il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

La peste

La peste

(23 Novembre 2010) Enzo Apicella
“La Peste”. Un libro-inchiesta denuncia le infiltrazioni camorristiche nel ciclo dei rifiuti, le convenienze della politica e gli interessi della massoneria

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

L'ultimo atto di Prodi: finanziamenti CIP6 per gli inceneritori

(4 Febbraio 2008)

Insomma, Prodi dimissionario, con un atto autoritario, al limite della legalità e certamente ingiustificato e truffaldino, si è di nuovo piegato alla volontà di petrolieri e di quanti hanno in mano il business dei rifiuti.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, al fine di assicurare la rapida conclusione dello stato di emergenza nel settore dei rifiuti in Campania, ha firmato l’ordinanza che garantisce le agevolazioni tariffarie per la vendita dell’energia elettrica (Cip6). In questo modo - si legge in un comunicato di palazzo Chigi - sara’ possibile procedere piu’ rapidamente alla realizzazione degli impianti di termodistruzione o di gassificazione che saranno realizzati nei territori di Acerra, S.Maria la Fossa e della provincia di Salerno.
Così l'agenzia di stampa AGI del 31 gennaio.

Così Prodi adotta uno dei suoi ultimi provvedimenti da Presidente del Consiglio, forse tra i più indegni che postesse emettere. Perchè? Innanzitutto dobbiamo partire dal significato del CIP6.

Il CIP6 è in sostanza una circolare (la n. 6/1992) del Comitato Interministeriale Prezzi, che stabilisce incentivi e vantaggi per la produzione di energia elettrica senza l'utilizzo di fonti altamente inquinanti, come metano, petrolio o carbone.
Insomma, degli incentivi per la produzione di energia elettrica attraverso le cosidette fonti rinnovabili. Ma, come per magia, a quelle rinnovabili furono aggiunte le fonti assimilate, e cioè: rifiuti, residui di raffinazione, di gas, carbone, molto inquinanti.
Questi incentivi - che fruttano diversi miliardi di euro - sono pagati dai cittadini attraverso la bolletta, tanto che nella stessa bolletta elettrica, è possibile leggere la voce "A3" che costa 60 euro in media in più all'anno.
Sapete fino ad oggi chi ha usufruito degli incentivi CIP6? Queste poduttrici di energia, non proprio conosciuti come accaniti ambientalisti, nè per l'utilizzo di fonti pulite e rinnovabili: Sarlux del Gruppo Saras dei fratelli Moratti (10,8% dei finanziamenti da CIP6); Isap del gruppo ERG (10,2%); Edison (41,2%); Acea-Electrabel (4,3%) Api Energia (3,4%); oltre alla ASM di Brescia, proprietaria del termovalorizzatore della medesima città. Altro che finanziamento ed incentivi alle fonti pulite e rinnovabili. E' stata una lunga presa in giro per tanti anni. Fino ai recenti provvedimenti del governo che, dopo lunghe e dure battaglie e grazie alla pressione costante di gruppi e associazioni ambientalisti, hanno abolito la truffa dei Cip 6.

Ora, in piena crisi rifiuti in Campania, alla quale per porvi definitivamente rimedio sarebbe il caso di pensare ed applicare un ciclo dei rifiuti virtuoso e che, come previsto dalla normativa comunitaria, passi attraverso le fasi di riduzione, riuso, riciclaggio e solo dopo di discariche ed infine incenerimento, proprio ora, dicevo, Prodi ha emesso un'ordinanza di protezione civile per derogare e ammettere ai contributi Cip 6 tre inceneritori. Così, in barba ad una legge approvata dal Parlamento italiano, si consentirà di nuovo la truffa CIP6 per la costruzione degli inceneritori di Acerra, S. Maria di Fossa e Salerno (quest'ultimo tra l'altro neanche ancora progettato). Una truffa portata avanti sotto l'insegna dell'"emergenza". Un'"emergenza" che dura 14 anni.
Si potrà obiettare che un'ordinanza di protezione civile, non potrà che avere una durata circoscritta in un tempo limitato. Certo, sarebbe una giusta osservazione se i finanziamenti da CIP6 non durassero dieci anni. E siccome per la costruzione del cancrovalorizzatore di Acerra occorrono quattro anni, quell'inceneritore potrà godere per sei anni della sua attività di finanziamenti (pagati dai cittadini con le bollette di energia elettrica) che sarebbero dovuti essere destinati a fonti pulite e rinnovabili.
Insomma, Prodi dimissionario, con un atto autoritario, al limite della legalità e certamente ingiustificato e truffaldino, si è di nuovo piegato alla volontà di petrolieri e di quanti hanno in mano il business dei rifiuti.

Ed intanto la Impregilo, società del gruppo Romiti, ieri in borsa ha guadagnato il 4% nelle quotazioni dei propri titoli. E sapete chi fa parte del gruppo Impregilo? La Fibe, cioè la società che finora ha gestito il ciclo dei rifiuti in Campania, attraverso la quale ha incassato milioni di euro e tra i principali responsabili dell'"emergenza rifiuti in Campania.

Complimenti a Prodi!

Crocco1830

10148