truccati non riescono a nascondere che la grande maggioranza dei lavoratori - votando no, boicottando la consultazione o comunque non andando a votare - è contraria o comunque ben lontana dal condividere l'accordo di luglio.

Si tratta ora di passare dalla protesta e dal rifiuto a fatti concreti, a forme di lotta e di mobilitazione generale, all'iniziativa, in prima persona, dei lavoratori.

Lo sciopero generale e generalizzato, indetto per il 9 novembre da tutti i sindacati di base e promosso da numerose altre organizzazioni, contro gli accordi del 23 luglio, è un'occasione importantissima per ripartire con un movimento di lotta che non sia solo difensivo.
Giudichiamo di grande importanza che lo sciopero si generalizzi nella vita metropolitana coinvolgendo tutti i settori sociali.

* Contro gli accordi del 23 luglio
* Per l'abolizione del precariato e per un lavoro stabile e tutelato
* Per salari e stipendi europei, l’aumento delle pensioni e il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro
* Contro le spese militari e le missioni di guerra

SCIOPERO GENERALE
VENERDI' 9 NOVEMBRE 2007
MANIFESTAZIONE REGIONALE DELLA LIGURIA CON CONCENTRAMENTO A GENOVA IN P.ZZA DE FERRARI ALLE ORE 9.00


Confederazione Cobas (Genova) - Confederazione Unitaria di Base C.U.B. (Liguria) - Unione Sindacale Italiana U.S.I. (Liguria)
Aderiscono:
Partito Comunista dei Lavoratori - Movimento Umanista - Sinistra Critica

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «No al protocollo del luglio 2007»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Unitaria di Base»

6816