il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

No nightmare

No nightmare

(18 Settembre 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

STOP THE WAR - Fermiamo la guerra

volantino dell'Altovicentino Social Forum

(1 Aprile 2003)

Nonostante l'umanità intera avesse chiesto loro di fermarsi, il carnefice e i suoi vili servitori hanno iniziato a eseguire la sentenza di morte per un intero popolo

75 miliardi di dollari sono i soldi che Bush ha chiesto per coprire un solo mese di guerra

- Ne basterebbero 7 (miliardi di $), 3 giorni di guerra, per combattere efficacemente l’epidemia di aids per un anno
- Ne basterebbero 10, 4 giorni di guerra, per mandare alla scuola primaria tutti i bambini e le bambine che ora non possono farlo perché poveri
- Basterebbero 30 mila dollari, 1 secondo di guerra, per costruire una scuola e scavare un pozzo d’acqua in Burkina Faso

Quanto costerà questa guerra al popolo irakeno, in vite umane, distruzione di città, villaggi, fabbriche, reti idriche ed elettriche, inquinamento della terra e dell’aria, ecc.?

Quanto costerà a tutti in termini di imbarbarimento dei rapporti tra nazioni e convivenza tra i popoli, con il dilagare del virus nazionalista e razzista?

Quanto costerà a tutti noi, dal punto di vista economico, sociale, politico con l’avanzare di un’economia di guerra imposta dagli Usa a tutto l’Occidente per risollevare le sorti di un’economia neoliberista che sta sprofondando nella recessione?

Nonostante il servile governo Berlusconi abbia arruolato l’Italia nella guerra imperiale/ista di Bush QUESTA GUERRA NON E’ FATTA IN NOSTRO NOME - THIS WAR IS NOT IN OUR NAME

Tenteranno di fermarci con ogni mezzo, inclusa naturalmente una informazione di guerra falsa e manipolata da giornalisti arruolati e venduti (i più) o impossibiltati a lavorare, ma niente ci impedirà di proseguire ed estendere la mobilitazione che in questi primi giorni di guerra si è manifestata in tutto il mondo:

Boicottiamo le multinazionali americane e inglesi, le banche armate, le fabbriche di armi
Partecipiamo ai presidi organizzati in molte città, alle manifestazioni davanti le basi Nato
Partecipiamo agli scioperi contro la guerra indetti dal sindacalismo di base (e non solo)

Altovicentino Social Forum

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

5841