il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

The Idiot

The Idiot

(10 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

In Serbia: resistenza di massa contro il ruolo sostenuto dagli USA/NATO

(9 Marzo 2008)

In ultima analisi, la storia non è mai decisa da risoluzioni, leggi o proclami.
Viene decisa da esplosivi movimenti di massa che creano sconvolgimenti dal basso in risposta a intollerabili condizioni e ad eventi che suscitano sdegno.
Il 24 febbraio, centinaia di persone si sono radunate davanti alla Casa Bianca per manifestare la loro opposizione all’ultima aggressione degli USA contro la Serbia. La manifestazione era stata organizzata da STOP alla Coalizione (STOP, Stop Terrorizing Orthodox Peoples, acronimo per Stop a Terrorizzare i Popoli Ortodossi). Importanti manifestazioni di protesta si sono tenute a Ginevra e a Zurigo, in Svizzera; a Vienna, Austria; ad Atene, Grecia; a Vicenza, Italia; a Montreal e a Toronto; a Cleveland e a Chicago. Altre dimostrazioni avverranno questa settimana, come la importantissima manifestazione del 2 marzo, dalle ore 2 alle ore 4 del pomeriggio, davanti alle Nazioni Unite.

Il 21 febbraio, una enorme ed infiammata dimostrazione, con una partecipazione stimata dal mezzo milione a ben oltre un milione di persone, a Belgrado, capitale della Serbia, ha cambiato i termini del dibattito sul Kosovo.
A seguito di questa colossale manifestazione in opposizione al furto da parte di Washington della provincia Serba del Kosovo, migliaia di persone hanno assediato l’Ambasciata USA di Belgrado e l’hanno incendiata. Sono state attaccate anche le Ambasciate di Gran Bretagna, Germania, Croazia, Belgio e Turchia. Sono state prese come bersaglio da giovani infuriati concessionarie e punti vendita Occidentali, 10 McDonalds, negozi della Nike, e sportelli bancari. Sono avvenuti scontri nella notte con le forze di polizia antisommossa.
In migliaia hanno manifestato contro i posti di confine fra la Serbia e il Kosovo. Due postazioni doganali sono state distrutte, una incendiata, l’altra fatta saltare in aria. Tutte queste azioni hanno mandato un inequivocabile messaggio, che la decisione USA di insediare direttamente una colonia in Kosovo riconoscendone l “indipendenza” sarebbe stata sfidata da un movimento esplosivo che sarebbe andato ben oltre la sola dichiarazione di opposizione ufficiale da parte del governo Serbo.
In un articolo del New York Times del 25 febbraio veniva rivelata la preoccupazione che Washington potesse avere sottovalutato la risposta Serba. Veniva considerato che gli artefici della politica a Washington e a Brussels stanno temendo che una opposizione rabbiosa possa “destabilizzare l’intera regione”. L’articolo, dal titolo “Il furore Serbo per il Kosovo: ultimo sussulto o primo soffio di vita?”, rifletteva molti altri nuovi commenti: “Il mondo è in attesa di vedere se i tumulti di giovedì sono stati in Serbia un accesso di collera o la prima scossa di un nuovo terremoto nei Balcani.”
Naturalmente, è il pericolo di un nuovo terremoto Balcanico che il potere delle grandi imprese USA temono. È evidente con certezza che il governo USA, ancora una volta, ha sottovalutato l’opposizione alla sua politica criminale. Washington aveva considerato che la sua decisione da tanto tempo annunciata di riconoscere un nuovo mini-stato nei Balcani non avrebbe ricevuto contrasti. L’“indipendenza” era da considerarsi un fatto compiuto. Anche se per un certo periodo di tempo il Kosovo non poteva ricevere l’approvazione ufficiale da parte delle Nazioni Unite, comunque si era ritenuto che l’immediato riconoscimento da parte degli USA e dell’Unione Europea, accompagnato da finanziamenti e dalla continua presenza di forze internazionali, avrebbe schiacciato l’opposizione dei Serbi.
Gli USA sono così abituati ad avere un atteggiamento arrogante e a violare gli accordi internazionali, perfino le clausole dettate da loro stessi a Washington relative all’espansione della NATO, ai confini e alla sovranità nazionale, da rimanere sconvolti di trovarsi di fronte ad una seria opposizione.
Sicuramente, molti uomini politici in Serbia, smaniosi di un ingresso della Serbia nell’Unione Europea, erano disposti a manifestare non più che una simbolica opposizione! Ma la risposta densa di collera dell’intera popolazione Serba ha veramente buttato all’aria le fondamenta di quest’ultimo tentativo imperialista di impadronirsi di territori.

Si anima la lotta

Attualmente, il personale dell’Unione Europea e le altre forze si stanno ritirando dalle zone settentrionali del Kosovo, attorno alla città di Mitrovica, che è stata divisa in due aree, una occupata prevalentemente dall’etnia Serba, l’altra dall’etnia Albanese. Comunque, in Kosovo vivono altri raggruppamenti nazionali. Storicamente, tutti sono stati oppressi, di recente dagli imperialisti dell’Europa Occidentale e degli USA, in precedenza da imperi feudali.
Sul ponte di Mitrovica che scavalca il fiume Ibar, per tutta la settimana, tra il Servizio di Polizia del Kosovo (KPS), una forza multi-etnica, e la polizia delle Nazioni Unite si è venuta a creare una situazione di stallo. La polizia KPS si era rifiutata di entrare al servizio di un nuovo Kosovo, dichiarato stato. Moltissimi mezzi che trasportavano manifestanti si sono diretti al confine della Provincia per partecipare a dimostrazioni contro la separazione del Kosovo. Nel frattempo le forze USA/NATO, cioè la KFOR, si sono mosse per sbarrare il confine con veicoli corazzati e carri armati per arrestare l’affluenza di potenziali contestatori.
Una volta ancora, in Europa, la sfida al peso schiacciante dell’imperialismo arretrato USA, le cui minacce e pressioni hanno disfatto tanti stati socialisti, compresa la Jugoslavia, è venuta dal movimento di massa dei Serbi.
Il 24 febbraio, si sono tenute manifestazioni di solidarietà in tutta Europa, in Canada e negli Stati Uniti, che sono continuate per tutta la settimana.
Per molti, è la situazione veramente ipocrita in cui si trovano gli USA che li ha messi in stato di allarme, dato che sono spinti da motivazioni ben più rovinose che desiderare di garantire l’indipendenza del Kosovo. Dopo tutto, gli Stati Uniti hanno rifiutato di concedere l’indipendenza a Porto Rico, malgrado 100 anni e più di tentativi, ed ora sono stati i primi a riconoscere l’indipendenza del Kosovo dalla Serbia, nello stesso giorno in cui è avvenuta la dichiarazione unilaterale.

Opposizione internazionale

Sia la Russia che la Cina, che detengono il potere di veto presso il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, hanno pubblicamente dichiarato che non avrebbero permesso che l’ONU confermi il furto illegale e violento del Kosovo arrecato alla Serbia.
Russia e Cina hanno espresso gravi preoccupazioni che questo pericoloso precedente apra la strada nel mondo ad ulteriori spaccature di stati nazione, fatti bersaglio dall’intervento imperialista.
La dichiarazione unilaterale è stata una diretta violazione della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale ed anche dei termini della Risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, disegnata dagli Stati Uniti dopo i 78 giorni di bombardamenti sulla Serbia nel 1999. Malgrado la mancata approvazione dell’ONU, gli USA, la Germania, la Francia e la Gran Bretagna sprezzantemente hanno continuato sulla strada del riconoscimento del Kosovo.
Si sono opposte al riconoscimento la Serbia, Russia, Cina, Spagna, Grecia, Venezuela, Bolivia,
Portogallo, Slovacchia, Malta, Bulgaria, Romania, Cipro, Sri Lanka e Armenia. Inoltre, tante altre nazioni non hanno ancora preso la decisione, anche se sottoposte ad un’intensa pressione da parte Statunitense.
Il Presidente Hugo Chávez ha affermato che il Venezuela si propone di coagulare altri paesi nella condanna della dichiarazione. “Questa non può essere accettata. Costituisce un pericoloso precedente per il mondo intero”.
Anche la Bolivia si è rifiutata di riconoscere l’indipendenza del Kosovo. Il Presidente Evo Morales ha paragonato i separatisti Kosovari ai dirigenti delle quattro Province Boliviane orientali ricche di materie prime, che ricevono l’appoggio incoraggiante degli USA nell’esigere una più larga autonomia, in un tentativo di rottura e per arrestare riforme di progresso emanate dal governo federale.
Il 22 febbraio, l’ambasciatore Russo presso la NATO Dmitry Rogozin ha dichiarato alla rete televisiva Vesti-24 che la separazione del Kosovo dalla Serbia era il risultato di un “tentativo imperialista Americano di divide et impera.” Rogozin lanciava un avvertimento di cattivo augurio, che difficilmente poteva essere ignorato. Egli affermava che l’esercito Russo poteva venire coinvolto, se tutti i paesi Europei riconoscevano l’indipendenza del Kosovo all’interno di un accordo ONU. Se succedesse questo, la Russia “ne deriverà il presupposto che per essere rispettati bisogna fare uso brutale della forza militare”.
Il 24 febbraio, il Ministro degli Esteri Russo Sergei Lavrov si trovava a Belgrado con l’attuale Primo Ministro Dmitri Medvedev, che è diventato il successore del Presidente Vladimir Putin, per rendere chiara la posizione della Russia.
Medvedev dichiarava che, “è inaccettabile che, per la prima volta nella storia del dopo-guerra, un paese membro delle Nazioni Unite sia stato diviso in violazione di tutti i principi da osservare per risolvere i conflitti territoriali. Noi continuiamo a considerare la Serbia come uno stato unitario con la sua giurisdizione estesa sull’intero territorio, ancora integro come in precedenza, e terremo ferma questa posizione di principio anche per il futuro. Risulta assolutamente evidente che la situazione di crisi che si è ingenerata ricade sulla responsabilità di coloro che hanno preso la decisione illegittima, e che avrà sfortunatamente per lungo tempo conseguenze per la pace sul continente Europeo.”
Medvedev firmava un accordo per la costruzione di un tratto del gasdotto “Corrente del Sud” attraverso la Serbia. Il gasdotto trasporterà il gas Russo attraverso i Balcani al Mar Mediterraneo. Inoltre si è consolidato un accordo commerciale tra la compagnia statale Serba per il petrolio, la NIS, e OAO Gazprom, il gigante Russo per l’energia.

Il Kosovo non è indipendente

È essenziale spiegare ogni volta che si discute del problema del riconoscimento della “indipendenza” del Kosovo che il Kosovo non ha conseguito uno straccio di auto-determinazione e tanto meno di auto-governo, nemmeno sulla carta.
Se questo non viene di continuo chiarito e ripetuto, molti attivisti politici, che difendono il principio di auto-determinazione per le nazioni oppresse, possono ingenuamente appoggiare l’“indipendenza” del Kosovo.
Il piano secondo cui il Kosovo è divenuto “indipendente” insedia una struttura coloniale vecchio-stile nella sua forma più cruda. In effetti, il Kosovo verrà gestito da un Alto Rappresentante e da istituzioni amministrative imposti dagli USA, dall’Unione Europea e dalla NATO, l’alleanza militare sotto Comando statunitense.
Gli amministratori imperialisti avranno il diretto controllo su ciascun aspetto della politica interna ed estera. Eserciteranno il controllo sui dipartimenti delle Dogane, delle Imposte, del Tesoro e del Sistema Bancario; controlleranno la politica estera, la sicurezza, la polizia, il sistema giudiziario, i tribunali e le prigioni. Questi funzionari imposti dall’Occidente in Kosovo potranno revocare ogni provvedimento, annullare le leggi e rimuovere qualsiasi persona dal suo incarico.
Diversi possibili progetti stanno alla radice di quest’ultima flagrante violazione del diritto internazionale da parte degli USA. L’aver separato il Kosovo dalla Serbia induce a successive scomposizioni dell’intera regione Balcanica. Questa è stata la politica degli USA nei riguardi dei Balcani, dell’Europa dell’Est e delle ex Repubbliche Sovietiche, dal momento del collasso dell’Unione Sovietica, nel 1991. I mini-stati deboli, divisi, in preda a forti contrasti potranno opporsi con maggiore difficoltà al dominio delle imprese e del mercato Statunitensi.
Quindi, il riconoscimento del Kosovo divide e logora relazioni nell’Unione Europea; certamente Washington non fa nulla per placare il dissenso seminato fra le forze che al contempo sono alleati, ma anche concorrenti imperialiste. Gli USA sono riusciti a spaccare l’Europa su questa “indipendenza”, visto che un terzo dei suoi 27 membri sono contro questo proclama.
L’aver imposto un governo in Kosovo, dove gli USA hanno la piena autorità di scrivere le leggi e gli accordi, rafforza la continuità della presa di potere da parte del Pentagono attraverso la nuova e formidabile base militare presente in Kosovo, Camp Bondsteel. Inoltre, cosa più importante, fornisce l’accesso senza limiti e il trasferimento delle ricche materie prime della regione, come il petrolio e il gas naturale che sono stati proprio adesso scoperti.

Camp Bondsteel

Una nuova ed immensa base militare Statunitense, Camp Bondsteel, costruita dalla Halliburton, costituisce il punto di ancoraggio del pentagono nella regione. Situata nelle vicinanze del confine con la Macedonia, occupa più di 1.000 acri di terreno, (un acro equivale a 4.047 m2), e comprende più di 300 edifici. La base schiaccia il piccolo Kosovo, una provincia più piccola dello stato del Connecticut.
L’insediamento è stato scelto per le sue potenzialità di espansione. Esistono proposte che la base potrebbe sostituire la base dell’Air Force USA ad Aviano, in Italia.
Nella base possono essere accasermati in modo confortevole migliaia di soldati delle truppe USA/NATO. La base può dare facilmente alloggio a 7.000 militari dell’esercito USA, insieme a migliaia di contractors, mercenari privati. Il personale militare USA esce da Bondsteel in elicottero o in grossi convogli dotati di armi pesanti.
Il campo è situato nei pressi di oleodotti e corridoi di energia di capitale importanza, attualmente in costruzione, come l’oleodotto Trans-Balcanico finanziato dagli Stati Uniti e quello che è noto come Corridoio di Energia 8.
Gli Stati Uniti avevano cominciato a pianificare la costruzione di Camp Bondsteel molto prima dei loro bombardamenti sulla Jugoslavia nel 1999, come riferisce il Col. Robert L. McClure in un documento su “Engineer”, il Bollettino Professionale per i reparti del Genio dell’Esercito. Un altro documento, “U.S. Army Engineers in the Balkans 1995–2000 – Le Unità del Genio dell’Esercito USA nei Balcani, 1995-2000 ,” è disponibile on-line, e contiene foto e descrizioni dei progetti per la base. (web.mst.edu)
Presso Camp Bondsteel si trova l’ospedale più all’avanguardia in Europa, ci sono teatri, ristoranti, un impianto per la depurazione dell’acqua, lavanderie e negozi per fare acquisti, e sono possibili collegamenti via satellite ed antenne per le comunicazioni, e …minacciosi elicotteri d’assalto.
La gente che vive nelle zone circostanti il campo soffre di una disoccupazione all’80%. La Halliburton, consociata alla Kellogg Brown and Root, paga ai lavoratori Kosovari, quando li assume, un misero salario da 1 dollaro ($1) fino a 3 dollari ($3) all’ora. Più del 25% della popolazione Albanese del Kosovo è stata costretta ad emigrare all’estero in modo da mandare a casa delle rimesse alle loro famiglie.
Sotto l’occupazione degli Stati Uniti, più di 250.000 Serbi, Rom, Turchi, Gorani e altre popolazioni di questa ricca Provincia multi-etnica sono stati costretti ad andarsene dal Kosovo, e a questi è stato negato il ritorno.

La ricchezza di risorse in Kosovo

Le grandi imprese Statunitensi sono ben informate sulla ricchezza di risorse del Kosovo. Vi sono miniere ancora ampiamente da sfruttare di piombo, zinco, cadmio, lignite, oro ed argento a Stari Trg, per non parlare di circa 17 miliardi di tonnellate di riserve di carbone. L’unico complesso minerario di proprietà statale di Trepca è stato descritto dal New York Times dell’8 luglio 1998 come “il pezzo di terra nei Balcani più autenticamente prezioso”. Il complesso comprende depositi, impianti per fonderie, impianti di raffinazione, aree per il trattamento dei metalli, linee ferroviarie e scali merci, centrali elettriche. Prima dei bombardamenti della NATO/USA del 1999, seguiti dall’occupazione del Kosovo, era in modo incontestabile la più produttiva fonte di ricchezza nell’Europa dell’Est, non ancora nelle mani dei capitalisti USA o Europei. E attualmente, costoro si stanno battendo per vedere chi di loro riuscirà a sfruttare queste ricchezze.
Dal momento che le forze della NATO hanno occupato il Kosovo, quasi tutto il complesso minerario e i centri di raffinazione sono stati chiusi. Tutto questo sta inutilizzato, mentre le maestranze di tante nazionalità che vi hanno operato sono state disperse.
Ora, le grandi imprese Occidentali hanno scoperto il Kosovo come una ancora più grande fonte di ricchezza e sono bramose di ottenere un incontrastato dominio sulla Provincia.
Infatti, il 10 gennaio 2008, la agenzia di notizie Reuters riportava che la compagnia Svizzera Manas Petroleum Corp. aveva annunciato che la Gustavson Associates LLC's Resource Evaluation aveva identificato estesi giacimenti di petrolio e riserve di gas naturale in Albania, nelle vicinanze del Kosovo. Le stime assegnate si aggirano intorno ai 2.987 miliardi di barili di petrolio e ai 3.014 bilioni di piedi cubici di gas naturale (un piede cubico corrisponde a 28,318 m3).
Chiaramente, le corporations USA sentono che devono giocarsi una bella scommessa nella regione, e quindi, dietro alle quinte, hanno messo in piedi operazioni commerciali segrete e hanno assicurato alla Germania, Francia e Gran Bretagna di ottenere il loro consenso su tutti questi affari.
Ma questo è proprio il tempo giusto per ricordare quanto maturo per la raccolta era stato visto l’Iraq dall’Halliburton e dalla Exxon nel 2003. Sembrava facile ricevere la condiscendenza di tanti paesi, anche se Washington non poteva dirsi sicura dell’approvazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, malgrado le sue menzogne rivolte a quell’Assemblea.
Gli Stati Uniti sono forse il primo impero a sottovalutare la potenza di un movimento di massa che si eccita a rovesciare i suoi piani. L’arroganza imperialista e la menzogna possono portare a giudizi severamente sbagliati.
I popoli in lotta per la pienezza dei diritti e per la sovranità nazionale considerano di grande importanza dimostrare solidarietà e difendere la resistenza eroica che il popolo Serbo ha evidenziato nella settimana scorsa. Queste lotte potranno aprire un giorno nuovo di resistenza al dominio che le grandi imprese degli Stati Uniti vogliono imporre all’Europa dell’Est e ai Balcani.

Sara Flounders si trovava in Jugoslavia nel 1999 durante i bombardamenti USA/NATO per testimoniare sugli attacchi devastanti contro le popolazioni civili. La Flounders è co-autrice ed editrice di "NATO in the Balkans" e "Hidden Agenda: U.S./NATO Takeover of Yugoslavia – Un programma segreto: la presa di possesso della Jugoslavia da parte di USA/NATO" disponibili a Leftbooks.com.

articolo pubblicato il 28 febbraio 2008 in http://www.workers.org/2008/world/serbia_0306/ dal titolo “Washington gets a new colony in the Balkans” - Washington impone una nuova colonia nei Balcani

Workers World, 55 W. 17 St., NY, NY 10011
Email: ww@workers.org
Subscribe: wwnews-subscribe@workersworld.net
Support independent news http://www.workers.org/orders/donate.php

Feb 21, 2008

(Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

Sara Flounders

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Kosovo: le macerie della "guerra umanitaria"»

11251