il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Honduras

Honduras

(25 Luglio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Contro il colpo di Stato in Honduras

in solidarietà al processo di integrazione latino americano

(1 Luglio 2009)

OGGI MARTEDI’ 30 GIUGNO SI E' TENUTO A ROMA UN IMPORTANTE E PARTECIPATO SIT-IN
DI FRONTE ALL’AMBASCIATA DELL’HONDURAS

Come in moltissime capitali latino americane ed europee e in molti paesi di altri continenti, anche a Roma oggi si è svolta una manifestazione con un sit-in di fronte all'ambasciata dell’Honduras che ha visto la partecipazione di qualche centinaio di militanti di comitati,organizzazioni, associazioni e sindacati di base, per denunciare il golpe militare che ci riporta agli anni ’70/’80 quando gli Stati Uniti pensavano di gestire il continente come un "Cortile di Casa", con un carico di terrore, sfruttamento, repressione.
In Honduras come in tanti altri paesi della Nuestra America sono in atto processi di democrazia partecipativa realizzati dai movimenti di base dei lavoratori e dei popoli indigeni che rivendicano la propria indipendenza dai modelli di sviluppo imposti dal capitalismo e dall'imperialismo.
Una modifica che non è piaciuta alle forze militari e all’oligarchia fascista dell'Honduras , come non è piaciuto che l’Honduras abbia aderito alcuni mesi fa all’ALBA (Alleanza Bolivariana per i popoli di Nuestra America) scegliendo così definitivamente la strada dell’indipendenza, dell’autodeterminazione senza alcun compromesso con i regimi delle multinazionali, con l’imperialismo e i suoi organismi internazionali.
Coprifuoco, morti, feriti, mandati di cattura e arresti di dirigenti sociali e sindacali, non fermano però la mobilitazione a favore del legittimo presidente Zelaya e il movimenti sociali e di base continuano a rivendicare la modifica radicale della Costituzione dell' Honduras, affermando pienamente l’indipendenza per affiancarsi al cammino di quei paesi come Bolivia, Ecuador, Venezuela, Cuba, Nicaragua e tanti altri che anche se con forme diverse stanno cercando una loro soluzione e una loro autonoma via allo sviluppo autodeterminato e a processi reali di democrazia partecipativa.

Gli organizzatori del sit-in continueranno la mobilitazione a fianco del popolo dell'Honduras e di tutti i popoli del Continente Rebelde per la realizzazione del processo di integrazione latino americano e del Socialismo nel XXI secolo.

Gli organizzatori e i partecipanti al sit in:
Membri italiani de La Red de la Redes en Defensa de la Humanidad (NUESTRA AMERICA, RADIO CITTA’ APERTA, CONTROPIANO, LABORATORIO EUROPEO PER LA CRITICA SOCIALE. NATURA AVVENTURA,) ; COMITATO CARLOS FONSECA – ROMA, CONFEDERAZIONE COBAS – ITALIA, RETE DEI COMUNISTI, SPAZIO SOCIALE EX-51 ROMA , COORDINAMENTO CITTADINO DI LOTTA PER LA CASA, FEDERAZIONE NAZIONALE RDB, ASSOCIAZIONE ITALIA NICARAGUA “CIRCOLO LEONEL RUGAMA”, ASSOCIAZIONE LA VILLETTA; COMITATO PALESTINA NEL CUORE; CENTRO INFORM. RICER. CULT., INTERNAZ. (C.I.R.C. INTERNAZIONALE); COORDINAMENTO GIOVANI IN LOTTA, FORUM PALESTINA, CIRCOLO COMUNISTA STEFANO CHIARINI, PART.RIFONDAZ.COMUNISTA, ASSOC. PROG. SUR.,PART.dei COMUNISTI ITAL.,CDR-ROMA,CIRCOLO ROMA ASS. ITALIA-CUBA,CSOA EX SNIA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Honduras resiste!»

4761