il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il capitalismo spiegato ai bambini

Il capitalismo spiegato ai bambini

(17 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Il Governo si accanisce sui diritti delle donne: NO all’aumento dell’età pensionabile

    (5 Marzo 2009)

    La proposta di innalzare l’età pensionabile delle donne nella pubblica amministrazione e portarla a 65 anni è il segno dell’ennesimo accanimento di questo Governo nei confronti del mondo del lavoro e - in particolare - delle lavoratrici.

    E’ vero quello che dice l’Unione Europea: sulle donne italiane pesa una strutturale condizione di discriminazione. Le donne italiane percepiscono le pensioni più basse e i posti che vengono loro offerti sono quelli più precari, quelli meno qualificati, quelli meno pagati. Ma niente come l’aumento obbligatorio dell’età pensionabile – ora per le donne del pubblico impiego, domani per quelle del settore privato – può aumentare questa discriminazione.

    Innalzare l’età pensionabile delle donne serve soltanto a peggiorare le loro condizioni di lavoro e chi lo chiede non ha idea di quanto la fatica e lo sfruttamento siano i tratti dominanti delle condizioni di lavoro e di vita delle donne. Una fatica e uno sfruttamento doppio: al lavoro e a casa. E’ bene ribadirlo: le donne di lavori ne fanno due, perché oltre al lavoro vero e proprio, tutte le responsabilità di cura - della casa, dei figli, degli anziani - sono affidate a loro.

    Oggi, in fase di recessione e di crisi economica, le discriminazioni e le sperequazioni a danno delle donne rischiano di aumentare. E’ sulle donne, sul controllo della loro autonomia e delle loro conquiste, che si consuma l’attacco più duro di questo Governo. Alzare l’età pensionabile delle donne a 65 anni aumenta le discriminazioni e serve soltanto a fare cassa per pagare la crisi.

    Come al solito, questa crisi la stiamo pagando tutta noi. Noi lavoratori e – soprattutto - noi lavoratrici.

    4 marzo 2009

    LE DONNE DELLA RETE28APRILE

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Difendiamo pensioni e TFR»

    Ultime notizie dell'autore «Rete del 28 aprile per l'indipendenza e la democrazia sindacale»

    4339