il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Panerose blog    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

  • E' USCITO IL NUMERO 100 DELLA RIVISTA PROSPETTIVA MARXISTA
    (21 Giugno 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI

    • 25 Giugno 2021 - Ragusa
      "La fascia trasformata del Ragusano diritti dei lavoratori, migranti, agromafie e salute pubblica"
    • 26 Giugno 2021 - Roma
      Lenin: la formazione di un rivoluzionario (1870-1904) - Presentazione del libro

    SITI WEB

    Archivio notizie:: Altre notizie

    Giusppe Pinelli e la strage di stato continua

    (12 Maggio 2009)

    Il presidente Napolitano ha ricordato due giorni fa, nell’occasione della giornata delle vittime del terrorismo e del primo incontro tra le vedove Pinelli e Calabresi, l’anarchico milanese fuoruscito da una finestra al quarto piano della Questura di Milano. Singhiozzava il presidente migliorista e simultaneamente ribadiva, anche per oggi, il teorema degli “opposti estremismi” con il quale allora si voleva e pedissequamente anche oggi si vuole soffocare l’opposizione vera alla dittatura capitalista e alla fascistizzazione. A Pinelli, sul cui demenziale “malore attivo”, che secondo il magistrato D’Ambrosio, futuro candidato PCI, ne aveva causato la spontanea estromissione dalla finestra, da questa sola istituzione è stato riconosciuto il ruolo di ingiustamente perseguitato e vessato, 40 anni troppo tardi. Nessuno ha ricordato che fu Calabresi a togliere l’inchiesta sulla strage di Piazza Fontana a un collega, che stava indagando sugli ambienti di estrema destra (poi risultati colpevoli), per indirizzarla verso i compagni della sinistra. Nessuno ha ricordato che le indagini sul volo da una finestra piena di poliziotti furono condotti e fatti archiviare dagli stessi e che non si volle mai approfondire nulla con un procedimento giudiziario. Neanche oggi. Quando forse qualcuno presente nella “stanza piena di fumo” e perciò “da ventilare”, potrebbe aver avuto qualche evoluzione di coscienza. Nessuno ha colto l’occasione del 40° per ricordare le decine di giovani ammazzati nelle piazze del terrorismo di Stato, da Giuseppe Pinelli a Giorgiana Masi a Francesco Lorusso, laboratorio degli ammazzamenti in atto e programmati oggi a casa nostra e in giro per il mondo.
    Noi di Lotta Continua – quelli che non hanno tralignato - invece ricordiamo, ricordiamo tutto. Ricordiamo di aver rovesciato il paradigma di un potere ottuso, perfido e sanguinario attraverso lo smascheramento della “Strage di Stato”, con le nostre lotte, con innovazioni davvero rivoluzionarie di contenuti e forme, di assoluta validità contemporanea, con canzoni come questa: la migliore orazione funebre per il compagno Pinelli.

    Pinelli assassinato

    Quella sera a Milano era caldo
    ma che caldo che caldo faceva
    brigadiere apra un po’ la finestra
    ad un tratto Pinelli cascò.

    Signor questore io gliel’ho già detto
    lo ripeto che sono innocente
    anarchia non vuoi dire bombe
    ma giustizia amor libertà.

    Poche storie confessa Pinelli
    il tuo amico Valpreda ha parlato
    è l’autore del vile attentato
    e il complice di certo sei tu.

    Impossibile, grida Pineili
    un compagno non può averlo fatto
    e l’autore di questo delitto
    tra i padroni bisogna cercar.

    Stiamo attenti indiziato Pinelli
    questa stanza è già piena di fumo
    se insisti apriam la finestra
    quattro piani son duri da far.

    Quella sera a Milano era caldo
    ma che caldo, che caldo faceva
    brigadiere apra un po’ la finestra
    ad un tratto Pinelli cascò.

    L’hanno ucciso perché era un compagno
    non importa se era innocente
    ‘Era anarchico e questo ci basta”
    disse Guida il feroce questor.

    C’è un bara e tremila compagni
    stringevarno le nostre bandiere
    noi quel giorno l’abbiamo giurato
    non finisce di certo così.

    Quella sera a Milano era caldo
    ma che caldo, che caldo faceva
    brigadiere apra un po’ la finestra
    una spinta e Pinelli cascò,

    E tu Guida e tu Calabresi
    Se un compagno ci avete ammazzato
    Per coprire una strage di stato
    Questa lotta più dura sarà.

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie dell'autore «Fulvio Grimaldi»

    5936