il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

F35 go home

F35 go home

(31 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(No basi, no guerre)

No dal Molin. Inizio lavori: appello per fermarli

(26 Gennaio 2009)

Questa settimana la conferenza regionale dei servizi ha approvato il progetto statunitense: questo significa che, nei prossimi giorni, potrebbero prendere avvio le demolizioni degli edifici esistenti all’interno del Dal Molin.

Tutti sanno che, nonostante la farsa messa in scena dalla conferenza regionale, l’impatto ambientale e paesaggistico del progetto è devastante. Chi vuole realizzare la nuova base militare a Vicenza sta tentando di imporla con ogni mezzo, calpestando legalità e democrazia.

Il Presidio Permanente No Dal Molin ha diffuso quest’oggi un appello rivolto a tutti coloro che si oppongono a questo devastante progetto. Quando iniziano fermiamoli con la nostra creatività: è questo il messaggio che i No Dal Molin hanno lanciato a quanti vogliono difendere democrazia e ambiente opponendosi a una base di guerra.

Alleghiamo di seguito il testo dell’appello.

Presidio Permanente, Vicenza, 25 gennaio 2009

Alle donne e agli uomini della città di Vicenza che hanno espresso la propria contrarietà alla nuova base militare statunitense
Alle donne e agli uomini che, pur non abitando nel capoluogo berico, si oppongono a questo progetto
Alle associazioni, organizzazioni e gruppi che si riconoscono nell'opposizione alla nuova installazione militare

Sono passati quasi due anni da quando, in 150 mila, dichiarammo di voler resistere un minuto in più di chi vuol realizzare la nuova base statunitense.

Ora, dopo mesi di mobilitazioni e iniziative che hanno dimostrato il carattere maggioritario dell'opposizione al progetto militare, coloro che vogliono imporre la realizzazione dell'opera vogliono impedire a una scrupolosa valutazione d'impatto ambientale realizzata da esperti al di sopra delle parti.

Milioni di metri cubi di cemento sull'unico territorio ancora verde nell'immediata periferia della nostra città, a poche decine di metri dal fiume Bacchiglione e sopra la più grande falda acquifera del nord Italia; palazzine, depositi di armamenti e – secondo le ultime mappe statunitensi – una pista di volo a 1500 metri dalla Basilica Palladiana. Chi si oppone alla valutazione dell'impatto di quest'opera mette in pericolo la salute e la sicurezza dei vicentini, l'equilibrio ambientale e idrogeologico dell'area, il patrimonio artistico e architettonico del territorio, rifiutandosi di indagare a fondo i rischi causati dal progetto.

Vicenza è trattata come una terra di conquista dove i cittadini sono considerati ostacolo alla realizzazione dei piani militari statunitensi; la stessa amministrazione comunale è impedita a esercitare la propria funzione di tutela dei cittadini, mentre le risorse del nostro territorio – a partire da quelle economiche[1] – vengono destinate non al benessere collettivo, bensì agli interessi di vuol imporre questa base.

Non intendiamo subire l'umiliazione di essere trattati come servi della gleba del feudatario di turno; difenderemo la nostra terra perché essa rappresenta non solo la nostra casa, ma anche il nostro diritto a poter decidere del nostro futuro.

Quando incominceranno le demolizioni delle infrastrutture presenti all'interno del Dal Molin inizieranno prima che venga effettuata una rigorosa Valutazione d'Impatto Ambientale, ci opporremo. Due anni nelle strade e nelle piazze delle nostre città ci hanno fatto riscoprire il nostro diritto ad alzare la testa contro l'arroganza e le imposizioni. La consultazione popolare ci ha mostrato che è possibile lavorare tutti insieme, pur nel rispetto delle reciproche differenze; crediamo che l’obiettivo comune di tutti coloro che si oppongono alla nuova base militare sia quello di impedire l’avvio delle demolizioni: per questo, proponiamo che ognuno dia il proprio contributo per raggiungere questo fine, rispettando pratiche e metodologie diverse ma complementari.

Qualcuno scrisse che l'unica battaglia persa è quella che non si combatte; noi vinceremo perché saremo in campo un minuto in più di coloro che vogliono realizzare la nuova base militare statunitense. Possono violare leggi e regolamenti; possono fare accordi in segreto e calpestare la democrazia; possono stendere progetti e stanziare fondi, creare recinzioni e disporre reticolati. Non potranno superare la nostra ostinata determinazione.

Quando inizieranno le demolizioni, la nostra creatività si esprimerà ancora una volta: insieme, li fermeremo.

[1] Le infrastrutture di servizio alla nuova base statunitense, per esempio, verrebbero realizzate a spese dell'azienda municipalizzata vicentina: centinaia di milioni di euro che si sommano al contributo annuale (pari al 41% delle spese totali) che il Governo italiano versa a quello statunitense per lo stazionamento di truppe nordamericane nel nostro territorio.

No Dal Molin

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «No basi, no guerre»

Ultime notizie dell'autore «Presidio Permanente "No dal Molin"»

6813