il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La lettera di risposta

La lettera di risposta

(28 Ottobre 2011) Enzo Apicella
Anche i lavoratori rispondono all'ultimatum europeo. Venerdì 2 dicembre sciopero generale

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 100 di Alternativa di Classe
    (16 Aprile 2021)
  • SOMMARIO DE IL PARTITO COMUNISTA N. 408 - Aprile 2021
    organo del partito comunista internazionale
    (15 Aprile 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Referendum sul Protocollo del 23-07-07: aspettate a cantar vittoria

    (15 Ottobre 2007)

    Come previsto, al referendum indetto e gestito da CGIL-CISL-UIL ha vinto ampiamente il Si, avvallando le loro firme sul protocollo.

    Sarebbe stato incomprensibile che la classe lavoratrice italiana, intruppata in buona parte dietro a tali sindacati statalisti, avesse scelto all’improvviso di non ubbidire alle direttive della burocrazia sindacale.

    Nonostante ciò ci sembra inopportuno il cantar vittoria da parte di molti loro dirigenti.

    Primo, perché nelle grandi aziende, dove evidentemente non giunge solo la loro voce, vi sono state innumerevoli affermazioni del NO. Vogliamo solo citare il caso della Fiat Sata e industrie terzializzate di Melfi, in cui il No ha vinto con l’85%. Prova che il dissenso Fiom nel settore metalmeccanico ha avuto il suo peso. Il risultato “plebiscitario” del Si va inoltre ridimensionato considerando che parte del sindacalismo alternativo ha scelto “aventinianamente” di boicottare, seppur con valide ragioni, questa consultazione.

    Secondo, nonostante siano più di cinquant’anni che narcotizzano i lavoratori per mantenerli sottomessi al potere statale e confindustriale, l’aver ricorso ad innumerevoli scorrettezze sulle modalità di svolgimento del referendum è indicatore evidente che siamo al capolinea di una democrazia ormai solo formalista e probabilmente l’ultimo canto del cigno di un sindacalismo, cinghia di trasmissione di partiti nati nel dopoguerra ed ormai svaniti, in preda a convulsioni da trasformazione.

    La sfiducia espressa poi da molti lavoratori, non recandosi nemmeno a votare unita a quella evidenziata in recenti sondaggi di opinione sulla stima verso i succitati sindacati né è una ulteriore prova.

    Il Segretario Nazionale
    dell’Unione Sindacale Italiana
    (Zanchi Fabrizio)

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «No al protocollo del luglio 2007»

    Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

    8781