il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sanita': il diritto viene elemosinato

Oncologia una assistenza casuale

(20 Agosto 2008)

È necessario rifare alcune riflessioni sul tema dei diritti.

Nella sanità per esempio i diritti spesso vengono elemosinati sotto forma di benevolenza. La legittima richiesta del paziente a volte è ritenuta da alcuni operatori un comportamento quasi illecito e quindi non dovuto.

Gli ignari e i deboli cittadini non esigono e non conoscono quale sia la vera soglia del loro diritto e rinunciano ai loro diritti. L’illegalità in quest’ambito, torna all’attenzione solo quando un cittadino muore per negligenza di qualche operatore sanitario. A prescindere dalla stagione, sono poche le volte che si presta la dovuta attenzione alle carenze e disfunzioni che omettono il diritto alla cura, quando la mancata assistenza necessaria a tutti quei cittadini che versano in condizioni di salute precaria è causata dall’inefficienza gestionale è una duplice sottrazione del diritto e un atto di superficialità estrema che rasenta il disumano.

È indubbio che malasanità vuol dire anche cattiva gestione aziendale e questa all’ospedale Monaldi si manifesta con più evidenza negli intervalli estivi. Infatti, con molta superficialità l’Amministrazione dell’azienda ospedaliera Monaldi, punto di riferimento di eccellenza per tutti i cittadini campani, in questi giorni chiude il reparto del Day-Hospital ONCOLOGICO per ferie estive.( sic)

In questo caldo mese di agosto i cittadini che versano già nella disperazione per la grave patologia sono lasciati in solitudine in balia della sofferenza. Dopo il ciclo di chemioterapia non sanno a chi rivolgersi , quando il farmaco devastante invade l’organismo e porta sofferenza e dolori insopportabili, non solo trovano il reparto chiuso per ferie a volte non trovano nemmeno il medico di base. E che dire quando hanno appuntamento per praticare il richiamo della terapia e la data casca proprio quando il reparto è chiuso? . Ecco il dramma: a chi rivendicare il proprio diritto alla cura?

19/08/2008

LELLO SALINAS

3866