il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Un bel di' vedremo

Un bel di' vedremo

(16 Dicembre 2010) Enzo Apicella
In tutta l'Europa cresce la protesta contro il capitalismo della crisi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • PICCOLA RUMINAZIONE IN LODE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI CHE IN QUESTI GIORNI...
    (UN DISCORSO FATTO A VITERBO NELL'ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ALFIO PANNEGA)
    (21 Settembre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Lotte operaie nella crisi)

    Intervista ai cancelli di Innse

    Intervistiamo Damiano, operaio addetto alle macchine utensili. 28 anni di anzianità, un figlio, moglie a carico e mutuo da pagare.

    (5 Settembre 2008)

    QUALI SONO LE ULTIME NOVITA’ E I RISVOLTI SULLA VOSTRA SITUAZIONE?

    In azienda il lavoro prosegue, abbiamo partecipato in massa all’ incontro del giorno 19 agosto presso l’ ufficio regionale del lavoro dove abbiamo finalmente guardato in faccia dopo tanto tempo il nostro padrone… o ex padrone…

    ERA PROPRIO PRESENTE PERSONALMENTE?

    Si, accompagnato dal suo pool di avvocati e c’ è stato qualche momento di tensione, sai gli animi si sono un po’ surriscaldati, anche perché lui ridacchiava… Comunque lo schieramento della forza pubblica lo ha protetto impedendoci di avvicinarlo…

    DI COSA SI E’ DISCUSSO IN QUELLA SEDE?

    Si discuteva la chiusura della procedura di mobilità e speravamo in una mediazione da parte dell’ istituzione regionale mirata a congelare momentaneamente il decorso verso i licenziamenti in attesa del futuro incontro programmato a Roma presso il Ministero del lavoro… In sostanza cercavamo di arrivare a Roma senza la lettera di licenziamento in tasca.

    E COME E’ ANDATA?

    Il sindacato provinciale ha fatto da portavoce sulla questione predetta, in quanto come puoi capire i nostri delegati hanno deciso: “o tutti al tavolo o tutti fuori”. E’ stato negato l’ ingresso ad una delegazione allargata, pertanto solo la segretaria provinciale ha partecipato. Alla fine eravamo tutti molto irritati. L’ incontro è stato molto sterile il padrone e i suoi legali hanno rifiutato quella che in sostanza era una presa di tempo dichiarando che l’ indomani sarebbero partite le lettere di licenziamento.

    NESSUNO E’ RIUSCITO A FARLI DESISTERE?

    No, speravamo in un intervento più deciso ma la regione non ha fatto altro che prendere atto della questione, si è impegnata anche la prefettura senza risultati… Siamo incarogniti e con l’ amaro in bocca… D’altronde come ormai tutti sanno abbiamo il lavoro e un imprenditore intenzionato a rilevare l’ azienda, il quale, per quello che si sente si è già mosso verso la proprietà del terreno ponendo una base per un contratto di affitto.

    QUINDI ORA COME VI MUOVETE?

    Siamo licenziati!! Ma non per questo ci scoraggiamo. Il fatto che la fabbrica funzioni regolarmente, che nessuno abbia abbandonato il proprio posto di lavoro resta un punto di forza ed è un messaggio chiaro circa le nostre intenzioni. Non un passo indietro. Impugneremo legalmente il licenziamento, gli avvocati sono già in moto. Tutto è rimandato al Ministero di Roma.

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

    Ultime notizie dell'autore «Operai contro-aslo»

    4340