il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Madrid - Roma

Madrid - Roma

(30 Settembre 2012) Enzo Apicella
A Madrid assedio del Parlamento, a Roma assedio dei negozi Apple

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

La sinistra CGIL esce dal comitato per il sì?

Gian Paolo Patta, Coordinatore di Lavoro Società, scrive ad Epifani e al presidente del Comitato    

(16 Maggio 2003)

Roma, 14 maggio 2003

a Guglielmo Epifani
Segretario Generale CGIL
p.c. Tutte le strutture


Caro Guglielmo,

il Direttivo approvando quasi all’unanimità la tua relazione ha voluto segnare l’autonomia della Cgil e la continuità con la linea approvata dal Congresso di Rimini e col grande movimento a difesa dei Diritti promosso dalla nostra organizzazione.

Le diverse valutazioni esistenti tra di noi sull’uso del referendum non possono oscurare il significato straordinario della scelta effettuata dal Direttivo.

La Cgil in questa fase difficile sul piano istituzionale, politico e sociale è chiamata a dare prova di unità e determinazione come nel 2002.

Per questa ragione ti annuncio che l’area programmatica Lavoro Società si è ritirata dal “Comitato per il SI” e come tutti nella Confederazione darà il massimo contributo alla mobilitazione che la Cgil autonomamente deciderà.

Cordialmente.

Gian Paolo Patta
(Coordinatore di Lavoro Società)        

P.S.: ti allego copia della lettera inviata al Presidente del Comitato promotore per il “SI”


Roma, 14 maggio 2003

a Paolo Cagna
Presidente Comitato Nazionale per il “SI”
MILANO



Caro Paolo,

come sai il Direttivo della Cgil ha deciso di sostenere il “SI” nel referendum sull’art. 18.

Nello stesso tempo ha deciso di scendere in campo con una campagna referendaria autonoma, e di non aderire pertanto al Comitato per il “SI”.

La scelta della Cgil è coerente e coraggiosa e ritengo che vada sostenuta da uno sforzo unitario significativo.

Per queste ragioni Lavoro Società rispetterà le decisioni del Direttivo confederale e sosterrà la campagna della Cgil. Usciamo quindi dal Comitato per il “SI”.

Con questa scelta non intendiamo condizionare nessun altro. Parteciperò al prossimo incontro per gestire positivamente e nell’interesse della comune campagna per la vittoria del “SI” le ricadute di questa scelta.

Considerato, però, che forze importanti che sostengono il “SI” non aderiscono al Comitato credo che forse sarebbe opportuno il suo superamento per rilanciare l’originario Comitato Promotore che dovrebbe rapportarsi a questo fronte più ampio.

Cordialmente.

Gian Paolo Patta
(Coordinatore di Lavoro Società)           

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va la sinistra sindacale CGIL?»

6084