il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

La beccaccia

La beccaccia

(20 Giugno 2011) Enzo Apicella
Il pm napoletano Henry John Woodcock mette sotto inchiesta la cosiddetta P4, "un governo occulto della cosa pubblica, parallelo a quello legale e interagente con esso"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

I Panzoni

(30 Maggio 2009)

L'Italia è diventata davvero il Paese della Farsa Infinita, una farsa sempre più grottesca, umiliante, deprimente. Il Ministro Brunetta deve la sua notorietà alla definizione di "fannulloni" affibiata ai dipendenti pubblici, tra il consenso sfegatato di tanti "autonomi" che vorrebbero sommare lo stipendio fisso ai vantaggi del libero commercio e della libera professione e pertanto invidiano i pubblici dipendenti, che ha creato con la questione malattia una situazione di grande disagio e di vere difficoltà per quanti hanno la disgrazia di ammalarsi o di sentirsi male. Ora ol Ministro, tanto per mantenere desta l'attenzione verso di sè, non ha trovato di meglio che definire "panzoni" i tanti che nella Polizia sono adibiti a funzioni amministrative. L'attacco è alle persone ed alle abitudini alimentari dei Panzoni. Il Ministro infatti ha specificato che vanno in ufficio perchè in strada sarebbero "mangiati"dalla delinquenza, cioè non sarebbero in grado di fronteggiarla non avendo il fisico di superman addestrati al corpo al corpo.

Inoltre, il Ministro, inebriato dal fatto di esserlo e di esercitare un "comando", insomma di trovarsi al vertice del Governo, suggerisce ai dipendenti pubblici giacca e cravatta tutti i giorni. La voglia di irreggimentazione del centro destra traligna dappertutto: dai grembiulini scolastici alle ronde dei soldati per le strade italiane. Presto avremo anche una divisa per i dipendenti civili dello Stato come si usava se mal non ricordo nella Russia degli Zar e nelle Corti Europee. Il Ministro Brunetta non vuole essere da meno della sua collega Gelmini.

Alla reazione dei rappresentanti della Polizia il Ministro ha risposto dicendo "scherzavo!", una risposta di chi, rendendosi conto di averla fatta grossa, vorrebbe nascondere la manina, volgerla in burla.

Naturalmente, non è affatto vero che "scherzava". Nella definizione di "panzoni" per tanti poliziotti c'è una venatura che potrebbe essere razzista nei confronti delle tante persone obese, ma c'è anche una giudizio sul lavoro di ufficio come lavoro di tutto comodo che non solo non richiede agilità fisica ma che addirittura impoltronisce. Il Ministro non si chiede neppure se stare davanti il computer per sette ore al giorno o stare ad uno sportello a fronteggiare file interminabili di migranti sia impegnativo. Continua nella sua grottesca campagna di squalificazione di tutti i settori della pubblica amministrazione caso unico al mondo tipico della patologia berlusconiana del potere.

Avrebbe potuto, se volesse rendere davvero un servizio allo Stato, senza tanti strombettature, porsi il problema di quanti poliziotti sono adibiti ai servizi di scorta a personaggi della politica che non ne hanno affatto bisogno se non come status simbol. E' davvero scandaloso vedere in TV folle ridicole di persone che si muovono attorno ai potenti. Il Presidente del Consiglio viene inquadrato spesso dentro una folla di protettori un vero e proprio corteo che sarebbe stato oggetto di un esilarante film ai tempi del muto. Questa processione di guardie dei politici è unica in Europa. Non esiste alcun Paese in cui si assiste allo spettacolo che noi vediamo ogni giorno in Italia ed è un segno della degenerazione della nostra democrazia in oligarchia ed ora in principato.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il quarto governo Berlusconi»

Ultime notizie dell'autore «Pietro Ancona - segretario generale CGIL sicilia in pensione»

3687