il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Giornata mondiale del risparmio

Giornata mondiale del risparmio

(29 Ottobre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    L'accordo separato è legge?

    (17 Aprile 2009)

    L'articolo di Giorgio Cremaschi, dirigente della Fiom e del gruppo 28 aprile della CGIL, apparso su Liberazione di oggi è titolato "l'accordo separato è legge. Il no della Cgil serva per ripartire." Non so se la titolazione dello scritto sia dello stesso Cremaschi o della redazione di Liberazione. Dice tuttavia una cosa non vera. Non è vero che l'accordo separato tra Confindustria,Governo, Cisl,UIl,UGL sia legge. Si tratta di un accordo separato che non ha alcun valore erga omnes, non può vincolare i lavoratori aderenti ai Sindacati (CGIL e sindacati di base) che non l'hanno sottoscritto. Dare per scontato che l'accordo separato sia "legge" significa accettarne sia pure obtorto collo l'esistenza e la legittimità. La legittimità dell'accordo separato è tutt'altro che scontata. Si tratta di un accordo interconfederale che modifica profondamente i contratti del settore privato ma anche quelli del settore pubblico. Per avere validità generale, per essere "legge" l'accordo separato, in base alla normativa tuttora esistente seppur in carenza di attuazione dell'art.39 della Costituzione, deve essere dichiarato tale da una legge della Repubblica. Per quanto il Parlamento abbia una maggioranza di centro-destra ed una opposizione che, sull'argomento, condivide la linea del Governo, non credo che sarà facile fare dichiarare erga omnes un accordo non sottoscritto dai rappresentanti della maggioranza dei lavoratori italiani (CGil e Cobas).

    Purtroppo, noto una scarsa o nulla volontà di andare oltre il mero rifiuto alla firma dell'accordo. Autorevoli dirigenti delle Federazioni di Categoria della CGIL dichiarano che la questione del modello contrattuale non è la priorità ma una questione secondaria a quella del costo della vita, della ripresa produttiva, dell'occupazione. La stessa presenza di Epifani alla cerimonia di firma degli accordi solleva interrogativi specialmente quando la Marcegaglia afferma di confidare nella disponibilità delle federazioni di categoria della CGIL ( sappiamo che la Flai ha già accettato l'accordo separato come canovaccio dei suoi accordi con gli altri sindacati per il rinnovo del contratto)-
    Detto questo, credo che la manifestazione del 4 aprile sia il canto del cigno di una stagione di lotte animate da una CGIL autonoma dal padronato e dai partiti, legata ai lavoratori. Non ci saranno altre manifestazioni ed alla chetichelle, ad una ad una, le categorie si adegueranno all'accordo separato. Chi non si adeguerà sarà in disgrazia nel PD e nella stessa CGIL.

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Difendiamo il contratto nazionale di lavoro»

    Ultime notizie dell'autore «Pietro Ancona - segretario generale CGIL sicilia in pensione»

    3429