il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Ogni 20 secondi...

Ogni 20 secondi...

(22 Marzo 2010) Enzo Apicella
Giornata Internazionale dell'Acqua

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Discarica di amianto a Cappella Cantone (CR).

Dopo l'inganno il ricatto della Regione Lombardia.

(7 Novembre 2008)

La commissione Ambiente del Consiglio regionale della Lombardia, nella sua ultima riunione di mercoledì 29 ottobre , ha di fatto ribadito e sancito la validità della precedente deliberazione che modificava il piano rifiuti della Provincia di Cremona, abolendo il vincolo della distanza minima tra una discarica e l'altra.

Il consiglio regionale della Lombardia del 4 novembre non ha preso posizione (per non mettere in imbarazzo consiglieri di maggioranza che a Cremona promettono una cosa e a Milano ne fanno evidentemente un'altra?); la giunta regionale di oggi 5 novembre ha rinviato l'approvazione del piano rifiuti della provincia di Cremona rimbalzando la palla all'amministrazione provinciale che entro pochi giorni deve trovare un sito alternativo a quello di Cappella Cantone altrimenti il piano rifiuti viene approvato con la modifica passata in commissione ambiente e quindi una mega discarica a Cappella Cantone, o in un altro sito, si farà.

Se traduciamo questi politicismi in parole chiare la situazione è questa: in provincia di Cremona si deve fare una mega discarica di amianto, la più grande discarica di amianto della Lombardia, e sappiamo che esistono impegni precisi con l'attuale proponente dell'opera di Cappella Cantone (Cavenord, cioè Fratelli Testa) perché rimanga comunque gestore di una mega discarica in provincia di Cremona, a prescindere dalla collocazione o meno di questa a Cappella Cantone. La giunta regionale è pronta a spianare la strada a qualsiasi sopruso contro la salute e la sicurezza dei cittadini pur di raggiungere questo obiettivo. Sulla scelta del sito, di fatto, ha passato la palla all'amministrazione provinciale che se tra una settimana indicherà un sito alternativo a Cappella Cantone si attirerà le ire di altri cittadini della provincia di Cremona.oltre al danno la beffa, visto che tra l'altro siamo alla vigilia della scadenza elettorale per le provinciali e quindi è chiara l'oggettiva difficoltà della giunta di Cremon a nell'indicare un sito di uguali dimensioni. L'amministrazione provinciale di Cremona non può e non deve dare il via libera ad una mega discarica di amianto nel suo territorio.

Ci domandiamo per l'ennesima volta, dato che non abbiamo mai avuto risposta, quali impegni "politici" ci stanno dietro a questa insistenza (rapporti fra Regione, singoli assessori e privati) tenendo conto che ruotano interessi per oltre 180 milioni di euro.

Forse, come sostiene qualcuno, sarebbe il caso che la Magistratura aprisse un'indagine per individuare che cosa ci sta dietro a questa volontà di autorizzare urgentemente una discarica di amianto delle dimensioni previste (oltre 200mila metri cubi) con il parere contrario di tutti gli Enti locali e della popolazione.

Autorizzare una discarica di amianto comporta responsabilità altissime perché è in gioco la vita o la morte delle persone , oltre alla qualità della vita delle stesse.

Gli amministratori regionali farebbero meglio a impiegare sforzi e risorse per attuare e migliorare il Piano Regionale Amianto e per pianificare e programmare le località idonee per realizzare le discariche invece di lasciare ai privati la prerogativa di proporre siti che sono solo convenienti economicamente, ma non sono sicuri per la salute dei cittadini.

Basta con i tecnicismi che nascondono volontà politiche precise!

I cittadini sono e devono essere gli attori principali di questa vicenda perché sono i portatori degli unici interessi importanti: quelli della tutela della propria salute.

Gli amministratori regionali ci devono dire esplicitamente perché vogliono attentare a tutti i costi alla salute dei cittadini della provincia di Cremona Noi chiediamo una "inchiesta pubblica", come prevede la normativa sulla valutazione di impatto ambientale, a cui siano chiamati ad intervenire, prima che venga convocata la Conferenza dei Servizi, il Proponente dell'opera e gli Enti locali interessati e a cui può partecipare qualsiasi cittadino. Aspettiamo una risposta.

Per ribadire il nostro NO a mega discariche in provincia di Cremona e per estendere, come preannunciato, la nostra mobilitazione, ci sarà un convegno a Milano nella seconda metà di novembre nel corso del quale formalizzeremo la nostra proposta alle altre realtà nazionali che combattono contro l'amianto di organizzare un'iniziativa nazionale in provincia di Cremona.

Per informazioni Mariella Megna - cell 3389875898

Cittadini contro l'amianto della provincia di Cremona
http://cittadinicontroamianto.blogspot.com

9723