">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Hiroshima

Hiroshima

(7 Agosto 2012) Enzo Apicella
Il 6 agosto 1945 alle 8:16 gli USA sganciano su Hiroshima la prima bomba atomica utilizzata in un conflitto militare

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

La retorica dell'imperialismo soft

(22 Gennaio 2009)

Mentre le rovine di Gaza continuano a fumare e la gente scava con le mani alla ricerca di corpi di persone seppellite dalle cannonate o dalle bombe lanciate da Israele ma di fabbricazione americana ed in Iraq in Afghanistan centinaia di migliaia di soldati americani e di contractors continuano a massacrare la popolazione per tenere in piedi governi quisling che probabilmente non riusciranno ad evitare la disintegrazione dello Stato irakeno ed assicurare un governo stabile e giusto all'Afghanistan, il nuovo Presidente degli Stati Uniti, richiamando diverse volte l'ispirazione divina che guiderebbe gli Usa, ha pronunziato un discorso assolutamente vago nei contenuti ma abbastanza duro e preciso nella riconferma priva del tutto di autocritiche o di un qualche ripensamento del ruolo imperiale dell'America, del suo capitalismo, delle storture profonde di una società chiamata "sogno". Come Bush ha affermato che l'America non cambierà il suo stile di vita ed ha indicato nel terrorismo il demonio, il maligno che spaventa il mondo e che va ucciso. Il suo stile di vita consiste nella appropriazione del maggior parte delle risorse mondiali a vantaggio delle classi ricche e possidenti.

Un discorso, un orazione retorica il cui valore principale è il richiamo ad una tradizione di padri ad una sorta di missione che DIO stesso avrebbe dato agli USA per portare sulla terra le regole del buon vivere.

C'è una sorta di millenarismo nel richiamo alla natura quasi religiosa dello Stato americano che è tutt'altro che moderno e civile e che continuerà a generare violenza ed oppressione.

Lo scenario, la messa in scena barocca dell'intera cerimonia di insediamento vuole sottolineare questa volontà di primazia, di potenza. Il massimo che l'umanità si può aspettare è che gli Usa saranno "buoni" e forse non ci puniranno mettendoci dietro la lavagna tutte le volte che riteranno di doverci mettere in riga, darci una lezione.

Il punto focale del discorso è identico a quello del suo predecessore; la lotta al terrorismo . Si tratta di una scelta ideologica fondamentale attraverso la quale si continueranno a classificare gli stati in amici, nemici, stati canaglia, etc... Un modo di vedere e di leggere le relazioni internazionali in cui c'è gli USA continueranno a distribuire le pagelline ed a dare i voti.

Gli USA sono investiti al loro interno ed hanno investito il mondo della più grande crisi finanziaria ed economica mai conosciuta. Secondo il nostro Ministro Tremonti nelle banche e nelle tasche dei risparmiatori ci sono titoli per un valore superiore di 12 volte e mezzo il valore del PIL dell'intero pianeta a causa di decenni di speculazioni truffaldine tipiche della fase della massima libertà del mercato liberista. Nel suo discorso la "crisi" è una sorta di entità metafisica , non ha responsabili, non c'è che da rimboccarci tutti le maniche e tentare di venirne fuori. Come?

Il mercato del lavoro continuerà ad essere "libero" cioè a pagare pochi spiccioli i milioni di immigrati provenienti in gran parte dal Messico (separato da un muro lungo duemila chilometri dagli usa) e dagli altri paesi poveri del mondo. A parte gli immigrati ,i lavoratori guadagnano almeno il trenta per cento in meno degli anni settanta e sono sopravvissuti finora con le carte di credito. Ci saranno miglioramenti dei salari, delle pensioni, della sanità, del welfare? Neppure una parola. Semmai qualche misura di capitalismo compassionale oggi assai dimoda. Chissà se non darà una socialcard agli homeless come ha fatto il nostro Berlusconi (che però si vuole rifare subito aumentando a 65 anni l'età pensionabile delle donne)-
Le due grandi questioni che oggi fanno riflettere sull'America, la questione sociale caratterizzata da una crescita impressionante del divario della ricchezza e della povertà e della precarietà e la questione imperiale legata alle politiche di controllo militare del mondo e di continua espansione delle basi militari anche nei punti più sperduti del pianeta non rientravano tra gli interessi di un discorso in cui la preoccupazione principale era quella di assomigliare il più possibile ai "grandi" presidenti americani della storia ed alla loro filosofia di durissimi rapporti sociali rivolti all'affermazione ed all'arricchimento.

Ma che cosa possiamo aspettarci da una nazione in cui la lotta politica si svolge tra due partiti espressione dello stesso blocco sociale capeggiato dalle multinazionali, impregnati dall'ideologia liberista? Il socialismo è stato bandito e criminalizzato quasi un secolo fa ed i sindacati sono saldamente nelle mani non dico della mafia ma sicuramente di chi ha interesse a riscuotere solo le quote versate dai lavoratori. Una società in cui al massimo si fronteggiano due visioni della politica delle classi dominanti: una brutale e l'altra soft.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Ultime notizie dell'autore «Pietro Ancona - segretario generale CGIL sicilia in pensione»

8301