il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Panerose blog    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB

Archivio notizie :: Mondocane fuorilinea

ATOMO E CROCE

Fulvio Grimaldi per Mondocane 27/12/02

(10 Gennaio 2003)

Ma che sarà mai! Tutti nervosi da Praga a Genova a Copenhagen, a Baghdad, a Caracas, in questo fineanno che ci dovrebbe vedere rasserenati dalla promessa di Bush di pacificare il mondo nel segno della croce e dell’atomo.

Avevamo la falce e il martello: una tagliava, l’altro picchiava. Primitivo. Finalmente l’antidoto: l’atomo e la croce di Bush. E che salto tecnologico! Il primo cancella, la seconda resuscita. Nell’alto dei cieli, e senza falci e martelli.

Non dovrebbero essere contenti gli arabi, ai quali Bushlusconi con la sua “superiore civiltà” qualche dubbio avrà pur instillato circa la veridicità di quelle vergini in fremente attesa di martiri?

E magari i latinoamericani, africani e asiatici, tutti attraversati o quantomeno sfiorati dall’Asse del Male?

Atomo e croce: il più grande esorcista mai apparso, oblitera il demonio insieme al corpo ospitante, risparmiandoci l’Esorcista Due, Tre, Quattro.

Siamo felicemente passati dal prototipo Hiroshima al modello definitivo, finalmente superiore a diluvi, desertificazioni e glaciazioni di un arcaico predecessore.

Non per nulla il suo vicario lo dice “distante e indignato”.

Quanto a diluvi, ghiacci e deserti, siamo anche più eleganti: procediamo scientificamente sulle cause, anziché sputtanarci con gli effetti cataclismatici.

Moltiplichiamo le auto, che ci fanno felici e distratti, e promoviamo gas serra che ci fanno secchi.

Impermeabilizziamo la terra con asfalto e cemento che ci offrono brividi di superomismo e causiamo alluvioni che ci fanno navigare verso l’infinito. Spandiamo quel petrolio che ci scalda e illumina, ed eliminiamo il fastidio di cercare cibo nei mari.

Vi lamentate di morire di AIDS? Estinguetevi dolcemente di fame.

E quei sofferenti della Jugoslavia (remember?)? Si scopre che il 25% dei residenti del villaggio serbo-bosniaco di Hadzici, colpito da uranio nel 1994-95, sono morti di cancro, tra sofferenze indicibili, e neanche molti altri in Iraq, Afghanistan, Balcani e Sardegna, stanno tanto bene.

Vittime delle diluizioni del modo soft dell’uranio.
Oggi sappiamo evitare le sofferenze.
Botti atomici un po’dappertutto ed è subito sera.
Senza spasimi.
Neanche il lacerante tiraemolla dell’eutanasia

“Felici alla voce/atomo e croce!”
E’ il festante calembour natalizio degli Unti del Signore.

FULVIO GRIMALDI

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Mondocane fuorilinea»

Ultime notizie dell'autore «Fulvio Grimaldi»

3807