il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Finanze d'alto bordo

Finanze d'alto bordo

(27 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Milano. Comunicato stampa dei lavoratori in lotta

(5 Giugno 2009)

Oggi pomeriggio davanti alla sede milanese del gruppo Marcegaglia con delegazioni di lavoratori di Lares, Metalli Preziosi, Terex Comedil, Marcegaglia BuildTech, Omnia Service, Genia Ambiente, Siemens, Om Lainate, Cme, Scuola, ci siamo dati appuntamento per una importante manifestazione organizzata dal Coordinamento di lotta del Nord Milano.

Davanti la sede del presidente di Confindustria, abbiamo denunciato l’atteggiamento padronale rivolto a far pagare gli effetti nefasti della crisi del loro sistema di sfruttamento ai soli lavoratori.

Milioni di euro sono stati stanziati per finanziare le banche, con il falso obiettivo di far ripartire le produzioni e sollevare le sorti dell’occupazione. In realtà noi lavoratori continuiamo ad essere considerati esuberi, cassaintegrati o espulsi definitivamente dal processo produttivo.

I lavoratori della Lares e della Metalli Preziosi, dopo sei mesi senza stipendio e di presidio dei cancelli della fabbrica, ricevono dal padrone e istituzioni solo promesse e nessuna sicurezza per il futuro.

Dalla Marcegaglia, in corteo, abbiamo attraversato le vie di uno storico quartiere operaio di Sesto S. G. ( Marelli), dove dalle finestre e dalle strade abbiamo ricevuto il sostegno degli abitanti, anch’essi lavoratori, che in parte si sono uniti al corteo.

Da lì ci siamo recati davanti alla sede regionale di CGIL CISL UIL dove, bloccando l’incrocio, abbiamo denunciato il ruolo passivo che stanno assumendo le Organizzazioni Sindacali rispetto all’attacco dei padroni e la scarsa sensibilità e sostegno alle lotte che stiamo mettendo in campo per resistere alla crisi e contro la chiusura delle fabbriche.

Dopo aver posto lo striscione della testa del corteo sulle scale davanti al portone d’entrata e superato il primo incomprensibile imbarazzo di alcuni funzionari, una delegazione di lavoratori è stata ricevuta da una parte della segreteria della sola CGIL regionale ( CISL e UIL non ne hanno voluto sapere). Dall’incontro , da parte Confederale, è emersa la conferma della tenuta della linea nazionale sull’accordo separato firmato da Cisl, Uil e Ugl e la presa d’atto della nostra denuncia; da parte della delegazione, la premessa che le nostre iniziative non sono contro l’organizzazione sindacale dei lavoratori, ma sono volte allo stimolo e all’incoraggiamento a proseguire nella lotta.

Durante il corteo abbiamo continuato a ribadire i nostri obiettivi:
NESSUN LICENZIAMENTO
NESSUNA FABBRICA CHIUSA
ESTENSIONE A TUTTI I LAVORATORI DEGLI AMORTIZZATORI SOCIALI
SALARIO GARANTITO PER I DISOCCUPATI E CASSAINTEGRATI
NO ALL’AUMENTO DEL CAROVITA
BOLLETTE E SPESE SOCIALI GRATIS PER DISOCCUPATI E CASSAINTEGRATI
PAGAMENTI DI TUTTI GLI STIPENDI ARRETRATI

Su questi punti vogliamo unirci a tutti i lavoratori in lotta, perché pensiamo che solo manifestando uniti possiamo resistere e vincere.

Milano, 4 giugno 2009 ore 19.00

Comitato di Lotta Nord Milano (CLNM)
comitatoperaionordmilano@yahoo.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il capitalismo è crisi»

4869