il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pace, lavoro e libertà

Pace, lavoro e libertà

(16 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Manifestazione nazionale della FIOM

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Contratto Metalmeccanici)

Assemblea in Fiat Cnh di Modena sul CCNL

(20 Ottobre 2007)

Venerdì 19 ottobre si è svolta dalle ore 9.00 alle 10.00 in sala mensa alla presenza di circa 200 operai la prima aasemblea sul contratto collettivo nazionale dei metalmeccancici.

introduzione del segr.uil Manfredini che sostanzialmente nella mezz'ora di esposizione conferma la intransigenza su tutti i fronti dei padroni di federmeccanica e a traino di confapi-api-coop su tutte le richieste dei metalmeccanici facendosi anche scudo dalla firma del protocollo welfare su straordinari, precarietà. Sugli orari i padroni hanno chiesto alla delegazione trattante nazionale di Fiom-fim-uilm di introdurre l'orario plurisettimanale diviso su periodi di 4 mesi (cioè di far lavorare obbligatoriamente quando c'è nè esigenza produttiva una settimana 48 ore, un altra 32 ore e cosi via a seconda) sfondando sul sabato e pagando le giornate in tariffa ordinario all'interno di questi periodi...Conclude dicendo che ci sono le giornate del 30-31 ottobre che si promuovono scioperi di 4 ore.

gli operai stanchi da una settimana di produzione perplessi da tutta questa pantomima pensano e si toccano a mo' di massaggio i visi stanchi (è venerdi).

interviene un operaia premettendo subito che ciò che si è ottenuto è stato il frutto di lotte che hanno condotto gli operai che però oggi ci troviamo a questo rinnovo normativo del contratto, in una trincea molto arretrata, perchè non si può fare i comodi della Fiat (rivolgendosi ai funzionari e delegati in presidenza, 3 uil 2 cisl 2 fiom piu' funzionari, assenti un delegato Fiom e uno Slai-Cobas) tutto l'anno e poi improvvisamente arriva il contratto e si preparano sopra la testa degli operai pacchetti di sciopero preconfezionati perchè il padrone vuole tutto.

interviene un operaio della saldatura specificando come al di là di piangere sul latte versato bisogna riappropriarsi dell'organizzazione sindacale e politica in fabbrica e rivolgendosi agli operai ha proposto che si specifichi la richiesta di comitati di sciopero formata nei reparti da OPERAI che controllino lo stato delle trattative e che soprattutto abbiano potere di decidere forme e modalità stessa degli scioperi in Fiat perchè siamo noi i titolari delle nostre condizioni e perche' i delegati rsu in new-holland Modena ormai non raprresentano piu' lo spirito e la materialità degli operai Fiat, Comitati ampi di fabbrica fra operai al di là della sigla iscritti e non, operai che comunque sappiano reggere nei reparti non come i delegati attuali che non hannoil polso dello scontro in atto con i capi e con la Fiat e non costruiscono quei rapporti di forza che invece gli operai nei reparti (soprattutto quelli a piu' duro lavoro e condizioni) faticosamente giorno per giorno stanno difendendo.

inoltre all'assemblea in un crescendo di adesione l'operaio ha proposto un RADDOPPIO della richiesta salariale slegata dai livelli di appartenenza (3°-4-5°) e non i 117 euro scaglionati al 2009 (anche se ci sarenne da scalinarli al contrario..n.d.r.). Nell' approvazione rumorosa degli operai ha concluso che per fare la lotta ci vuole una forte soggettività operaia e per ottenerla e fare male al portafogli del padrone non ci vuole aladino quindi come tutti sanno, perchè gli operai leggono e sanno per propria esperienza visto che è nel nostroi gruppo che c'è attenzione e dispiegamnento operaiovà bloccata completamente la Ferrari e la Maserati. Si propone di accorpare a 8 ore di sciopero anche come segnale politico ai padroni che fanno i riottosi, quindi i concentramenti per colpire la produzione e il mercato che tira vanno fatti intorno ai perimetri di Fiat, Ferrari, Maserati e arterie adiacenti. Sciopero 31 ottobre quindi con picchetti disciplinati con presenza massiccia dei giovani e si richiede la partecipazione di tutti i metalmeccanici del comprensorio Modena e provincia.

un altra proposta scaturita è la formazione di una Lettera firmata dagli operai Fiat modena con CONSIGLI PRATICI su come procedere nella attuale situazione...

(QUI ALLA TRATTORI IL PROTOCOLLO NON PASSA E NON SI ACCETTA NESSUNO SCAMBIO VOGLIAMO I 150 GIOVANI A TERMINE TUTTI CONFERMATI ALTRIMENTI ULTERIORE INASPRIMENTO DELLA LOTTA).

un altro operaio manutentore è intervenuto contestando pesantemente i sindacati e dicendo che quando lui aggiusta un macchinario il lavoro lo fà intero e non a tranches se no il macchinario non si aziona ragion per cui nel contratto i recuperi che si otterranno si devono dare subito e non scaglionati nel tempo...

il funzionario uil e un delegato fiom sputtanato hanno cercato di replicare ma sono stati subissato dalle urla fischi battimenti sui tavoli, e poi ordinatamente i 250 operai sono sfilati fuori dalla mensa con la certezza che da oggi inizia la resistenza e si alza di livello lo scontro con padroni e sindacati collaborazionisti..

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Contratto Metalmeccanici»

Ultime notizie dell'autore «Francesco Ficiarà»

8632