il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Gelmini ha ragione

La Gelmini ha ragione

(26 Novembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni studentesche contro la "riforma" Gelmini in tutte le città.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Solidarietà ai lavoratori Alitalia in lotta

(13 Novembre 2008)

Lo Slai Cobas esprime la propria solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori dell'Alitalia, che hanno dimostrato con lo sciopero intrapreso, di non voler cedere ai ricatti e alle pressioni che il Governo, amico dei soliti "imprenditori avvoltoi", sta imponendo loro.

Ricatti e pressioni che significano: la cancellazione di leggi e la creazione di nuove regole fatte ad hoc per la CAI, la complicità del governo nel permettere a CAI di cancellare con un colpo di spugna le più elementari regole nella rappresentanza sindacale, il rifiuto della CAI nel riconoscere i diritti di tutela a lavoratori che hanno particolari esigenze sociali e mediche.
I lavoratori sono oggi minacciati di licenziamento se non accetteranno di lavorare di più e peggio, con un salario pesantemente ridotto e sempre più precarizzati.

Il fiore all'occhiello di questa sporca manovra, sarà quello di far pagare i debiti e il costo di questa operazione (i debiti di Alitalia rifluiti nella "bad company"), ai portafogli dei lavoratori-cittadini e non agli "illustri imprenditori milionari" che, invece, avranno dalle banche i capitali per acquisire la parte "ripulita" di Alitalia.

Quello a cui stiamo assistendo è un attacco gravissimo alle condizioni dei lavoratori. E' un campanello d'allarme che deve scuotere tutti, sia i lavoratori del pubblico che del privato, riattivando in loro il senso di appartenenza ad una classe, che è sempre di più sotto attacco e che è stata lasciata sola sia dai partiti della"Sinistra", ormai allo sbando, sia dai sindacati concertativi e collusi col sistema.
Bisogna trarre esempio da questi nostri compagni in lotta: alla minaccia governativa e padronale di applicare la linea dura, hanno risposto scegliendo loro la linea dura, scendendo spontaneamente in sciopero dopo le loro assemblee.

Nella vicenda Alitalia governo, Confindustria e i sindacati confederali, stanno agendo per applicare nuove forme contrattuali capestro (si tenterà di apllicare i contratti "modello CAI" in tutto il settore aereoportuale), per ridurre la flebile democrazia sindacale rimasta, per limitare ulteriormente il diritto di sciopero.

É necessario che i lavoratori, tutti, si riapproprino dei loro strumenti di difesa per difendere i loro diritti e della loro dignità: l'unico strumento che ci è rimasto è la lotta!

Diamo la nostra incondizionata solidarietà ai lavoratori Alitalia e al loro Comitato di sciopero, abbandonati da tutti, compresi i sindacati che hanno detto "no" all'accordo con la CAI siglato dai confederali. Invitiamo tutti i lavoratori a contrastare la repressione (amministrativa e penale) con cui li si vuole colpire. Qualunque forza sindacale che abbia realmente a cuore la difesa dei lavoratori deve schierarsi a sostegno di questi lavoratori, respingere il ricatto di Governo e CAI, rigettare gli accordi siglati con la CAI, sostenere la lotta dei lavoratori.

11/11/2008

Slai Cobas
www.slaicobas.it

6871