il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Fuoco amico

Fuoco amico

(21 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Silvio Berlusconi spiega di non aver sentito il suo amico Gheddafi per non «disturbarlo» in un momento così delicato.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

L'incontro di Ciampino-Canossa!

(28 Settembre 2009)

Il Capo del Governo è costretto a "pustiare" (1) di aeroporto in aeroporto il Papa per poter essere ammesso alla sua presenza e riceverne il salvifico balsamo di un viso "ammagnato"(2) in benevolenza.All'aeroporto di Ciampino che non è Canossa aspetta per circa un'oretta che arrivi Benedetto XVI con il quale scambia tre minuti di convenevoli del più e del meno.Questo incontro nella diplomazia vaticana non può essere classificato involontario e protocollare :è stato preparato con cure assidue per molti giorni. Forse il Vaticano lo avrebbe voluto più in là essendo ancora fresca l'offesa arrecata al direttore dell'Avvenire fucilato con pallini avvelenati di Feltri. Ma Berlusconi fremeva di impazienza: ha un bisogno enorme di un grosso accreditamento morale o comunque di una sorta di riabilitazione dopo gli scandali a ripetizione e tutti a sfondo sessuale di Noemi, di Villa Certosa e di Palazzo Grazioli. Se il Papa lo riceve e scambia qualche parola con lui le cancellerie e la stampa estera potrebbero essere indotte a non occuparsi più delle "particolarità" del nostro Presidente del Consiglio e l'elettorato cattolico italiano a perdonarlo. Non esiste forse nella religione cattolica l'istituto del pentimento e del perdono divino? Unica tra le religioni ,quella cattolica prevede che l'uomo possa mondarsi, attraverso la Chiesa, di qualsiasi delitto. Importante è confessare al prete e pentirsi, rimettersi alla volontà della Chiesa! Essere perdonati dalla Chiesa cancella il peccato e riammette nell'ecclesia. La Chiesa ha il più terribile marchingegno di sanatoria che potesse essere inventato!

Nel suo caso Berlusconi non tiene conto di due cose, a mio giudizio importanti: la prima è che l'elettorato cattolico che vota centro-destra non ha bisogno di ricevere alcun segnale dalla Chiesa per continuare a sostenerlo. Chi accetta la degenerazione che il centro-destra ha impresso allo Stato di Diritto con le leggi ad personam e con le leggi razziali contro gli immigrati ed i poveri è difficile che abbandoni il suo capo politico per una questione di moralità che derubrica a questione di privacy.Quella parte di elettorato cattolico che invece si scandalizza per l'autoritarismo fascistoide ed anticostituzionale e per il libertinaggio gaudente organizzato su basi industriali del Capo del Governo non si lascerà convincere da un incontro e neppure dalle concessioni che il centro-destra si accinge a fare alla gerarchia vaticana dal momento che è cattolico ma laico ed insofferente per l'oscurantismo e la durezza dogmatica e teologica di questo Papato. E' molto dubbio che il pensiero dei parlamentari cattolici corrisponda al sentire dei cattolici italiani. Quando il Papa parla contro "la famiglia allargata" in un paese in cui le ultime generazioni appartengono in grandissima parte a famiglie costituitesi dal fallimento di precedenti famiglie paterne e materne credete che trovi consenso? Il diritto della persona di avere una nuova chance dopo un naufragio può forse essere negato? Un bambino di una famiglia allargata con fratellini e sorelline generate da altri incontri dei genitori è felice o infelice in ragione dell'affetto che riceve o che gli viene negato e non certamente per la situazione giuridica e per la novità della sua famiglia piena di tante presenze e di tante parentele orizzontali.

L'Italia non è clericale e sanfedista come molti dei suoi deputati. Lo sappiamo bene attraverso i suoi pronunciamenti referendari su divorzio, aborto, e anche per la legge 40 sulla fecondazione assistita che ebbe quindici milioni di votanti laici a fronte del boicotaggio delle parrocchie e di organizzazioni come Comunione e Liberazione, Opus Dei, Azione Cattolica, Vita. Il Vaticano ha estremo bisogno di un Governo e di un Parlamento docili per imporre agli italiani le sue mortifere volontà e per lucrare il massimo di finanziamenti e di agevolazioni di legge. Credete forse che gli italiani avrebbero approvato l'assunzione di 25 mila insegnanti di religione cattolica pagati dallo Stato ma dipendenti dai Vescovi?

Quindi la Chiesa pur dovendosi mostrare critica verso taluni comportamenti libertini del nostro Presidente del Consiglio ha fretta di ricostituire un forte e positivo rapporto che gli consenta di fare passare la sua linea oscurantista su questioni come il testamento biologico, la RU486 per la quale ha ottenuto l'istituzione di una Commissione che difatto ne blocca l'introduzione in Italia dopo il via libera della AIFA, i patti civili di solidarietà, la stessa legge 194 assediata fin dalla sua emanazione.......

Ma la Chiesa Cattolica ha davvero l'autorità "morale" per mondare qualcuno della lussuria che era un peccato ai tempi di Dante ma che non è certamente tale se non fosse praticata con scandalo dal Presidente del Consiglio?

La Chiesa Cattolica è afflitta dal terribile morbo della pedofilia. Nei giorni scorsi leggevo di una associazione che si sarebbe costituita tra le migliaia di vittime dei preti irlandesi. I casi sono davvero tanto numerosi e spesso tanto odiosi che richiederebbero espulsioni ed un generale risanamento morale del clero. Mi domando se la Chiesa si sia mai posto il problema di tanta pedofilia al suo interno, una malattia che non si riscontra tra i protestanti o tra gli islamici....

E' vero che questo Papa ha dato una forte zampata ai pedofili ma siamo nel campo di una repressione più o meno severa e dura di un fenomeno del quale non si vogliono riconoscere le radici nella sessuofobia e nel celibato. Certo si può essere sposati e pedofili ma il momento in cui la Chiesa riconoscerà alla donna la dignità per potere sposare un suo sacerdote si sarà compiuta una tale rivoluzione culturale da escludere l'ulteriore manifestazione di comportamenti patologici e sessuofobici Insomma la nefasta collaborazione tra il centro-destra italiano ed il Vaticano continuerà nonostante le critiche di Famiglia Cristiana. Le organizzazioni che davvero contano dentro la Chiesa sono a sostegno totale del centro-destra. Comunione e Liberazione collabora apertamente con Berlusconi in molte regioni italiane a cominciare dalla Lombardia. Una componente importante come la Lega ha in corso un fitto pour parler con i massimi esponenti della Gerarchia e non dubito che la cornucopia dello Stato e delle Regioni riverserà frutti copiosi nell'ampio grembio talare.

Per cambiare le cose è necessario che la sinistra ed il PD cessino di concorrere con il centro-destra nell'ingraziarsi il Vaticano. Sono certo che De Gasperi o Moro o Fanfani per parlare dei politici cattolici che ha avuto l'Italia non avrebbero pietito in un aeroporto-Canossa una qualche parola del Pontefice. Erano cattolici ma sapevano difendere lo Stato laico ed avevano alto senso della propria dignità e della dignità dello Stato.

Dovrebbero venire dal PD e da sinistra segnali di vero contrasto per la deriva di destra e sanfedista del Paese. Ripeto: l'Italia non è clericale! E' clericale per convenienza e cinismo gran parte del suo Parlamento e del suo Governo.

L'oscurantismo e l'arretratezza culturale del popolo italiano vengono indotti da misure legislative e da scelte che maturano dentro i Palazzi del Potere, dal Laterano a Palazzo Madama che si è genoflesso alle voglie degli antiabortisti....

Ma l'Italia può riprendere il suo cammino di civiltà che ebbe nel 68 e nel primo trentennio della Repubblica i suoi momenti più alti!

(1) siciliano: fare la posta, aspettare
(2) ancora siciliano, atteggiamento grave e quasi solenne del volto di chi può punirti ma ti fa del bene.

http://www.apcom.net/newspolitica/20090914_162800_4b6117b_70740.html

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il quarto governo Berlusconi»

Ultime notizie dell'autore «Pietro Ancona - segretario generale CGIL sicilia in pensione»

2541