il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio, compagno

Addio, compagno

(30 Novembre 2010) Enzo Apicella
E' morto Mario Monicelli

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

E’ saltato il tappo

Editoriale dell'ultimo numero di Contropiano

(10 Maggio 2008)

Diciamocelo con grande franchezza: con le elezioni e i ballottaggi del 13 e 18 aprile e la dissoluzione della sinistra storica, almeno così come l’abbiamo conosciuta in Italia negli ultimi venti anni….è saltato il tappo. Questo non può essere ritenuto un risultato negativo, al contrario.

Fatta eccezione per qualche lettore del Manifesto e per i molti che perderanno il loro status sociale acquisito negli anni, non si avverte in giro alcuno psicodramma, tutt’altro. Si avverte invece con una certa razionalità (in alcuni casi fredda, in altri euforica) come sia stata salutare questa dovuta e attesa sconfitta storica di un ceto politico autoconservativo oltre ogni limite e oggi ridotto ad una imprevista dimensione extraparlamentare. Una dimensione decisamente innovativa per chi fino a qualche mese fa aveva accusato di “essere fuori dalla comunità politica” i movimenti che si sono opposti alla politica militarista e antisociale del governo Prodi nonostante che il governo potesse contare sulla partecipazione piena ed attiva di tutti i partiti della sinistra “radicale”.

Il clamoroso ed evidente fallimento del progetto della Sinistra Arcobaleno a livello nazionale e del Laboratorio Roma a livello locale, fortemente voluti e imposti da Fausto Bertinotti e da tutto il circo ingraiano, segna un passaggio storico che richiede una resa dei conti ed un dibattito nella sinistra e tra i comunisti altrettanto chiarificatori.

Questo risultato indica l’effetto finale e devastante dell’egemonia sulla sinistra italiana di un ceto politico che da almeno venti anni ipoteca ogni ipotesi di indipendenza politica e di classe della sinistra in Italia e ogni rottura reale con il riformismo. Le responsabilità di questa casta culturale e politica sono enormi e quelli confermati dalle urne sono i risultati di un disastro visibili ormai a tutti. Prima nella CGIL e poi dopo essere stato “assunto” alla direzione del PRC, Fausto Bertinotti ha lavorato coscientemente alla distruzione di ogni punto di tenuta di una identità comunista e di classe o di rottura con la cultura politica riformista. Dall’accordo con DS e Margherita alle regionali nel 1995 al referendum sull’art.19 (sulla rappresentanza sindacale che ha impedito lo sviluppo del sindacalismo di base e regalando il monopolio della rappresentanza a Cgil Cisl Uil), dalla rottura con il cosiddetto comunismo del Novecento all’incomprensibile dibattito sulla nonviolenza e infine alla complicità di governo con l’ultimo, disastroso, esecutivo di Romano Prodi, Fausto Bertinotti ha perseguito sistematicamente la demolizione di ogni resistenza all’omologazione politica e culturale dei comunisti e della sinistra.

Negli ultimi tredici anni siamo entrati ripetutamente in conflitto con la logica del meno peggio, della prevalenza dell’elettoralismo, della liquidazione del bambino con l’acqua sporca nella storia del movimento operaio, con la subordinazione al culto della personalità verso il leader, tenendo invece aperta – con minore o maggiore successo in tempi diversi – una ipotesi di indipendenza e attualizzazione politica insieme al radicamento sociale per la sinistra di classe e i comunisti nel nostro paese. L’esito delle elezioni nelle zone operaie nel nord o dei quartieri popolari a Roma, è indicativo.

Questa nostra ipotesi politica e strategica ha incontrato sistematicamente ostilità e vita difficile sia nello spazio pubblico della sinistra sia nelle pagine dei giornali come Il Manifesto egemonizzate dal bertinottismo, dai suoi opinionisti, dalle sue interviste, dalle sue svolte repentine. Oggi è la realtà a dimostrare che nel nostro paese era indispensabile tenere aperta una ipotesi politica e un progetto per una sinistra che non intende morire ingraiana. Adesso è il tempo di ricostruire sulle difficoltà e di sgomberare il campo dalle macerie. Il primo passo non può che essere l’uscita di scena immediata di coloro si sono resi consapevolmente corresponsabili di questo disastro. Costoro hanno avuto a disposizione ben 150 parlamentari, la massima visibilità sui mass media, risorse finanziarie notevoli, occasioni politiche d’oro…e i risultati sono quelli visti con le elezioni.

Su questo non potremo che essere implacabili in almeno due cose:

1) Contrastare apertamente ogni tentativo di questo ceto politico di ripresentarsi come direzione e cultura egemonica sui processi di resistenza e riaggregazione delle forze di opposizione al governo delle destre. Costoro sono i responsabili di un disastro storico e politico. Il 9 giugno dello scorso anno avevano avuto l’occasione per comprenderlo ma hanno preferito guardare oltre e reagire con mentalità spocchiosa e vendicativa.

2) Avviare con maggiore celerità il processo di confronto, sperimentazione e ridefinizione di una ipotesi di classe, antimperialista e anticapitalista nel nostro paese dentro alla quale i comunisti possono e debbono ritrovare la loro funzione dinamica e non residuale. In questo ci sono già appuntamenti importanti nelle prossime settimane: la manifestazione nazionale per la Palestina il 10 maggio a Torino, l’assemblea nazionale dei delegati del sindacalismo di base il 17 maggio a Milano, il forum organizzato dal Patto contro la guerra il 24 maggio a Roma, l’incontro pubblico che come Rete dei Comunisti intendiamo proporre per domenica 31 maggio sempre a Roma ed successivo appuntamento di confronto con le diverse realtà della sinistra anticapitalista e dell’esperienza comunista nel nostro paese per metà giugno.
In questo percorso una accortezza è d’obbligo: dovremo avere chiaro quali sono stati i passaggi e la cultura politica che hanno portato alla crisi e alla sconfitta attuale, per non ripeterli. Praticare ancora l’autonomia del politico e liquidare il nesso indissolubile tra politica e classe, tra funzione politica dei comunisti e blocco sociale antagonista, tra azione politica e inchiesta di classe, tra esigenze di dibattito e radicamento sociale, è una pratica che ha portato alla catastrofe e alla costituzione di un ceto politico che per due decenni ha fatto i danni che oggi sono sotto gli occhi di tutti. E’ una deriva devastante che da adesso dovremo saper evitare anche a costo di guastare qualche amicizia e di fare i conti con le difficoltà che derivano dal dover agire fuori dai parametri consolidati – ma maledetti dalla storia e dalla realtà – di un piccolo mondo antico che non c’è più. Contropiano e la Rete dei Comunisti in questi mesi hanno avanzato delle proposte che abbiamo cominciato a praticare e a discutere con franchezza con tante compagne e compagni. Siamo estremamente consapevoli che da soli non siamo autosufficienti, ma non resteremo inerti a fotografare una realtà che richiede invece uno scatto sul piano della soggettività politica e della capacità di iniziativa.

E’ saltato il tappo - Ora impediamo di far rientrare dalla finestra chi e' stato sbattuto fuori dalla porta della storia

Rete dei Comunisti - Pisa

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Alternanza o alternativa?»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

4433