">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La pietà delle banche

La pietà delle banche

(15 Febbraio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Perché non c’è più la scala mobile?

(5 Gennaio 2008)

Si riparla di aumenti salariali, in questo contesto politico io propongo il ripristino di un meccanismo di scala mobile, ma ogni volta che viene formulata tale proposta. Il mondo politico si unisce in un coro di no un po sdegnato e la Confindustria intona un pianto greco tirando in ballo i destini della patria. La verità è che in questi anni invece sono diminuiti i salari e sono aumentati i profitti, cioè è aumentato lo sfruttamento e il “plusvalore relativo”. Il taglio dei salari e del suo potere d’acquisto ha provocato, un rallentamento dell’economia e quindi ha alimentato una spirale recessiva;dall’altro in questa situazione i maggiori profitti sono andati ha gonfiare la rendita finanziaria e non hanno determinato un aumento degli investimenti. Da questi elementi occorre trarre due insegnamenti politici:
1) La reintroduzione della scala mobile è assolutamente necessaria per evitare che i ricchi diventino sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Senza scala mobile non c’è meccanismo contrattuale che tenga, i salari sono destinati a scendere ancora;
2) La reintroduzione della scala mobile non è solo indispensabile per difendere i redditi da lavoro dipendente, ma secondo me è obbligatoria per evitare che l’economia italiana entri in una spirale ancora più recessiva e pesante in cui tutta la società si impoverisce.

In tutti questi anni ci hanno troppe volte spiegato che la classe operaia doveva fare gli interessi generali del paese e quindi accettare i sacrifici. Era ed è sbagliato e falso. Perchè gli interessi di tutta la società coincidono con gli interessi dei lavoratori e solo aumentando i redditi da lavoro dipendente è possibile avere uno sviluppo civile del paese. Reintrodurre la scala mobile è quindi una misura indispensabile per l’interesse generale, contro gli interessi particolari del padronato. Occorre quindi ripartire da una forte battaglia per il recupero salariale contro il ricatto della imprese. Perchè dopo lo “scippo” della scala mobile, non esiste più un sistema automatico di difesa dei salari.

Antonello Tiddia
RSU Carbosulcis

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Per una nuova scala mobile»

Ultime notizie dell'autore «Antonello Tiddia - Rsu Carbosulcis»

11511