il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

3 al giorno

3 al giorno

(10 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

26 Maggio 2009: altri tre operai sono stati assassinati in sardegna alla Saras di Sarroch (Cagliari)

Continua la guerra di classe contro i lavoratori.

(27 Maggio 2009)

Ancora una volta tre operai sono morti mentre facevano lavori di manutenzione programmata negli impianti di una raffineria. L’impianto in cui lavoravano, saturo di gas velenosi (in questo caso azoto), ha intossicato e ucciso in pochi minuti i tre operai dipendenti di una ditta esterna che aveva in appalto i lavori all’interno della raffineria. Ancora una volta delle famiglie proletarie piangono i loro congiunti, usciti di casa al mattino per guadagnarsi un tozzo di pane e che non torneranno più.

Dall’inizio dell’anno ad oggi il tragico conto dei numeri di questa guerra del capitale contro il lavoro salariato ha prodotto 420 morti, 420150 infortuni e 10503 invalidi nelle file proletarie.

Adesso, ancora una volta, ci saranno lacrime di coccodrillo e dichiarazioni roboanti di politici e sindacalisti. Gli stessi che, riconoscendo come legittimo il profitto e lo sfruttamento, ogni giorno firmando accordi che peggiorano la condizione operaia rendendosi complici dei padroni. Questi morti sono il frutto del “capitalismo buono” - quello industriale - quello che oggi, nella crisi, tutti i governi contrappongono a quello “cattivo” delle banche e della finanza; questo è il prezzo pagato dai proletari al capitalismo reale. Nascondendosi dietro il risanamento delle industrie, “la difesa del posto di lavoro”, spacciando come obiettivi operai la produttività, la competitività, il mercato, il profitto, l’obiettivo dei sostenitori del sistema borghese di cui le confederazioni sindacali (CGIL-CISL-UIL) fanno parte sono sempre gli stessi: difesa del capitalismo italiano nel mondo.

L’aumento dello sfruttamento, il peggioramento della condizione di lavoro e di vita della classe operaia e dei lavoratori, la perdita del potere d’acquisto dei salari e delle pensioni per salvaguardare i profitti e le rendite sta portando ad un imbarbarimento generale della società. Nella crisi le prime spese che i padroni tagliano sono quelle relative alla sicurezza e alla salute e così, mentre diminuiscono i lavoratori occupati ( ormai sono più di 700 mila i lavoratori in Cassa Integrazione, o licenziati), aumentano in proporzione i morti e gli infortuni sul lavoro.

Nel sistema capitalista (sia con i governi di centrosinistra che con quelli di centrodestra), i padroni e i loro dirigenti, responsabili di migliaia di morti sul lavoro e di lavoro ogni anno, anche quando vengono portati sul banco degli accusati per omicidio colposo se la cavano sempre: nel peggiore dei casi, con una condanna simbolica monetizzando la pena con un risarcimento economico ed ora, con il nuovo Testo Unico sulla sicurezza il governo concede ai padroni addirittura l’impunità, scaricando sugli stessi lavoratori la responsabilità della loro morte.

Lo sfruttamento sempre più intensivo è la causa principale dell’aumento degli infortuni.

E’ l’organizzazione capitalistica del lavoro che produce nuove malattie, morti sul lavoro e di lavoro.

Il singolo lavoratore senza organizzazione può solo subire perchè è in balia del padrone e del suo sistema politico, legislativo, economico, giudiziario.

Organizzarsi a partire dei luoghi di lavoro, rifiutandosi collettivamente di compiere lavori pericolosi senza Dispositivi di Protezione Individuali e Collettivi idonei, significa riprendere nelle proprie mani il proprio destino rifiutando ogni logica di delega e di monetizzazione della salute.

Una società che vive e prospera sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, che considera normale e accettabile che migliaia di esseri umani ogni anno vengano uccisi nelle fabbriche, nei cantieri e sui luoghi di lavoro, nei processi di produzione per arricchire la classe padronale è una società che di umano non ha più niente e merita di essere distrutta dalle fondamenta.

Michele Michelino
Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”
Via Magenta 88 – Sesto San Giovanni (MI)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Sesto San Giovanni»

6492