">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Freedom Flottilla 2

Freedom Flottilla 2

(13 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Si prepara una nuova Freedom Flottilla internazionale per Gaza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Stampa comunista: inutili i personalismi, serve un gioco di squadra
    Oggi, benché il Partito Comunista Italiano si sia sciolto nel 1991, lasciando il posto a un mosaico di piccoli partiti che si ispirano all’ideologia comunista, il bisogno di un’informazione critica e impegnata permane.
    (28 Febbraio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Imperialismo e guerra)

    Solidarietà agli studenti ed alla popolazione di Jayyous (Cisgiordania)

    (10 Marzo 2009)

    La cosiddetta “tregua” di fine gennaio non ha certo messo fine alle quotidiane vessazioni e ingiustizie che i palestinesi subiscono da più di sessant’anni per mano degli israeliani. L’occupazione continua e non possono certo non continuare anche i suoi crimini.

    Il 18 febbraio le forze armate israeliane hanno fatto irruzione nel villaggio di Jayyous, in Cisgiordania, arrestando più di 75 persone e trasformando alcuni edifici scolastici in un centro provvisorio per gli interrogatori. Tra i detenuti si trova quasi tutto il Comitato della “Campagna Stop the Wall”, colpevole di organizzare manifestazioni ed azioni di protesta contro il cosiddetto “muro dell’apartheid”. La volontà dell’occupante è chiara: spezzare la resistenza, colpendo quella che è la parte più attiva della popolazione locale: in questo caso giovani e studenti. Ma come più volte ribadito dalle organizzazioni della resistenza palestinese, anche durante i giorni dell’aggressione a Gaza, il popolo palestinese tutto non ha alcuna intenzione di chinare il capo e di subire supinamente la violenza sionista.

    Noi, per parte nostra, abbiamo il compito di non lasciar passare il progetto israeliano di “normalizzazione” dell’occupazione. La sottrazione dei pozzi d’acqua, la distruzione delle case, l’abbattimento degli ulivi, gli arresti, i check point, gli omicidi quotidiani, non possono passare in silenzio, non possono essere considerati “normali”!

    Libertà per tutti i prigionieri politici palestinesi!
    Facciamo di scuole e università un luogo di lotta e controinformazione!
    Per una Palestina libera, unita e rossa!

    RED-NET
    Rete delle Realtà Studentesche Autorganizzate

    5904