il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Addà veni la profezia Maya

Addà veni la profezia Maya

(3 Novembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' USCITO IL NUMERO 100 DELLA RIVISTA PROSPETTIVA MARXISTA
    (21 Giugno 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Ancora sul Contratto Enti Locali

    (28 Aprile 2008)

    Nei prossimi giorni percepiremo gli aumenti del contratto, in alcuni enti con diversi giorni di ritardo rispetto ai 30 giorni dalla firmacome previsto dal contratto.

    Ma non dobbiamo lasciarci ingannare dalle apparenze e da quanto percepiremo come arretrati, basti pensare che per 13 mesi (gennaio 2006 - Febbraio 2007) percepiremo 7 euro, in media, al mese.

    Calcoli alla mano questo contratto ci fa perderemolto potere di acquisto anche rispetto agli altri comparti della pubblica amministrazione Se poi volessimo guardare il contratto della Dirigenza, allora si capisce che per lor signori non esiste inflazione programmata e contenimento dei costi (gli aumenti dell’indennità superano il 20% con punte del 27%, si passa da 27.346,00 a 35.165,00 € cioè un incremento di 7.819,00 € che corrisponde ad un aumento mensile lordo di 651,00 €.)

    Queste poche cifre sono sufficienti per capire che gli aumenti erogati sono non solo insufficienti per recuperare potere di acquisto ma una autentica miseria se rapportati alle cifre che si spendono per la Dirigenza, per le consulenze esterne...

    Nei prossimi mesi il pubblico impiego subirà feroci attacchi sia da quanti considerano il dipendente pubblico un impenitente fannullone, sia perchè saranno incrementati i processi di esternalizzazione dei servizi, lo smembramento dei Comuni con la creazione di consorzi, società..... . Da questa ristrutturazione (i costi della quale potrebbero essere più alti della gestione diretta da parte del Comune) dipenderà il futuro dei servizi pubblici ma anche il potere di contrattazione di noi tutti, la contrattazione nazionale e quella decentrata tanto è vero che in ambito Confindustriale e Aran vogliono ostacolare le progressioni economiche e qualunque meccanismo automatico di incremento salariale.

    Fin dai prossimi mesi la difesa del potere di acquisto e di contrattazione diventeranno di fondamentale importanza e serviranno non solo parole e impegni formali ma atti concreti a partire dalla contrattazione nazionale e da quella decentrata sostenuta da una mobilitazione nei posti di lavoro.

    COBAS Pubblico Impiego
    aderente alla Confederazione COBAS

    8153