il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Picninc

Picninc

(20 Agosto 2013) Enzo Apciella

Tutte le vignette di Enzo Apciella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

"Perche' un maschio italiano non puo' essere fedele"

(21 Gennaio 2009)

Questa frase fatevela spiegare da un signore di 40 anni che oggi ha un nome, Alessio Amadio, italiano e stupratore di una donna rumena, Magdalena, 38 anni che a Roma alle 6,30 del mattino come dipendente di una cooperativa di servizi, “aveva appena iniziato a fare le pulizie in un call center in zona Vescovio quando è stata aggredita alle spalle da un uomo che, minacciandola con un taglierino, l’ha costretta a subire violenza sessuale. Subito dopo lo stupro la donna ha chiesto soccorso in un bar poco distante dal call center e ha chiamato la Polizia Le indagini, immediatamente avviate dalla Squadra mobile, hanno consentito di identificare l’aggressore per A.A., italiano di 39 anni, convivente della responsabile del call center.”

Ho virgolettato la notizia che personalmente avevo cercato di diffondere in rete il 15 maggio 2008, provocatoriamente chiedendo quanto segue: “Facciamo una piccola gara, non chiedo niente di speciale…facciamo una specie di catena, passaparola, quelle demenzialità che a volte ci hanno preso, fatto sperare…sorridere. Mandatela questa mail ad almeno cinque persone, vediamo se gira, come altre di notizie, eh?” Facevo seguire la notizia trafiletto dei media come “Integrazione sessuale al call center”.

Questo allora potevo fare, oggi altre donne stanno a Roma, davanti al Tribunale con un comunicato che porta lo stesso titolo che io ho dato. Vediamo se anche questa volta gira la notizia e riesca ad aprire una discussione sulla cultura che dovrebbe unire donne e uomini, contro la violenza e da qualunque parte venga, a partire da casa nostra e nel resto del mondo. Il silenzio è complicità.

Doriana Goracci


LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE NON HA NAZIONALITA’, LA FANNO GLI UOMINI

“PERCHE’ UN MASCHIO ITALIANO NON PUO’ ESSERE FEDELE” HA DETTO ALESSIO AMADIO, ITALIANO E STUPRATORE DI UNA DONNA RUMENA PRESIDIO DI SOLIDARIETA’ A MAGDALENA


In occasione della Sentenza di primo grado
Tribunale Piazzale Clodio, Roma
Mercoledì 21 gennaio - ore 9

Magdalena, 38 anni rumena, lo scorso 13 maggio alle 6.30 del mattino ha subito un’aggressione e uno stupro, costantemente sotto la minaccia di un’arma da taglio, da parte di Alessio Amadio un uomo italiano di 40 anni. Lo stupro è avvenuto nel call center dove Magdalena lavorava come addetta alle pulizie. Alessio Amadio ai primi di giugno era agli arresti domiciliari. Alla fine di settembre era a piede libero.

Questo caso non ha avuto spazio sui media perché è scomodo sottolineare che una donna rumena ha subito violenza da un uomo italiano di classe media. Questo caso infatti rovescia completamente la ‘regola’ su cui hanno costruito il pacchetto sicurezza, per cui è lo “straniero” a mettere a rischio la sicurezza delle donne italiane.

Le istituzioni strumentalizzano la violenza contro le donne per fini razzisti e per giustificare leggi repressive, mentre gli stupratori non hanno nazionalità, l’unica cosa che li accomuna è che sono tutti uomini. Magdalena è stata stuprata da un italiano mentre lavorava e minacciata di morte. Lui Alessio Amadio, non è stato additato come mostro o minaccia per la sicurezza nazionale. Lui ha potuto rivendicare la violenza dichiarando “perché un maschio italiano non può essere fedele”, quindi non può controllare le proprie pulsioni. Di conseguenza sarebbe nella natura delle donne dover subire, possibilmente in silenzio e senza difendersi, dagli eccessi della “virilità” maschile.

Infatti nelle vergognose motivazioni alla sentenza per lo stupro e l’omicidio di Giovanna Reggiani si legge “La Corte (…) non può non rilevare che sia l’omicidio, sia la violenza sessuale (…) sono scaturiti del tutto occasionalmente dalla combinazione di due fattori contingenti: lo stato di ubriachezza e di ira per un violento recente litigio sostenuto dall’imputato e la fiera resistenza della vittima…In assenza degli stessi (i due fattori contingenti) l’episodio criminoso, con tutta probabilità, avrebbe avuto conseguenze assai meno gravi”.

Le istituzioni sostengono e alimentano la cultura dello stupro, ritenendolo così “naturale” e inevitabile da chiedere alle donne di subirlo per salvarsi la vita. In quanto donna Giovana Reggiani è colpevole di non essere stata una brava vittima.

Magdalena è stata licenziata perché stuprata dal compagno della sua datrice di lavoro. Il Comune di Roma ha sfruttato la vicenda mediaticamente, dichiarando sui giornali che si sarebbe costituito parte civile - fatto mai accaduto - e che le avrebbe offerto un altro posto di lavoro. Dopo mesi di silenzio e senza aver fornito alcun sostegno, il Comune ha offerto a Magdalena un posto di lavoro con contratto di 3 mesi.

Contro la normalizzazione della cultura dello stupro e contro le logiche che vogliono le donne deboli e sottomesse per poterle meglio sfruttare affettivamente, economicamente e sessualmente, le donne continueranno a difendersi, a lottare e a denunciare con rabbia, perché non sono loro a doversi vergognare per le violenze degli uomini.

Assemblea romana di femministe e lesbiche
sommosse_roma@inventati.org

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Doriana Goracci»

8894