il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

E ora, avanti!!!

E ora, avanti!!!

(15 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Mirafiori. Vince il sì, anche se per pochi voti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    IL Partito Democratico lavora per fare firmare la CGIL con impegno degno di miglior causa

    (29 Gennaio 2009)

    Il Partito Democratico si è guardato bene dall'esprimere un giudizio sull'accordo separato che praticamente fa fuori il contratto collettivo nazionale di lavoro. La retribuzione avrà negli accordi locali, che potrebbero anche essere individuali, la sua sostanza. Non c'è niente di nuovo sotto il sole: si tratta di cottimo, di staglio, chiamiamolo come vogliamo ma è lavoro pagato a misura di quanto produce. E' difficile che la contrattazione di questi cottimi avverra' con un intervento bilaterale paritario. Nella stragrande maggioranza delle aziende sarà il datore di lavoro a stabilire come ed in che misura pagare. Dal momento che il ccnl diventa sempre più insignificante per il salario avremo un generalizzato prolungamento degli orari di lavoro. Naturalmente le aziende meno forti avranno più difficoltà delle altre a reggere ad un regime di produttività spinta. Reagiranno costringendo i dipendenti a lavorare molto di più per "tariffe" inferiori a quelle delle aziende più
    dotate.

    Il Partito Democratico ha costituito un gruppo composto da Letta, Damiano e Treu. Trattasi di tre esponenti della stessa scuola giuslavorista della destra. Non la pensano molto diversamente da Sacconi, Boeri, Cazzola,lo stesso Ichino è bipartisan ed è ossessionato dall'art.18 che vuole eliminare. Insomma lo scopo è quello di costringere la CGIL alla firma come è stato fatto per gli accordi di welfare con il governo Prodi, per l'Alitalia. Il tutto potrebbe avvenire nel corso dei prossimi due mesi, subito dopo gli scioperi, magari come risposta "positiva" agli stessi. Ma il pitone CGIL dovrà inghiottire il prodotto più indigesto della storia sociale italiana: un prodotto che sostanzialmente trasforma il Sindacato, come ha detto Sacconi, da conflittuale a collaborativo. Si sta creando la base materiale di questa trasformazione con il maggiore peso attribuito agli enti bilaterali che hanno dato vita già ad una burocrazia bipartisan che ha una cultura "nuova".

    L'accordo già firmato da Confindustria CIsl UIL ed altre associazioni è impregnato da una forte ideologia di suprematismo degli interessi aziendali su tutto. Sarà ancora più difficile scioperare e sapienti conoscitori del diritto hanno aperto la strada per impedire qualsiasi difesa al lavoratore o al gruppo di lavoratori che si ritenesse leso nei propri diritti. Insomma è stato studiato per armare di una pesante corazza di titanio il padronato e denudare completamente il dipendente che avrà le mani legate, sarà solo, dovrà o prendere o lasciare senza discutere. Una legislazione che sta facendo piazza pulita del potere di intervento della magistratura e che riduce a zero le possibilità di conciliazione. Lo Statuto dei Diritti dei Lavoratori ha avuto il suo funerale e l'Italia diventa il Paese europeo con meno tutele per le persone che lavorano che, non dimentichiamo, sono sempre oltre venti milioni.

    La crisi venuta dagli USa e che ha già travolto l'Europa sarà usata con molto cinismo per portare la CGIL a Canossa. E' molto ipocrita e falso ritenere che i diritti dei lavoratori possano essere di ostacolo alla lotta alla crisi che si combatte su piani in cui il costo del lavoro non è certamente il fattore più importante. Ma insomma rischiamo di avere l'accusa ai lavoratori financo di essere poco patriottici meno patriottici dei lavoratori americani che, sottomessi a sindacati che già da molto tempo "collaborano" con le imprese. Potrebbe essere vero, come io penso, il contrario: stabilità, salari decenti, pensioni decenti, potrebbero aiutare in modo potente la ripresa dal momento che nessuno compra una macchina nuova o cambia un mobile o il vestito se deve pensare a come sfamarsi fino alla fine del mese.

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Difendiamo il contratto nazionale di lavoro»

    Ultime notizie dell'autore «Pietro Ancona - segretario generale CGIL sicilia in pensione»

    3614