il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Terroristi

Terroristi

(4 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Dopo Pomigliano anche a Mirafiori il ricatto di Marchionne: o lavorare schiavi o non lavorare più

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Le mani sulla città - 3 date sulla gentrificazione
    (28 Febbraio 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    • 4 Marzo 2020 - Roma
      Riunione pubblica intercategoriale in preparazione dello sciopero del 9 marzo

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Generalizziamo lo sciopero del 17 ottobre 2008

    Rilanciamo l’opposizione sociale

    (16 Ottobre 2008)

    Mentre nel mondo il capitalismo viene travolto da una crisi epocale, in Italia il governo Berlusconi confortato dall’assenza di una qualsiasi opposizione parlamentare procede come un carro armato a schiacciare diritti, garanzie sociali e salari in modo da scaricare i costi della loro crisi sui lavoratori, i precari e gli strati sociali meno agiati. Si tratta di un disegno reazionario ed ultraliberista portato avanti a colpi di decreti, commissari straordinari e militarizzazione dei territori come per i rifiuti in Campania, per smantellare i servizi pubblici e precarizzare ulteriormente il lavoro, anteponendo gli interessi di industriali e banche a quelli di lavoratori e gente comune che ormai non arriva nemmeno alla seconda settimana del mese. La finanziaria intanto taglia le spese sociali, si annunciano pessime riforme della scuola, del pubblico impiego e della contrattazione nazionale, passano politiche razziste contro gli immigrati e compare la criminale volontà di ripresa del nucleare. E’ necessario costruire una risposta dal basso capace di collegare in una sola opposizione lavoratori, precari, disoccupati, studenti, migranti, comunità che resistono alla devastazione dei territori e della salute, reti che si battono per la difesa dei beni comuni. Per questo sosteniamo lo sciopero generale del 17 Ottobre proclamato dal sindacalismo di base. Uno sciopero contro il Governo, ma soprattutto contro quell’impianto di politiche economiche e sociali che in questi anni ha accomunato, al di là delle sfumature centro-destra e centro-sinistra e che ha contribuito a peggiorare definitivamente le condizioni di lavoro e di vita in nome del mercato e dei profitti con lo strumento della guerra interna ed esterna. Dai luoghi di lavoro all’intera società colpita dalle politiche governative, generalizzare lo sciopero, farlo diventare politico, rilanciare l’opposizione sociale costituiscono la nostra scommessa. Il diritto ad un’esistenza dignitosa per tutti è il nostro obiettivo!

    VENERDI’ 17 OTTOBRE 2008
    MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA
    APPUNTAMENTO A NAPOLI
    IN PIAZZA GARIBALDI
    HOTEL TERMINUS ORE 6.30

    Confederazione Cobas, Confederazione Unitaria di Base, Sdl, AreaAntagonista Campana, CSOA Officina 99, Laboratorio Occupato SKA, CSOADAMM, Collettivo Operatori Sociali Napoli, Red Link, Sinistra Critica Napoli, Unità Comunista, Rete dei Comunisti, S.L.L. Slai Cobas Monaldi, Network Comunista Autorganizzato, Verdi Ambiente e Società Campania,Rete Campana Salute Ambiente, Movimento Corsisti Isola Banchi Nuovi, M.D.A. B. Buozzi Acerra, Zona Orientale, Idea Nord Miano, Sedile Di Porto, Laboratorio Occupato Insurgencia, Collettivo Militanz, UDN.

    Blog: http://unitcom.blogspot.com

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Sciopero generale del 17 ottobre 2008»

    Ultime notizie dell'autore «Associazione Unità Comunista»

    5754