il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Emergenza ceneri...

Emergenza ceneri...

(17 Aprile 2010) Enzo Apicella
La nuvola di ceneri del vulcano Eyjafjallajokull arriva sull'Italia. A Roma manifestazione in solidarietà a Emergency

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...)

Rethink Afghanistan. Iniziativa a Padova

(20 Settembre 2009)

Questa mattina si è svolta a Padova una conferenza stampa in collegamento con la Campagna Americana "Rethink Afghanistan - Otto anni dopo: Settimana Nazionale di Azione dei Media contro la Guerra in Afghanistan" e all'interno della crescita in Italia e nel mondo del rifiuto dell'occupazione militare.
Abbiamo scelto di farla davanti al Monumento Ledeskin dedicato ai morti dell'11 settembre per riaffermare che otto anni di occupazione militare non hanno fatto che seminare morte e distruzione.

Non c'è più spazio per le menzogne di chi cerca di sostenere che la guerra porta democrazia e giustizia in un paese che giorno dopo giorno va verso la barbarie, come fanno gli esponenti del governo e dell'opposizione.

Milioni di euro e dollari, vengono spesi in una operazione di morte.

Soldi che invece potrebbero essere utilizzati per scuole, università, servizi sociali e solidarietà.

L'iniziativa si è successivamente spostata in piazza delle Erbe dove d'innanzi alla presenza di un banchetto della Lega Nord non si poteva rimanere in silenzio.
Smontare materialmente e politicamente l'ipocrisia della Lega è un contributo reale alla battaglia per il ritiro delle truppe.
Bossi parla di ritiro perchè sa che, giustamente, sempre più italiani si domandano che senso ha restare in Afghanistan. Ma la Lega nell'affermare questo, per motivi di consenso, cerca di instillare sempre il suo morbo razzista: “Andiamo via dall'Afghanistan e chiudiamo le nostre frontiere al pericolo umano dell'altro”.

Noi diciamo basta a questa ipocrisia razzista!
Essere per il ritiro delle truppe e contro la guerra significa essere contro ogni morte che nasce dall'occupazione militare.
Essere per il ritiro per noi è anche porre fine al tragico destino dei giovani Afghani che muoiono nel Porto di Venezia tentando di entrare in Italia per sfuggire alla guerra.
Essere per il ritiro significa bloccare la costruzione di nuove basi di morte come quella di Vicenza e su questo la Lega mostra tutta la sua ambiguità.
I vertici leghisti si lavano la bocca con parole quali “federalismo” e frasi come “paroni a casa nostra” e poi, comodamente accomodato sulle foderate poltrone romane, accettano la costruzione della base di guerra Dal Molin di Vicenza contro il volere dei cittadini vicentini.

Ripensare Afghanistan per noi è tutto questo.
Agire per il ritiro delle truppe ora e subito contro ogni ipocrisia e menzogna.

Associazione Ya Basta – Centro Sociale Pedro

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...»

3219