il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pomigliania

Pomigliania

(24 Giugno 2010) Enzo Apicella
Mentre la Lega rilancia la secessione della Padania, gli operai di Pomigliano fanno fallire il plebiscito richiesto dalla Fiat.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

I lavoratori argentini della Zanon rischiano lo sgombero

Comunicato delle RSU EATON di Monfalcone

(18 Marzo 2003)

Facciamo appello all’opinione pubblica, sul caso della ZANON, la fabbrica argentina di ceramiche più grande dell’America Latina, che ormai da 17 mesi produce sotto controllo operaio, infatti, è notizia di queste ultime ore, che i lavoratori, rischiano di essere sgomberati dalla fabbrica per volontà delle autorità locali della regione del Neuquen.

La fabbrica di ceramiche ZANON, è appunto la principale azienda occupata e in autogestione nell’Argentina della crisi economica, è per questo che essa rappresenta un esempio fondamentale per l’intero movimento operaio argentino, il quale consiste nel garantire a tutte e tutti un lavoro, uno stipendio dignitoso, oltre che una rete di solidarietà sociale, decisiva per le sorti delle migliaia di famiglie interessate, ma anche per l’intera comunità locale della regione sud occidentale del Neuquen in Patagonia.

La volontà di far sgomberare la ZANON, da parte delle autorità della regione, è quindi un atto d’intolleranza istituzionale e barbarie legislativa, assolutamente giustificate, poiché mentre oggi la fabbrica produce, assume disoccupati e si è sempre più qualificata nel mercato, con la vecchia proprietà era destinata alla chiusura, ciò malgrado fosse stata installata con soldi dello Stato.

Lo sgombero è quindi una atto di vera e propria vendetta politica, è un segnale, un monito che va a tutta la società civile argentina che in questi mesi si è ribellata ad un potere centrale asservito alle logiche delle oligarchie finanziarie internazionali, le quali hanno, di fatto, messo in ginocchio uno Stato immenso, ricco di risorse naturali, usato quale banco di prova, fallimentare, delle neoliberismo più sfrenato, portando così alla fame i _ della sua popolazione.

Affinché la lotta dei lavoratori della ZANON non sia vanificata e per sostenere lo sforzo di autogestione e di dignità che essi rappresentano, chiediamo a tutte le forze democratiche sindacali, politiche e sociali, locali, un contributo alla campagna in solidarietà, che le scriventi stanno attuando in collaborazione con l’Associazione Argentina “VIENTOS DEL SUR” di Udine, partecipando, con qualsiasi cifra, tramite bonifico bancario intestato a: “FONDO ASSISTENZA LAVORATORI EATON”, presso CREDITO COOPERATIVO DI STARANZANO, C/C N° 00094901, CAB 8877, ABI 64660, con causale “PRO ZANON”.

LA LOTTA DEI LAVORATORI DELLA ZANON, E’ ANCHE LA NOSTRA LOTTA!

Monfalcone, 17 marzo 2003

RSU EATON

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Bajo control obrero»

Ultime notizie dell'autore «RSU Eaton - Monfalcone»

10005